`Nafta´

Autore disco:

Giacomo Toni

Etichetta:

Brutture Moderne (I)

Link:

www.brutturemoderne.it/
www.giacomotoni.it
www.sferacubica.it

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2017

Titoli:

1) Lo strano 2) A nessuno 3) Cugino Motorio Pasticca 4) Chinatown 5) Il porco venduto che sono 6) Ho perso la testa 7) Il diavolo marrone 8) Codone lo sbirro 9) Inchiodato a un bar

Durata:

28:59

Con:

Giacomo Toni, Marcello Jandu Detti, Daniele Marzi, Alfredo Nuti dal Portone, Gianni Perinelli, Roberto Villa

corri toni corri

x jerry lee (no ©)

Giacomo Toni non è un cantautore. Giacomo Toni è un autentico rocker. Un rocker di quelli tosti, uno di quelli da sesso, sudore e rock & roll. Crudo, brutale e selvaggio. Grezzo e diretto. Energia pura. Le cose non le manda a dire. La produzione di Franco Naddei è stata perfetta nel cogliere le linee essenziali delle sue possibilità espressive. La band - sax, trombone, batteria e chitarra, oltre al suo pianoforte - gira al massimo e il carburante non manca. Mi sarebbe piaciuto ascoltare su disco quel gioiellino che è Le cose che mi vai raccontando, ma forse era fuori tema così s’è preferito tenerlo fuori e inserire entrambi i brani pubblicati recentemente su un 7 pollici pubblicato per L’amor mio non muore (Ho perso la testa e Codone lo sbirro). Unico flash più meditativo nei tre minuti della canzone finale dove la voce è accompagnata dal solo pianoforte. Il resto è pura adrenalina.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 11/5/2018

`Pulsioni oblique´ // `For Anita´ // `Musica per camaleonti´  

`Leaking Words´  

`NorN´  

`Temps En Terre´  

`A Season´ // `(S)àcrata´ // `Nei resti del fuoco´  

`Live At Konfrontationen Nickelsdorf 2012´  

`The Spring Of My Life´  

`Noises From Melancholia´  

`Meccanismi e desideri semplici´  

`Edges´  

`Una piccola tregua (Live)´  

`Settembre´  

`Amphibian Ardour´ // `Gleadalec´ // `Emerge´  

`Plastic Fantastic´  

`Z/Rzw-Shiiiiiii´  

`Vegir´  

`Quadrature´  

`Lo stretto necessario´  

`Food Foragers´  

`AB+´  

`Disappearing´  

`Porteremo gli stessi panni´  

`Words Delicate Flight´  

`The Irresistible New Cult Of Selenium´  

`Floatin’ Pieces´  

`Girovago´  

`Un tempo, appena´  

`Inscapes´  

`Ortiche´  

`Maledette rockstar´  

`Exuvia´  

`Le nuvole si spostano comunque´  

`Magic Pandemonio´  

`Omaggio a Marino Zuccheri´  

`Gamelan – Coming & Going´  

`Succi con ghiaccio´  

`Si rompe il silenzio nel giardino delle mandragole´  

`Hide & Squeak´  

`Neve´  

`Kintsugi´  

`Tell No Lies´  

`Cronache carsiche´  

`Piccola Orchestra Artigianale degli Improvvisatori di Valdapozzo´  

`Cascata´ // `Plancton´  

`Lighthouse´  

`Hawkward´  

`Innlaandds´  

`Francesco Serra´  

`Homo Ebetis´  

`Fear in the corner - prova aperta´  

`Flow´  

`L’oreficeria´  

`La rete di Indra´  

`Classified´