`Fragile Touch Of The Coincidence´

Autore disco:

Tu m’

Etichetta:

Headz (J)

Link:

www.tu-m.com
www.faderbyheadz.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2006

Titoli:

1) The Shining Water Of The River 2) Fragile Touch Of The Coincidence 3) The Day Of The Eclipse 4) Talking Walking 5) Day By Day 6) Maybe… (for J.F.) 7) Double Face 8) Shining Shadow

Durata:

43:46

Con:

Rossano Polidoro, Emiliano Romanelli

inseguiti dal mondo

x e. g. (no ©)

I Tu m’, dopo aver spigolato un mood notturno-latino-jazzy con il precedente “Just One Night”, offrono il loro contributo alla riscoperta di atmosfere palesemente bucoliche. Potremmo includere le otto tracce di “Fragile Touch Of The Coincidence” in un ipotetico movimento new-folk se non fosse che del termine si è abusato fin troppo, anche (soprattutto) quando di ‘new’ c’erano veramente scarsi segnali. Non voglio affermare che il CD in questione ‘pecchi’ in originalità assoluta, è individuabile un allineamento al modello ‘Minamo’ non so quanto ‘suggerito’ dalla presenza discreta di Keiichi Sugimoto (che ha masterizzato il tutto), ma comunque il duo angolano porta in misura più che sufficiente acqua del proprio mulino. Sicché non v’è traccia del verde di “Wakka”, “.kgs” e “Beautiful” nei bianco e nero posti in copertina a rappresentare i tratti distintivi di “Fragile Touch Of The Coincidence” e, se non c’è inganno, a questi paesaggi pietrosi dovrebbe corrispondere una musica molto più accidentata e mossa di quanto il combo giapponese sia mai riuscito a produrre. E non c’è inganno. Due chitarre e due calcolatorini tracciano percorsi nitidi e tortuosi, soleggiati e ombrosi in egual misura. Le tessiture, fatte di arpeggi o suoni ululanti, di rumori concreti o design astratti, scorrono senza soluzione di continuità, a seguire un sogno visionario che invita ad allargare lo sguardo oltre la linea dell’orizzonte. Sempre eguali ed ogni volta diversi, è così che i Tu m’ stupiscono ad ogni loro nuova uscita creando in contemporanea delle curiose aspettative riguardo all’uscita successiva. Resta quindi difficile stabilire se un loro nuovo disco rappresenta un passo in avanti od un passo indietro rispetto al precedente, dal momento che si muovono essenzialmente di lato cambiando continuamente sia il loro punto d’osservazione sia la prospettiva di chi ascolta. Per cui anche “Fragile Touch Of The Coincidence” è, alla fin fine, un semplice tassello di un mosaico che va studiato e conosciuto nel suo insieme.
Questa pubblicazione per la giapponese Headz rafforza ulteriormente la manovra di penetrazione globale dei due angolani che a questo punto, possiamo ben dirlo, hanno il mondo ai loro piedi. Continuando di questo passo ne avranno di cose da raccontare ai propri nipotini!?!!


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 11/3/2007

`La bottega del suono (Mario Bertoncini. Maestri e allievi.´  

`Depth Sounding´ // `quando ero un bambino farò l’astronauta´  

`Soufifex´  

`Live At Nikodemus Church´  

`Songs from The Eternal Dump´  

`Cosa potrebbe accadere´  

`Avrei Dovuto Odiarti´  

`The Night Of The 13th’ Moon´  

`10, A Brokken Records Special Edition´  

`OAK´  

`Octo´  

`fourtyfour fiftythree´  

`Antinodal´  

`IMAfiction: Portrait # 01 - # 10´  

`Placid´  

`Music For Cat Movies´  

`Air Skin Digger´ // `Sidereal Deconposition Activity´  

`Milano´ // `Sinking Into A Miracle´  

`Light From Another Light´  

`Drift´  

`Repeat Please!´  

`Sum And Subtraction´ // `2. Akt´ // `Utopia´  

`Metaphysics Of Entropy´  

`Chambery´  

`Flares´  

`OPS…!´  

`W´  

`Live At Kühlspot´  

`22:22 Free Radiohead´  

`Dance Mystique´  

`Diciotto´ // `Em Portugal!´ // `A Pearl In Dirty Hands´  

`Livebatts!´  

`Doublethink´  

`Explicit´ // `Clairvoyance´  

`Gratitude´  

`Kalvingrad´  

`Damn! Freistil-Samplerinnen 4 + 5´  

`L’inottenibile´  

`Four Waves´  

`Beats´  

`Vostra Signora Del Rumore Rosa´  

`777+2 Per Aspera Ad Astra´  

`Emblema´  

`Tajaliyat´  

`Moondrive´  

`Collected Wreckages´ // `Shallow Nothingness In Molten Skies´ // `Blind Tarots´  

`Selected Works For Piano And/Or Sound-Producing Media´  

`Triad´ // `Mokita´  

`Syria´  

`Humyth´  

`La spensieratezza´  

`Come tutti gli altri dei´  

`The Cold Plan´  

`Jukebox all’idroscalo´  

`Beautifully Astray´