`Do Not Destroy´

Autore disco:

Stefan Neville

Etichetta:

Last Visible Dog (USA)

Link:

www.lastvisibledog.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2006

Titoli:

1) 22 sept. 2) 23 sept. 3) 24 sept. 4) 25 sept. 5) 25.sept. 6) 27 sept. 7) 30.sept 8) 1 oct. 9) 2. oct. 10) 3 oct. 11) 3 oct. 12) 4 oct.

Durata:

42:07

Con:

Stefan Neville

ruvido

x andrea queirolo

Stefan Neville ci propone dodici estratti delle sue registrazioni giornaliere dal 22 settembre al 4 ottobre 2002. Prima una serie di collaborazioni con Chris Knox, Anthony Milton e Birchville Cat Motel poi un paio di dischi sotto la sigla Pumice e ora, infine, questa sorta di sfogo personale.
Questi pezzi casalinghi e cupi, arrangiati alla prima e suonati spesso impetuosamente su un due piste, sono parte integrante delle radici neozelandesi dell'autore, che si espera trastullandosi con tutto quello che gli passa per le mani. La breve traccia di apertura è formata da una gioco sconnesso fra chitarra e batteria, mentre la seconda è il lento trascinarsi di una quattro corde su uno sfondo di echi lontani. In seguito si sale sulle stridenti distorsioni dell'elettrica mischiate a organi, piatti e rare parti cantate tanto lontane quanto incomprensibili. Ancora acustica, ma più trasognante, poi un breve ritornello orecchiabile completamente trafigurato e per finire feedback, droni e manipolazioni di nastri. Pur racchiudendo dentro di se elementi come il pop e il folk, questo disco non è di facile approccio proprio per la forte carica emotiva dell'autore, che sfinito e stressato dal proprio lavoro mal retribuito, scarica nella notte le sue dosi di nervosismo.
Neville stesso precisa la sua situazione lavorativa nelle note e questo disco rispecchia il suo stato d'animo.
Espressione massima del lo-fi (nei mezzi), concepito come "lavoro proprio", Do Not Destroy vuole essere una testimonianza in tempo diretto del proprio decadimento.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 12/2/2007

`La bottega del suono (Mario Bertoncini. Maestri e allievi.´  

`Depth Sounding´ // `quando ero un bambino farò l’astronauta´  

`Soufifex´  

`Live At Nikodemus Church´  

`Songs from The Eternal Dump´  

`Cosa potrebbe accadere´  

`Avrei Dovuto Odiarti´  

`The Night Of The 13th’ Moon´  

`10, A Brokken Records Special Edition´  

`OAK´  

`Octo´  

`fourtyfour fiftythree´  

`Antinodal´  

`IMAfiction: Portrait # 01 - # 10´  

`Placid´  

`Music For Cat Movies´  

`Air Skin Digger´ // `Sidereal Deconposition Activity´  

`Milano´ // `Sinking Into A Miracle´  

`Light From Another Light´  

`Drift´  

`Repeat Please!´  

`Sum And Subtraction´ // `2. Akt´ // `Utopia´  

`Metaphysics Of Entropy´  

`Chambery´  

`Flares´  

`OPS…!´  

`W´  

`Live At Kühlspot´  

`22:22 Free Radiohead´  

`Dance Mystique´  

`Diciotto´ // `Em Portugal!´ // `A Pearl In Dirty Hands´  

`Livebatts!´  

`Doublethink´  

`Explicit´ // `Clairvoyance´  

`Gratitude´  

`Kalvingrad´  

`Damn! Freistil-Samplerinnen 4 + 5´  

`L’inottenibile´  

`Four Waves´  

`Beats´  

`Vostra Signora Del Rumore Rosa´  

`777+2 Per Aspera Ad Astra´  

`Emblema´  

`Tajaliyat´  

`Moondrive´  

`Collected Wreckages´ // `Shallow Nothingness In Molten Skies´ // `Blind Tarots´  

`Selected Works For Piano And/Or Sound-Producing Media´  

`Triad´ // `Mokita´  

`Syria´  

`Humyth´  

`La spensieratezza´  

`Come tutti gli altri dei´  

`The Cold Plan´  

`Jukebox all’idroscalo´  

`Beautifully Astray´