`Francesco Serra´

Autore disco:

Francesco Serra

Etichetta:

Fratto/9 (I)

Link:

fratto9.bandcamp.com/

Formato:

MC, D

Anno di Pubblicazione:

2017

Titoli:

1-2) senza titolo

Durata:

29:49

Con:

Francesco Serra

un nuovo sciamano

x mario biserni (no ©)

Non so quanto può aggiungere questa mia recensione, se non come semplice segnalazione, a un lavoro liberamente ascoltabile in rete, e poi consapevolmente acquistabile sia nella forma ultra limitata della musicassetta sia in formato digitale.
Poche sono pure le notizie che ho dell’autore, se non che è sardo, e tale provenienza me lo ha fatto associare a un’idea di sciamanesimo. Non chiedetemi perché, ma sicuramente c’è di mezzo l’aura di mistero che ricopre l’isola e i suoi abitanti. Fatto sta che, se fossi incaricato di ricercare antiche tradizioni sciamaniche nel territorio italico, inizierei le mie indagini proprio dalla terra dei nuraghi.
I due lunghi brani, il primo ottenuto su una chitarra elettrica e il secondo su un rullante, hanno il sapore di preghiere ataviche indirizzate al sorgere del sole o al tramontare dello stesso. Movimenti ciclici, come quelli dell’astro celeste, delle stagioni, della pioggia, dei raccolti e della vita stessa. Una musica in sintonia con la terra.
Ciò che più stupisce è l’assenza di fratture, l’assoluta sintonia fra il primo e il secondo brano, pure creati con due strumenti che non potrebbero essere più diversi, all’opposto l’uno dall’altro direi, e questo elemento porta ancor più a riflettere su una possibile indole sciamanica dell’autore.
Altre notizie potete trovarle nel sito segnalato, ma vi invito anche a rileggere l’intervista a Gianmaria Aprile della Fratto/9 che abbiamo pubblicato qualche mese fa all’interno della rubrica “tempi moderni (IIª tranche)”. Si tratta di uno dei discografici più attenti, in Italia, nel dare spazio ai talenti più sommersi. Buon pro gli faccia.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 7/1/2018

`Humyth´  

`The Cold Plan´  

`Jukebox all’idroscalo´  

`Beautifully Astray´  

`Pulsioni oblique´ // `For Anita´ // `Musica per camaleonti´  

`Leaking Words´  

`NorN´  

`Giraffe´  

`Temps En Terre´  

`A Season´ // `(S)àcrata´ // `Nei resti del fuoco´  

`Live At Konfrontationen Nickelsdorf 2012´  

`The Spring Of My Life´  

`Noises From Melancholia´  

`Meccanismi e desideri semplici´  

`Edges´  

`Una piccola tregua (Live)´  

`Settembre´  

`Amphibian Ardour´ // `Gleadalec´ // `Emerge´  

`Plastic Fantastic´  

`Z/Rzw-Shiiiiiii´  

`Vegir´  

`Quadrature´  

`Lo stretto necessario´  

`Food Foragers´  

`AB+´  

`Disappearing´  

`Porteremo gli stessi panni´  

`Words Delicate Flight´  

`The Irresistible New Cult Of Selenium´  

`Floatin’ Pieces´  

`Girovago´  

`Un tempo, appena´  

`Inscapes´  

`Ortiche´  

`Maledette rockstar´  

`Exuvia´  

`Le nuvole si spostano comunque´  

`Magic Pandemonio´  

`Omaggio a Marino Zuccheri´  

`Gamelan – Coming & Going´  

`Succi con ghiaccio´  

`Si rompe il silenzio nel giardino delle mandragole´  

`Hide & Squeak´  

`Neve´  

`Kintsugi´  

`Tell No Lies´  

`Cronache carsiche´  

`Piccola Orchestra Artigianale degli Improvvisatori di Valdapozzo´  

`Cascata´ // `Plancton´  

`Lighthouse´  

`Hawkward´  

`Innlaandds´  

`Francesco Serra´  

`Homo Ebetis´