`Noises From Melancholia´

Autore disco:

Bona Head

Etichetta:

iMusician Digital (CH)

Link:

www.imusiciandigital.com/en

Formato:

CD, D

Anno di Pubblicazione:

2018

Titoli:

1) Prelude 2) Ex Abrupto (-) 3) Anode (+) 4) Melancholia 5) We1 6) Mixed Blessing 7) The Astronomer 8) Magic Cave 9) De Profundis

Durata:

33:31

Con:

Roberto Bonazzoli, Marco Connelli, Gabriele Branca

un disco troppo patinato

x mario biserni (no ©)

Bona Head risponde al nome del solo Roberto Bonazzoli, in precedenza frontman del gruppo britpop SHW (mi affido alle cronache dal momento che non li conosco). Il cambio di direzione è piuttosto netto, cosa più che lecita, e Bona Head è un progetto di musica romantica e neo-classica, basato soprattutto sul suono sontuoso delle tastiere, che utilizza tecniche tipiche del synthpop. La voce sembra citare abbondantemente Bono Vox, nei suoi toni calcolatamente drammaturgici, ma non vengono ignorate altre soluzioni, come quando in alcuni passaggi di The Astronomer e De Profundis fanno capolino rispettivamente i Pink Floyd di “Dark Side” e il Kurt Cobain più ombroso. L’autore da prova di ottime qualità, a livello di composizioni e arrangiamenti, nel cesellare una serie di brani formalmente perfetti e privi di sbavature (coadiuvato, in ciò, dai produttori Marco Connelli e Gabriele Branca). Il disco, quarto a nome Bona Head, si ispira al film “Melancholia” di Lars von Trier. Credo di essere stato corretto e preciso nel presentare un CD che, come sempre, può piacere o non può piacere. A me non piace.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 29/5/2018

`Vostra Signora Del Rumore Rosa´  

`Tajaliyat´  

`Selected Works For Piano And/Or Sound-Producing Media´  

`Triad´ // `Mokita´  

`Syria´  

`Humyth´  

`La spensieratezza´  

`Come tutti gli altri dei´  

`The Cold Plan´  

`Jukebox all’idroscalo´  

`Beautifully Astray´  

`Pulsioni oblique´ // `For Anita´ // `Musica per camaleonti´  

`Leaking Words´  

`NorN´  

`Giraffe´  

`Temps En Terre´  

`A Season´ // `(S)àcrata´ // `Nei resti del fuoco´  

`Live At Konfrontationen Nickelsdorf 2012´  

`The Spring Of My Life´  

`Noises From Melancholia´  

`Meccanismi e desideri semplici´  

`Edges´  

`Una piccola tregua (Live)´  

`Settembre´  

`Amphibian Ardour´ // `Gleadalec´ // `Emerge´  

`Plastic Fantastic´  

`Z/Rzw-Shiiiiiii´  

`Vegir´  

`Quadrature´  

`Lo stretto necessario´  

`Food Foragers´  

`AB+´  

`Disappearing´  

`Porteremo gli stessi panni´  

`Words Delicate Flight´  

`The Irresistible New Cult Of Selenium´  

`Floatin’ Pieces´  

`Girovago´  

`Un tempo, appena´  

`Inscapes´  

`Ortiche´  

`Maledette rockstar´  

`Exuvia´  

`Le nuvole si spostano comunque´  

`Magic Pandemonio´  

`Omaggio a Marino Zuccheri´  

`Gamelan – Coming & Going´  

`Succi con ghiaccio´  

`Si rompe il silenzio nel giardino delle mandragole´  

`Hide & Squeak´  

`Neve´  

`Kintsugi´  

`Tell No Lies´  

`Cronache carsiche´