`Departure´ // `Air Current´

Autore disco:

Yoko Miura & Gianni Mimmo // Yoko Miura, Gianni Mimmo & Ove Volquartz

Etichetta:

Setola di Maiale (I)

Link:

www.setoladimaiale.net

Formato:

CD-R

Anno di Pubblicazione:

2017

Titoli:

1) Prologue 2) Departure 3) Crystal Moon 4) Bogie-Woogie Wonderland 5) Rain Song // 1) Silence 2) Cada Dia Mejor 3) The Way The Wind Blows

Durata:

43:09 // 43:48

Con:

Yoko Miura, Gianni Mimmo // Yoko Miura, Gianni Mimmo, Ove Volquartz

un ambo che vale due tombole

x federico scellini (no ©)

Stefano Giust, attraverso la sua SetolaDiMaiale, ha messo in piedi un catalogo veramente straordinario, un patrimonio sul quale lo storico che affronterà le arti musicali in questi anni non potrà certo sorvolare, anche perché la caratura di quel catalogo ha un carattere internazionale. La pianista giapponese Yoko Miura, ad esempio, è ormai di casa presso la SetolaDiMaiale da alcuni anni, sia in solitudine sia con il Tag Trio. Il suo modello musicale è monkiano e monacale (da riferire alla vita monastica zen), rarefatto, giocoso, infantile, meditativo su forme e colori. Non si può dire che la sua concezione sia ripetitiva, pure a tratti sembra affezionarsi a un suono, a una frase, e ci si sofferma, la riprende, la studia, la ripete un po’ come fanno i bambini autistici ma poi, a differenza di questi, si sblocca e prosegue, magari cambiando umore e direzione.
Gianni Mimmo è quel sassofonista versatile e curioso, rispetto al linguaggio altrui, che abbiamo imparato a conoscere e apprezzare in numeroso collaborazioni di diversa forma e tipologia. Anche in questa occasione non si smentisce e sembra comprendere alla perfezione quali direzioni intende seguire la compagna di viaggio, riuscendo sempre ad assecondarla e, questo è ancor più importante, a fare in modo di essere compreso a sua volta. Questo in “Departure”, le cui registrazioni risalgono al 2015, dal momento che in “Air Current” (registrato nel 2016) i giochi sembrano facilitati dalla presenza di Ove Volquartz, che in precedenza aveva collaborato sia con Mimmo sia con la Miura.
Chiaramente nel secondo disco le trame sono più fitte e l’atmosfera, che definirei primaverile nel caso di “Departure”, volge al novembrino a causa dei suoni grevi portati da Volquartz.
Un’accoppiata degna di attenzione.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 20/3/2018

`Tajaliyat´  

`Selected Works For Piano And/Or Sound-Producing Media´  

`Triad´ // `Mokita´  

`Humyth´  

`La spensieratezza´  

`Come tutti gli altri dei´  

`The Cold Plan´  

`Jukebox all’idroscalo´  

`Beautifully Astray´  

`Pulsioni oblique´ // `For Anita´ // `Musica per camaleonti´  

`Leaking Words´  

`NorN´  

`Giraffe´  

`Temps En Terre´  

`A Season´ // `(S)àcrata´ // `Nei resti del fuoco´  

`Live At Konfrontationen Nickelsdorf 2012´  

`The Spring Of My Life´  

`Noises From Melancholia´  

`Meccanismi e desideri semplici´  

`Edges´  

`Una piccola tregua (Live)´  

`Settembre´  

`Amphibian Ardour´ // `Gleadalec´ // `Emerge´  

`Plastic Fantastic´  

`Z/Rzw-Shiiiiiii´  

`Vegir´  

`Quadrature´  

`Lo stretto necessario´  

`Food Foragers´  

`AB+´  

`Disappearing´  

`Porteremo gli stessi panni´  

`Words Delicate Flight´  

`The Irresistible New Cult Of Selenium´  

`Floatin’ Pieces´  

`Girovago´  

`Un tempo, appena´  

`Inscapes´  

`Ortiche´  

`Maledette rockstar´  

`Exuvia´  

`Le nuvole si spostano comunque´  

`Magic Pandemonio´  

`Omaggio a Marino Zuccheri´  

`Gamelan – Coming & Going´  

`Succi con ghiaccio´  

`Si rompe il silenzio nel giardino delle mandragole´  

`Hide & Squeak´  

`Neve´  

`Kintsugi´  

`Tell No Lies´  

`Cronache carsiche´  

`Piccola Orchestra Artigianale degli Improvvisatori di Valdapozzo´  

`Cascata´ // `Plancton´