`Chambery´

Autore disco:

Tobias Klein

Etichetta:

Attacca (NL)

Link:

www.attaccaproductions.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2018

Titoli:

1) Leichte Überlappungen 2) Kengboginn 3) SteinHolzGummiWasser 4) Bogus Bogey 5) Vermutung 6) Tõmba Tõmba 7) Schlaf

Durata:

50:06

Con:

Fie Schouten, Jelte Althuis, Gośka Isphording, Bart de Vrees, Tarmo Johannes, Taavi Kerikmäe, Marko Kassl

jazz da camera extra-lux

x mario biserni (no ©)

Abbiamo già incontrato il sassofonista / clarinettista tedesco Tobias Klein all’interno del collettivo Spinifex oltreché in un duo di clarinetti con il turco Oğuz Büyükberber. In “Chambery” vengono presentati alcuni suoi disegni puramente compositivi, non a caso il CD viene pubblicato da un’etichetta dedicata alla musica classica-contemporanea, seppure si tratti di composizioni per uno strumento piuttosto singolare qual è il clarinetto basso. Le esecuzioni sono affidate alla maestria di Fie Schouten che, in ordine di apparizione, duetta con un altro clarone (Jelte Althuis), con un clavicembalo (Gośka Isphording) e con strumenti a percussione (Bart de Vrees), interagisce in trio con flauto e pianoforte (Tarmo Johannes e Taavi Kerikmäe), torna a duettare in con la fisarmonica di Marko Kassl e termina il ciclo in solitudine (Tõmba Tõmba). In realtà un settimo pezzo (Schlaf) non proviene dalla penna di Klein, essendo scritto da Enno Poppe, non è una composizione per clarinetti bassi ma per clarinetti contrabbassi, e contravviene quindi al resto del disco pur riproponendo il duello iniziale (Fie Schouten e Jelte Althuis).
Questo per quanto riguarda la cronaca, mentre per quanto riguarda la scrittura è ben riconoscibile l’impostazione jazzy di un autore che trova riferimento anche nelle proprie tradizioni popolari. A questa motilità, sempre venata di ritmo, fa riscontro un’esecutrice dotata comunque di una forte preparazione classico-accademica.
Dall’incontro ne vien fuori un jazz da camera pregno di sfumature ritmiche e di colori in grado di soddisfare anche i palati più difficili.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 21/2/2019

`Octo´  

`fourtyfour fiftythree´  

`IMAfiction: Portrait # 01 - # 10´  

`Placid´  

`Music For Cat Movies´  

`Air Skin Digger´ // `Sidereal Deconposition Activity´  

`Milano´ // `Sinking Into A Miracle´  

`Light From Another Light´  

`Drift´  

`Repeat Please!´  

`Sum And Subtraction´ // `2. Akt´ // `Utopia´  

`Metaphysics Of Entropy´  

`Chambery´  

`Flares´  

`OPS…!´  

`W´  

`Live At Kühlspot´  

`22:22 Free Radiohead´  

`Dance Mystique´  

`Diciotto´ // `Em Portugal!´ // `A Pearl In Dirty Hands´  

`Livebatts!´  

`Doublethink´  

`Explicit´ // `Clairvoyance´  

`Gratitude´  

`Kalvingrad´  

`Damn! Freistil-Samplerinnen 4 + 5´  

`L’inottenibile´  

`Four Waves´  

`Beats´  

`Vostra Signora Del Rumore Rosa´  

`777+2 Per Aspera Ad Astra´  

`Emblema´  

`Tajaliyat´  

`Moondrive´  

`Collected Wreckages´ // `Shallow Nothingness In Molten Skies´ // `Blind Tarots´  

`Selected Works For Piano And/Or Sound-Producing Media´  

`Triad´ // `Mokita´  

`Syria´  

`Humyth´  

`La spensieratezza´  

`Come tutti gli altri dei´  

`The Cold Plan´  

`Jukebox all’idroscalo´  

`Beautifully Astray´  

`Pulsioni oblique´ // `For Anita´ // `Musica per camaleonti´  

`Leaking Words´  

`NorN´  

`Giraffe´  

`Temps En Terre´  

`A Season´ // `(S)àcrata´ // `Nei resti del fuoco´  

`Live At Konfrontationen Nickelsdorf 2012´  

`The Spring Of My Life´  

`Noises From Melancholia´  

`Meccanismi e desideri semplici´