`Settembre´

Autore disco:

ShiverFolk

Etichetta:

autoprodotto (I)

Link:

www.shiverfolk.it

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2017

Titoli:

1) Medicine per il morale 2) Settembre 3) Storie di sospiri e di ginocchia sbucciate 4) Oltre il tuo ritorno

Durata:

14:24

Con:

Stefano Bigoni, Lorenzo Bonfanti, Stefano Fumagalli, Luca Redaelli, Andrea Verga

ok, il feeling è quello giusto!

x mario biserni (no ©)

Terzo EP, a contornare un solo disco di più lunga durata, per i lombardi ShiverFolk, un gruppo di cinque amici che miscela vari soggetti della musica popolare in un’ottica che sembra appartenere alla musica folk della tradizione anglosassone. I quattro brani del disco sono abbastanza diversi l’uno dall’altro: Medicine per il morale potrebbe benissimo essere una beat-song degli anni ’60, Settembre gioca con il reggae, Storie di sospiri e di ginocchia sbucciate è una delicata ballata pianistica e, infine, Oltre il tuo ritorno è un combat-rock novantino ... su tutto c’è comunque sempre il suono del violino a gettare un’unificante ombra rurale. L’unica ombra, reale e non rurale, mi pare rappresentata dai testi, non tanto per il loro significato o per i termini utilizzati quanto per una poetica che in alcuni momenti trovo un po’ grossolana. Per il resto nulla da eccepire. D’altra parte l’obiettivo primo dei cinque non mi sembra quello di entrare nelle antologie della ‘grande cultura’ ma quello di stare insieme e divertirsi, continuando a coltivare la loro amicizia e suonando ovunque se ne presenti l’occasione. Se l’obiettivo è veramente questo, “Settembre” è un ottimo lasciapassare. D’altronde qualche giorno fa sono andato a una sagra paesana cosiddetta “sagra del baccello” … a parte il fatto che quando sono arrivato io, più o meno alle 21:30, i baccelli erano terminati, sul palco si stava esibendo un’orchestrina di simi-l-iscio alla quale la definizione oscena si adatterebbe come un complimento. Servirebbero non uno, ma due – tre … che dico, cento – mille – diecimila ShiverFolk!!! Con loro sul palco la festa avrebbe assunto un altro tono, anche a baccelli finiti.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 23/5/2018

`Tajaliyat´  

`Selected Works For Piano And/Or Sound-Producing Media´  

`Triad´ // `Mokita´  

`Humyth´  

`La spensieratezza´  

`Come tutti gli altri dei´  

`The Cold Plan´  

`Jukebox all’idroscalo´  

`Beautifully Astray´  

`Pulsioni oblique´ // `For Anita´ // `Musica per camaleonti´  

`Leaking Words´  

`NorN´  

`Giraffe´  

`Temps En Terre´  

`A Season´ // `(S)àcrata´ // `Nei resti del fuoco´  

`Live At Konfrontationen Nickelsdorf 2012´  

`The Spring Of My Life´  

`Noises From Melancholia´  

`Meccanismi e desideri semplici´  

`Edges´  

`Una piccola tregua (Live)´  

`Settembre´  

`Amphibian Ardour´ // `Gleadalec´ // `Emerge´  

`Plastic Fantastic´  

`Z/Rzw-Shiiiiiii´  

`Vegir´  

`Quadrature´  

`Lo stretto necessario´  

`Food Foragers´  

`AB+´  

`Disappearing´  

`Porteremo gli stessi panni´  

`Words Delicate Flight´  

`The Irresistible New Cult Of Selenium´  

`Floatin’ Pieces´  

`Girovago´  

`Un tempo, appena´  

`Inscapes´  

`Ortiche´  

`Maledette rockstar´  

`Exuvia´  

`Le nuvole si spostano comunque´  

`Magic Pandemonio´  

`Omaggio a Marino Zuccheri´  

`Gamelan – Coming & Going´  

`Succi con ghiaccio´  

`Si rompe il silenzio nel giardino delle mandragole´  

`Hide & Squeak´  

`Neve´  

`Kintsugi´  

`Tell No Lies´  

`Cronache carsiche´  

`Piccola Orchestra Artigianale degli Improvvisatori di Valdapozzo´  

`Cascata´ // `Plancton´