`Sandro Codazzi´


Autore disco:

Sandro Codazzi

Etichetta:

Musica di un Certo Livello (I)

Link:

mcl.altervista.org/

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2011

Titoli:

1) Android Ritmo Abarth 2) Sex In The Kadett 3) Aftermath 4) Transitions 5) The Performer 6) Martezan 7) Sierra Cosworth 8) F.I.A.L.A.S. 9) Uno Turbo I.e. 10) Automatic Love Song

Durata:

45:00

Con:

Sandro Codazzi, Valentina Giosa, Valentina Castellani

il miglior barbecue nel giardino di Frans De Waard

x Matteo Uggeri

Fosse per me vi manderei direttamente al link di Vital Weekly numero 789, di cui vi copio un estratto: «As I was cooking meals last week for a larger group, music like this was playing all day. House, techno, electro – anything with a nice beat. Codazzi uses also a lot of vocoder vocals, New Order like bass sounds and fine hooks. What can I say? Nothing for Vital Weekly? Perhaps so indeed, but do I like this? Hell, yes, I do. The best pop stuff in ages.»
Cosa dire di più da aggiungere alla sentenza (a dire il vero del tutto iperbolica, ma si sa che il caro Frans è uomo di giudizi estremi)? Forse non così straordinario, però il disco dello svizzero (?) Codazzi è pura italo-disco da suoni vintage che letteralmente balzano fuori dalle casse della vostra autoradio. E se lo ascolterete nell'abitacolo di una Ritmo Abarth significa che siete sulla strada giusta e non smetterete di guidare per ore: l'immaginario eighties-pop un po' da Drive-In di Codazzi aggiunge quella sana ironia che ci fa chiudere un occhio di fronte alla prolissità  di alcuni brani. Se aggiungiamo che pure il nostrano Zingales ne è rimasto stregato, mancano solo le referenze di Baldelli e Shapiro e Codazzi è pronto per il gotha della disco internazionale.

PS: aggiungiamo una nota sulle splendide fotografie del pilota Elio De Angelis (chi non se lo ricorda, oh voi ragazzi degli anni '80 che mi leggete?) scattate da Bernard Asset.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 3/9/2012

`Outta Kali Phobia´  

`Radici´  

`Multiple´  

`Sotto assedio´ // `Il giorno delle altalene´ // `Endless Tapes EP´  

`Adesso´  

`Natura Morta´ // `Blind Sun New Century Christology´ // `Dust & Mirrors´  

`Pareti nude´  

`Germanotta Youth´  

`All Impossible Worlds´  

`Cloudriding´  

`More Nasty´ // `Svimmelhed´ // `Residual Ugly´  

`Il formicaio´ // `Nagual´ // `Hyppopotàmus´  

`DIE´ // `S’Û´  

`La Solitudine del Sole´ // `Fino alla fine della notte´  

`Greetings´  

`La prima volta´  

`Difference Engines´  

`Crudité´  

`Naked Wolf´ // `Buiten Dienst´  

`Matrice´  

`Madrigali´  

`Governo Laser´  

`Burnout (August Sessions)´  

`Digital Kind Of Guy´  

`Sono andato a letto presto´  

`Virus´  

`Virale´  

`Fiori dal limbo´  

`Erm´ // `Vignettes´ // `After Dinner´  

`Embeddead´  

`Diplocomp – A Diplodisc Sampler´  

`Reforged´  

`Waschmaschine´  

`Jarboe / Helen Money´  

`La via della salute´  

`Tape Crash #11: The Examination´  

`Blu´  

`Perfect Laughter´  

`Ranch´  

`Apocalypse Town´  

`Exagéré!´  

`Tsuru No Sugomori´  

`Dasein´  

`The Cost Of Service´ // `CaseMatte / коробочка для пилюль´ // `Threatening Fragments From Four Boulders´  

`Peripheral´  

`Coro Corridore con Megafoni´  

`Elementer´ // `Primitive Future´  

`La Chambre Des Jeux Sonores´  

`In God We Trust´  

`Lasting Ephemerals´ // `Don Kixote´ // `Moon´  

`nu.it´  

`Come in cielo così in terra´  

`Scimmie´  

`David´  

`Obsession´ // `Guns of Brixton´  

`Artists´  

`The Seven Inch Series Vol. 1´ // `The Seven Inch Series Vol. 2´ // `The Seven Inch Series Vol. 3´  

`मेम वेर्म [mema verma]´