`Exagéré!´


Autore disco:

Achref Chargui Trio

Etichetta:

autoproduzione (I)

Link:

achrefcharguitrio.wordpress.com
afoforomusicclub.blogspot.com

Email:

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2013

Titoli:

1) Retrouvailles 2) Toscana 3) M'hair Sika) 4) Jawaaz Safar Taksim 5) Bidun Jawaaz Safar 6) Naima 7) Bab Jedid 8) Brises Taksim 9) Brises 10) Soumoud

Durata:

43:25

Con:

Achref Chargui, Piero Spitilli, Jacopo Andreini

da cosa nasce cosa

x Italia Erario (no ©)

Se mettete assieme un liutista tunisino, un qualsiasi batterista italiano e un altrettanto qualsiasi contrabbassista, probabilmente non succede niente.
Ma se mettete insieme Achref Chargui col suo 'ud da una parte, Jacopo Andreini con la sua batteria dall'altra e, a fare da cerniera, Piero Spitilli con il suo contrabbasso, la possibilità che scocchi la scintilla detonatrice è molto alta.
Ascoltate il risultato del loro incontro racchiuso in questi dieci pezzi essenzialmente strumentali, nei quali vengono a commistionarsi i fertili background dei tre strumentisti, e vi sarà chiaro cosa voglio dire.
L’incontro è alla fin fine problematico, come ogni qualvolta si scontrano due culture e due modi diversi di intendere la musica e la vita stessa, e per questo risulta ancor più affascinante, con i tre che si offrono al massimo per trovare un suono d'insieme; e va detto che lo trovano, sia quando giocano con stilemi tipici della musica araba sia quando si confrontano con classici della musica afro-americana (Naima).
È il tunisino a doversi sobbarcare il maggior numero di rischi, e di conseguenza si prende anche buona parte dei meriti apparendo come leader del trio, dal momento che mentre il liuto arabo è penetrato da tempo in Europa e America, tramite virtuosi dello strumento quali Munir Bashir, Hamza El Din o Anouar Brahem, e trova ormai una sua applicazione piuttosto frequente nelle musiche occidentali, la batteria resta ancora uno strumento piuttosto estraneo alla musica araba.
Chargui trova logicamente stimoli vincenti quando gioca in casa, come in Brises Taksim dove, solo con il suo ‘ud, intarsia una splendida introduzione alla corale Brises, ma è riduttivo vedere le cose in tal guisa. Molto brillante, ad esempio, è infatti anche Bab Jedid, dal nome di una delle porte d'ingresso alla medina di Tunisi, una specie di giga che non farebbe una piega se fatta passare per un tema popolare proveniente da qualche angolo del Nord Europa. Semplicemente spettacolare è poi il fraseggio veloce in Soumoud, attraverso il quale Chargui mette in mostra tutta la propria abilità.
Va detto che anche gli altri due si prendono comunque le proprie soddisfazioni e non coprono affatto il ruolo dei comprimari.
Spitilli si lascia ammirare in più di un frangente, ma soprattutto in Jawaaz Safar Taksim, un preludio per solo contrabbasso a Bidun Jawaaz Safar. Per non dire, poi, di un Andreini sempre presente, energico, puntuale e creativo ... un autentico motore che non ha nessuna défaillance.
Il livello tecnico-esecutivo è molto elevato ma, a dispetto di ciò, non c'è sfoggio di abilità e fa addirittura capolino una vena malinconica e semplice, segnata da quel romanticismo che ha sempre spinto migranti e viaggiatori a sfidare la sorte. E, in definitiva, "Exagéré" altro non è che un grande viaggio o, meglio, la documentazione del meeting avvenuto al termine di esso.
"Exagéré" è uno degli esempi più riusciti di fusione fra musica araba, jazz e rock, e lascia il rimpianto amaro per le vette che i tre potrebbero raggiungere se soltanto non dovessero fare i conti con mille-e-una difficoltà, soprattutto di tipo logistico.
Se Jacopo Andreini non fosse stato captato da L'Enfance Rouge questo disco, probabilmente, non avrebbe mai visto la luce.
Idem se L'Enfance Rouge non avesse deciso di registrare e suonare in Tunisia. È infatti durante una delle trasferte oltremare del trio italo-francese che Andreini e Chargui si sono conosciuti e hanno deciso di avviare questa collaborazione.
Voglio però credere che "Exagéré" è anche il frutto della rivoluzione dei gelsomini che, come tutte le rivoluzioni, ha sicuramente liberato numerose forze creative.
Da cosa nasce cosa.
Grazie Chiara e grazie François.
Ma, soprattutto, grazie Achref, grazie Piero e grazie Jacopo.
Per chi legge sands-zine comprare questo CD è quasi un dovere.
Per gli altri lo è altrettanto, magari rinunciando per una volta al Cricco Castelli di turno.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 20/2/2015

`Exagéré!´  

`The Cost Of Service´ // `CaseMatte / коробочка для пилюль´ // `Threatening Fragments From Four Boulders´  

`Peripheral´  

`Elementer´ // `Primitive Future´  

`La Chambre Des Jeux Sonores´  

`In God We Trust´  

`Lasting Ephemerals´ // `Don Kixote´ // `Moon´  

`nu.it´  

`Come in cielo così in terra´  

`Scimmie´  

`David´  

`Obsession´ // `Guns of Brixton´  

`Artists´  

`The Seven Inch Series Vol. 1´ // `The Seven Inch Series Vol. 2´ // `The Seven Inch Series Vol. 3´  

`मेम वेर्म [mema verma]´  

`The Calendar´  

`(Per la) Via di casa´  

`Dannato´  

`карлицы сюита´  

`Zen Crust´  

`Seven Songs For A Disaster´ // `Keep Your Hands Free´  

`Tape Crash #8´ // `Version d’un ouvrage traduit´  

`More Lovely And More Temperate´  

`Monktronik´  

`Lo gnomo e lo gnu´  

`Cagna schiumante´  

`Lottoventisette´  

`in BLOOM´  

`Exploding Views´  

`L’arte della fuga´  

`Venezia non esiste´  

`And The Cowgirls Kept On Dancing´ // `Rotations´  

`TH_X´  

`Solo Flutes´  

`Lingue di fuoco´  

`Hoe Alles Oplost´  

`Matter´ // `Folklor Invalid´  

`The Cold Summer Of The Dead´  

`Canzoni in silenzio´  

`Pinarella Blues´  

`Miserabilandia´  

`Etude Begone Badum´ // `Bone Alphabet´  

`Automitoantologia (1983-2013) – 30 anni di ritagli, rarità e inediti´  

`Era una gioia appiccare il fuoco´  

`Nothing Changes No One Can Change Anything, I Am Ever-Changing Only You Can Change Yourself´  

`Reuze Reuze´  

`Goodmorning Utopia´  

`You Wait To Publish´  

`Birch´  

`Due´  

`Esco un attimo´  

`In Case We’ll Meet´ // `LEM´  

`Quellgeister #1´  

`The Space Lady’s Greatest Hits´  

`Entomologia´ // `Peyrano´  

`Kopfüberwelle´  

`About Farewell´  

`17 Clips´