`Sandro Codazzi´


Autore disco:

Sandro Codazzi

Etichetta:

Musica di un Certo Livello (I)

Link:

mcl.altervista.org/

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2011

Titoli:

1) Android Ritmo Abarth 2) Sex In The Kadett 3) Aftermath 4) Transitions 5) The Performer 6) Martezan 7) Sierra Cosworth 8) F.I.A.L.A.S. 9) Uno Turbo I.e. 10) Automatic Love Song

Durata:

45:00

Con:

Sandro Codazzi, Valentina Giosa, Valentina Castellani

il miglior barbecue nel giardino di Frans De Waard

x Matteo Uggeri

Fosse per me vi manderei direttamente al link di Vital Weekly numero 789, di cui vi copio un estratto: «As I was cooking meals last week for a larger group, music like this was playing all day. House, techno, electro – anything with a nice beat. Codazzi uses also a lot of vocoder vocals, New Order like bass sounds and fine hooks. What can I say? Nothing for Vital Weekly? Perhaps so indeed, but do I like this? Hell, yes, I do. The best pop stuff in ages.»
Cosa dire di più da aggiungere alla sentenza (a dire il vero del tutto iperbolica, ma si sa che il caro Frans è uomo di giudizi estremi)? Forse non così straordinario, però il disco dello svizzero (?) Codazzi è pura italo-disco da suoni vintage che letteralmente balzano fuori dalle casse della vostra autoradio. E se lo ascolterete nell'abitacolo di una Ritmo Abarth significa che siete sulla strada giusta e non smetterete di guidare per ore: l'immaginario eighties-pop un po' da Drive-In di Codazzi aggiunge quella sana ironia che ci fa chiudere un occhio di fronte alla prolissità  di alcuni brani. Se aggiungiamo che pure il nostrano Zingales ne è rimasto stregato, mancano solo le referenze di Baldelli e Shapiro e Codazzi è pronto per il gotha della disco internazionale.

PS: aggiungiamo una nota sulle splendide fotografie del pilota Elio De Angelis (chi non se lo ricorda, oh voi ragazzi degli anni '80 che mi leggete?) scattate da Bernard Asset.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 3/9/2012

`Farfalle e Falene´  

`The Stabbing´ // `Acephale´ // `in Fin dei Corpi´  

`Autotrophy´  

`Memoria Istruttiva´ // `Funeral Parties´  

`Chi va piano va già troppo veoce (Sulla lentezza del bradipo)´  

`Arpe Eolie´ // `Ragionamenti musicali in forma di dialogo: X e XII´  

`Tectonic Shifts´ // `Modus Of Raw´  

`Hoverload´ // `{}´  

`Ho perso la testa´ // `Musica per autoambulanze´  

`Zurich Concerts (15 Years Of Kontrabassduo Studer-Frey)´  

`Tape Crash 14´ // `Tape Crash 15´  

`Âncora´  

`Calce´ // `5 Haiku´  

`Chamber Rites´  

`Numen – Life Of Elitra Lipozi´  

`Honey Ant Dreaming´ // `Reverie´ // `Warm Glow´ // `Bliss´  

`The Exodus Suite´  

`A Beat Of A Sad Heart´  

`Silent People´  

`Circles Of Upper And Lower Hell´  

`A Tree, At Night´ // `Prima del terzo´ // `Heavy Nichel´ // `Taken From A True Story´  

`D’ora stella´  

`Witch´ // `The Golden Calf´ // `Il vespaio´  

`New York City´ // `Gaycre (2)´ // `Demain, c’est Paris-Roubaix´  

`Alegrìas y duelos de mi alma´  

`Reliquies´  

`Unbehagen´  

`Zero Brane´  

`Offshore Zone´  

`Volume 3´  

`Kali Yuga´ // `Le filtre à sons – Vol. 1´  

`ﺭﺍﺩﻳﻮ ﺇﺯﺩﺍﻍ´ // `Es Prohibido Cantar´  

`For Arthur Doyle´ // `Osing Trance – Musik Patrol´  

`Tape Crash #12´  

`Andante Plumbeo´  

`Flawless Dust´ // `Scenes From A Trialogue´  

`Dancing Trees´  

`Il Ballo dell’Orso´  

`Reverse Camouflage´  

`Carrion, My Wayward Son …´  

`Uno Todo Tres´  

`The Galilean Moons´  

`Črne Vode / Black Waters / Schwarze Wasser´ // `Let Them Grow´  

`Pow´  

`Place´  

`Dimensioni´ // `Parallelo´  

`Live At La Resistenza´  

`Spannung´  

`Drowning In Wood´  

`Malo´ // `Sacrée Obsession´  

`Veiled´  

`Cartridge Music (musica per testina)´ // `Nassau 1713´  

`Sensorium´  

`Zwischenbrücken´  

`Al-khīmiyya - الخيمياء´