`L’eccitante attesa´

Autore disco:

Sawara

Etichetta:

autoproduzione (I)

Link:

sawara.bandcamp.com/releases

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2017

Titoli:

1) È bello anche aspettarti 2) ANANDA 3) EA 4) Vedo chiaro 5) Io deludo 6) Corri Johnny 7) Il soffitto 8) Alba ad alba 9) È bello anche aspettarti (Mena Rethinked!)

Durata:

33:00

Con:

Fabio Agnesina, Matteo De Capitani, Massimiliano Di Stefano, Davide Galbusera, Chiara Pezzotti, Mattia Scarpa, Maurizio Consonni, Marco Menaballi

un rockautore in bilico (forse troppo)

x porzio catone (no ©)

Sawara, nome ripreso da uno dei personaggi gatteschi di Haruki Murakami, sta un po’ come uno pseudonimo per il cantautore Fabio Agnesina e un po’ a rappresentare il nome del gruppo che lo accompagna, nei dischi come nei concerti. Perché la maggiore particolarità di Agnesina sta proprio in questo, nell’indecisione fra essere un cantautore o essere il leader di un gruppo rock (o pop che dir si voglia). Questa indecisione finisce per rappresentare anche uno degli aspetti più singolari e stimolanti di un disco sospeso fra timbri cristallini e scariche elettriche. Qualche piccolo accorgimento elettronico, più pesante nel remix di È bello anche aspettarti, gioca scherzi modernisti laddove il sitar di Maurizio Consonni, quando è presente, finisce col condonare vecchi sapori psichedelici. Su tutto la voce semirecitante del leader che pare trattata, seppure delicatamente, con il bruschetto.
“L’eccitante attesa” è il terzo disco di Agnesina, a seguire “SawaraNonEsiste” e “Il Tempo Supplementare”, e pur non facendo gridare al miracolo riesce comunque a farsi ascoltare destando un interesse sufficientemente elevato.
Ho però l’impressione che Sawara sia troppo normale per piacere a chi cerca le cose più stravaganti o estreme e troppo stravagante per piacere a quel pubblico che ama le cose fatte e messe lì.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 12/4/2018

`Gratitude´  

`22:22 Free Radiohead´  

`Vostra Signora Del Rumore Rosa´  

`777+2 Per Aspera Ad Astra´  

`Emblema´  

`Tajaliyat´  

`Moondrive´  

`Collected Wreckages´ // `Shallow Nothingness In Molten Skies´ // `Blind Tarots´  

`Selected Works For Piano And/Or Sound-Producing Media´  

`Triad´ // `Mokita´  

`Syria´  

`Humyth´  

`La spensieratezza´  

`Come tutti gli altri dei´  

`The Cold Plan´  

`Jukebox all’idroscalo´  

`Beautifully Astray´  

`Pulsioni oblique´ // `For Anita´ // `Musica per camaleonti´  

`Leaking Words´  

`NorN´  

`Giraffe´  

`Temps En Terre´  

`A Season´ // `(S)àcrata´ // `Nei resti del fuoco´  

`Live At Konfrontationen Nickelsdorf 2012´  

`The Spring Of My Life´  

`Noises From Melancholia´  

`Meccanismi e desideri semplici´  

`Edges´  

`Una piccola tregua (Live)´  

`Settembre´  

`Amphibian Ardour´ // `Gleadalec´ // `Emerge´  

`Plastic Fantastic´  

`Z/Rzw-Shiiiiiii´  

`Vegir´  

`Quadrature´  

`Lo stretto necessario´  

`Food Foragers´  

`AB+´  

`Disappearing´  

`Porteremo gli stessi panni´  

`Words Delicate Flight´  

`The Irresistible New Cult Of Selenium´  

`Floatin’ Pieces´  

`Girovago´  

`Un tempo, appena´  

`Inscapes´  

`Ortiche´  

`Maledette rockstar´  

`Exuvia´  

`Le nuvole si spostano comunque´  

`Omaggio a Marino Zuccheri´  

`Gamelan – Coming & Going´  

`Succi con ghiaccio´  

`Si rompe il silenzio nel giardino delle mandragole´