`Piramidi´

Autore disco:

Luciano Panama

Etichetta:

La Dura Madre Dischi (I)

Link:

www.facebook.com/luciopanama
panamalucianolp.wixsite.com/panama

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2017

Titoli:

1) Le ossa 2) Man 3) L’osservatore 4) Ti solleverò 5) Come aria 6) Gente del presente 7) Hey My (all’improvviso) 8) Messina guerra e amore

Durata:

30:50

Con:

Luciano Panama, Giovanni Alibrandi, Matteo Frisenna

il lupo non perde né il pelo né il vizio

x antonino cannavacciuolo (no ©)

Luciano Panama dopo gli Entourage. È difficile o è facile iniziare una carriera da cantautore rock dopo essere stato il frontman di un gruppo rock piuttosto apprezzato da pubblico e critica? Penso che sono vere entrambe le cose perché se da una parte hai un retroterra già costruito, cioè non parti proprio da zero, e un pubblico che ti apprezza, dall’altra non devi deludere le grandi aspettative evocate dal tuo nome. Luciano Panama sembra uscire vincente dalla sfida di questa sua prima prova solista, anche perché dimostra un grande eclettismo e oltre a scrivere, arrangiare e produrre tutte le canzoni suona anche tutti gli strumenti collocandosi sulla scia di tipi come Paul McCartney e Todd Rundgren. Le uniche eccezioni sono il violino di Giovanni Alibrandi in L’osservatore, Come aria e Messina guerra e amore e la tromba di Matteo Frisenna in Hey My. A proposito di Hey My, un rock poderoso il cui riff potrebbe benissimo essere stato forgiato dai Deep Purple dei tempi d’oro, va detto che non si tratta di una risposta al Neil Young di Hey Hey, My My ma di un semplice aggiustamento di tiro. Laddove il grande canadese cantava «rock and roll can never die» Panama precisa che comunque, seppure non sia morto, «è cambiato il senso del rock and roll». Il resto si muove in quell’inframezzo che sta fra tradizione rock e tradizione cantautorale, a eccezione dell’acustica Messina guerra e amore, che Panama dedica chiaramente alla sua città e che rientra a pieno titolo nella tradizione della canzone d’autore.
“Piramidi” è dunque un disco più che buono, ma non chiedetemi perché preferirlo ad uno dei tanti altri dischi buoni che vengono quotidianamente prodotti … non saprei proprio cosa rispondervi.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 21/6/2018

`Tajaliyat´  

`Selected Works For Piano And/Or Sound-Producing Media´  

`Triad´ // `Mokita´  

`Syria´  

`Humyth´  

`La spensieratezza´  

`Come tutti gli altri dei´  

`The Cold Plan´  

`Jukebox all’idroscalo´  

`Beautifully Astray´  

`Pulsioni oblique´ // `For Anita´ // `Musica per camaleonti´  

`Leaking Words´  

`NorN´  

`Giraffe´  

`Temps En Terre´  

`A Season´ // `(S)àcrata´ // `Nei resti del fuoco´  

`Live At Konfrontationen Nickelsdorf 2012´  

`The Spring Of My Life´  

`Noises From Melancholia´  

`Meccanismi e desideri semplici´  

`Edges´  

`Una piccola tregua (Live)´  

`Settembre´  

`Amphibian Ardour´ // `Gleadalec´ // `Emerge´  

`Plastic Fantastic´  

`Z/Rzw-Shiiiiiii´  

`Vegir´  

`Quadrature´  

`Lo stretto necessario´  

`Food Foragers´  

`AB+´  

`Disappearing´  

`Porteremo gli stessi panni´  

`Words Delicate Flight´  

`The Irresistible New Cult Of Selenium´  

`Floatin’ Pieces´  

`Girovago´  

`Un tempo, appena´  

`Inscapes´  

`Ortiche´  

`Maledette rockstar´  

`Exuvia´  

`Le nuvole si spostano comunque´  

`Magic Pandemonio´  

`Omaggio a Marino Zuccheri´  

`Gamelan – Coming & Going´  

`Succi con ghiaccio´  

`Si rompe il silenzio nel giardino delle mandragole´  

`Hide & Squeak´  

`Neve´  

`Kintsugi´  

`Tell No Lies´  

`Cronache carsiche´  

`Piccola Orchestra Artigianale degli Improvvisatori di Valdapozzo´