`Into The House Of Slumber´

Autore disco:

Bananas At The Audience

Etichetta:

S.K. Records (F)

Link:

www.skrecords.org

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2006

Titoli:

1) Deep Down 2) Trapped 3) H. R. Project 4) Liars & Fakers 5) Sink 6) Not Physically… 7) But Metaphysically 8) Into The House Of Slumber 9) 122 Days 10) Naked 11) In The Dark, The Darkness

Durata:

29:30

Con:

Yan / Frank / Amar / Julien / Fred / Tramb

Crepuscolari Tensioni Hardcore

x Marco Carcasi

29:30 minuti di potenti schizzi dischordiani fortemente metallici; sbornia hardcore in odor emo dal notevole fascino attrattivo.
I Bananas At The Audience tagliano il traguardo del (difficile) terzo lp nella miglior maniera ipotizzabile, irresistibile il trittico iniziale, Deep Down, Trapped e H.R. Project scorrono via furiose, un assalto frontale disperato ed urgente che rabbrividendo si annulla ed annichilisce fino al black out psicofisico, un turbine di sfiancanti stacchi ritmici tendenti al tribale che si crashano con chitarre zigzaganti livide e metalliche, la voce limpida e tesa sempre pronta a gettarsi nella mischia; ammonimenti ed invettive perennemente in bilico fra urlo liberatorio e malinconiche stasi di raccoglimento interiore.
Lo sfacelo emotivo palesato nella tempestosa title track è oggettivamente travolgente, un turbolento rosario metallico snocciolato fra sincopi ritmiche singhiozzanti e fisica, declamatoria spiritualità; un manifesto!
La claustrofobia repressa a fior di labbra della conclusiva In The Dark, The Darkness che brucia velocissima in un rogo emozionale annichilente; un’invocazione lancinante e sfibrata che non conosce resa.
Tensione e pressione; spigoli e velluti impolverati.
Senso costante di collasso imminente.
La voce combattiva e reattiva delle periferie di Lione.
Nessuna traccia di Mtv Generation in queste note; Do It Yourself!


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 27/2/2007

`Echoes From The Planet´  

`Hipparchus´  

`Autocannibalism´  

`Songs On The Line´  

`Hyperbeatz vol. 1´ // `俳句´ // `Different Constellation´  

`Daily Drone Dream´  

`Combat Joy´  

`Due´  

`The Wroclaw Sessions´  

`Phase Duo´  

`Tracing South´ // `Stereo´  

`Unknown Shores´  

`Schwingende Luftsäulen 2´  

`That Is Not So´  

`Depth Sounding´ // `quando ero un bambino farò l’astronauta´  

`Soufifex´  

`La bottega del suono (Mario Bertoncini. Maestri e allievi.´  

`Live At Nikodemus Church´  

`Songs from The Eternal Dump´  

`Cosa potrebbe accadere´  

`Avrei Dovuto Odiarti´  

`The Night Of The 13th’ Moon´  

`10, A Brokken Records Special Edition´  

`OAK´  

`Octo´  

`fourtyfour fiftythree´  

`Antinodal´  

`IMAfiction: Portrait # 01 - # 10´  

`Placid´  

`Music For Cat Movies´  

`Air Skin Digger´ // `Sidereal Deconposition Activity´  

`Milano´ // `Sinking Into A Miracle´  

`Light From Another Light´  

`Drift´  

`Repeat Please!´  

`Sum And Subtraction´ // `2. Akt´ // `Utopia´  

`Metaphysics Of Entropy´  

`Chambery´  

`Flares´  

`OPS…!´  

`W´  

`Live At Kühlspot´  

`22:22 Free Radiohead´  

`Dance Mystique´  

`Diciotto´ // `Em Portugal!´ // `A Pearl In Dirty Hands´  

`Livebatts!´  

`Doublethink´  

`Explicit´ // `Clairvoyance´  

`Gratitude´  

`Kalvingrad´  

`Damn! Freistil-Samplerinnen 4 + 5´  

`L’inottenibile´  

`Four Waves´  

`Beats´  

`Vostra Signora Del Rumore Rosa´