`The Irresistible New Cult Of Selenium´

Autore disco:

John Malkovitch!

Etichetta:

I Dischi Del Minollo (I)

Link:

www.minollorecords.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2017

Titoli:

1) Darker Underneath The Surface 2) Twice In A Moment, Once In A Lifetime 3) Zenit 4) Nadir

Durata:

47:37

Con:

Manuel Negozio, Luca Santi, Francesco Tiberi, Leonardo Tommasi

le vie del post slintismo NON SONO infinite

x mario biserni (no ©)

Dietro al curioso nome* John Malkovitch! si nasconde un complesso musicale strutturato nella classica formula a quattro con doppia chitarra, basso e batteria. Non aspettatevi però di ascoltare canzoncine alla Beatles o psichedelia alla Quicksilver Messenger Service, ‘ché i nostri fanno un rock strumentale figlioccio dei più scaruffiani Slint. Si possono intendere i quattro brani del disco come un’unica suite, fatta di un flusso continuo di suoni, con impercettibili crescendo, alcuni guizzi improvvisi e qualche crash, con chitarre arpeggiate e fluttuanti o, più raramente, dedite a sporadici fraseggi, per un suono che è, in ogni caso, rigogliosamente chitarristico. Insomma, senza tirarla troppo per le lunghe, in “The Irresistible New Cult Of Selenium”, ci sono tutti i cliché del genere in questione. I John Malkovitch!, per concludere, hanno realizzato un buon disco d’esordio che, purtroppo e a suo discapito, è fatto soprattutto di cliché.

(*) Il nome è mutuato da quello di un noto attore americano addizionato però di una ‘t’, forse per non incorrere in problemi legali o ancor più forse per facilitare la ricerca su internet, l’utilizzo del nome dell’attore riportato pari pari, una volta digitato su internet, avrebbe infatti portato a un elenco interminabile di link da scorrere prima di imbattersi in quelli riguardanti il gruppo.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 12/2/2019

`Songs from The Eternal Dump´  

`Cosa potrebbe accadere´  

`Avrei Dovuto Odiarti´  

`The Night Of The 13th’ Moon´  

`10, A Brokken Records Special Edition´  

`OAK´  

`Octo´  

`fourtyfour fiftythree´  

`Antinodal´  

`IMAfiction: Portrait # 01 - # 10´  

`Placid´  

`Music For Cat Movies´  

`Air Skin Digger´ // `Sidereal Deconposition Activity´  

`Milano´ // `Sinking Into A Miracle´  

`Light From Another Light´  

`Drift´  

`Repeat Please!´  

`Sum And Subtraction´ // `2. Akt´ // `Utopia´  

`Metaphysics Of Entropy´  

`Chambery´  

`Flares´  

`OPS…!´  

`W´  

`Live At Kühlspot´  

`22:22 Free Radiohead´  

`Dance Mystique´  

`Diciotto´ // `Em Portugal!´ // `A Pearl In Dirty Hands´  

`Livebatts!´  

`Doublethink´  

`Explicit´ // `Clairvoyance´  

`Gratitude´  

`Kalvingrad´  

`Damn! Freistil-Samplerinnen 4 + 5´  

`L’inottenibile´  

`Four Waves´  

`Beats´  

`Vostra Signora Del Rumore Rosa´  

`777+2 Per Aspera Ad Astra´  

`Emblema´  

`Tajaliyat´  

`Moondrive´  

`Collected Wreckages´ // `Shallow Nothingness In Molten Skies´ // `Blind Tarots´  

`Selected Works For Piano And/Or Sound-Producing Media´  

`Triad´ // `Mokita´  

`Syria´  

`Humyth´  

`La spensieratezza´  

`Come tutti gli altri dei´  

`The Cold Plan´  

`Jukebox all’idroscalo´  

`Beautifully Astray´  

`Pulsioni oblique´ // `For Anita´ // `Musica per camaleonti´  

`Leaking Words´  

`NorN´