`Light From Another Light´

Autore disco:

Voicehandler

Etichetta:

Humbler (USA)

Link:

www.heule.us/voicehandler/light
www.sands-zine.com/archiviorec.php?IDrec=1975

Email:

Formato:

CD, D

Anno di Pubblicazione:

2018

Titoli:

1) June 8 2) June 1 3) May 25

Durata:

42:40

Con:

Jacob Felix Heule, Danishta Rivero

la voce della batteria e il ritmo della voce

x mario biserni (no ©)

Ci eravamo già occupati di questo duo, la recensione del disco registrato in studio è al link riportato sopra, che adesso ci sorprende nuovamente con queste splendide registrazioni in pubblico. Sono tre gli elementi che vanno a interagire: due soggetti atavici, quali il suono della voce e dei tamburi, a contrasto con un'entità ancora in divenire qual è la manipolazione elettronica. Vorrei evitare di ripetermi rispetto a quanto già scritto, citando nuovamente alcuni dei nomi più importanti della sperimentazione, per andare a cogliere la differenza più sostanziale con il disco precedente, con il quale questo “Light From Another Light” fa peraltro perfetto pendant. Laddove la Rivero prestava la voce a testi scritti, nell’occasione si muove più in libertà, fra sillabazioni e vocalizzi sciamanici, alla decostruzione di un linguaggio più immaginario che reale. La corrispondenza del batterista, costantemente in bilico in un gioco di chiaroscuri, è quanto di più idoneo si possa immaginare.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 13/3/2019

`Depth Sounding´ // `quando ero un bambino farò l’astronauta´  

`Soufifex´  

`Songs from The Eternal Dump´  

`Cosa potrebbe accadere´  

`Avrei Dovuto Odiarti´  

`The Night Of The 13th’ Moon´  

`10, A Brokken Records Special Edition´  

`OAK´  

`Octo´  

`fourtyfour fiftythree´  

`Antinodal´  

`IMAfiction: Portrait # 01 - # 10´  

`Placid´  

`Music For Cat Movies´  

`Air Skin Digger´ // `Sidereal Deconposition Activity´  

`Milano´ // `Sinking Into A Miracle´  

`Light From Another Light´  

`Drift´  

`Repeat Please!´  

`Sum And Subtraction´ // `2. Akt´ // `Utopia´  

`Metaphysics Of Entropy´  

`Chambery´  

`Flares´  

`OPS…!´  

`W´  

`Live At Kühlspot´  

`22:22 Free Radiohead´  

`Dance Mystique´  

`Diciotto´ // `Em Portugal!´ // `A Pearl In Dirty Hands´  

`Livebatts!´  

`Doublethink´  

`Explicit´ // `Clairvoyance´  

`Gratitude´  

`Kalvingrad´  

`Damn! Freistil-Samplerinnen 4 + 5´  

`L’inottenibile´  

`Four Waves´  

`Beats´  

`Vostra Signora Del Rumore Rosa´  

`777+2 Per Aspera Ad Astra´  

`Emblema´  

`Tajaliyat´  

`Moondrive´  

`Collected Wreckages´ // `Shallow Nothingness In Molten Skies´ // `Blind Tarots´  

`Selected Works For Piano And/Or Sound-Producing Media´  

`Triad´ // `Mokita´  

`Syria´  

`Humyth´  

`La spensieratezza´  

`Come tutti gli altri dei´  

`The Cold Plan´  

`Jukebox all’idroscalo´  

`Beautifully Astray´  

`Pulsioni oblique´ // `For Anita´ // `Musica per camaleonti´