`The Galilean Moons´

Autore disco:

Robert Dick & Ursel Schlicht

Etichetta:

NEMU Records (D)

Link:

www.nemu-records.com
robertdick.net/
www.urselschlicht.com/

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2015

Titoli:

1) Tendrils 2) Sic Bisquitus Disintegrat 3) A Lingering Scent Of Eden 4) The Galilean Moon: Io 5) The Galilean Moon: Europa 6) The Galilean Moon: Callisto 7) The Galilean Moon: Ganymede 8) Dark Matter 9) Life Concert: Iridescence 10) Life Concert: The Multany, Baby

Durata:

58:46

Con:

Robert Dick, Ursel Schlicht

tanti flauti, quattro lune e un pianoforte

x rhino chewingtoast (no ©)

Per gli amanti di uno strumento come il flauto questa è un`occasione da non perdere, Robert Dick ne suona esattamente sette tipi (fra i quali il flute with Glissando Headjoint di sua creazione).
La pianista Ursel Schlicht, vista la consistenza materiale del suo strumento, non può chiaramente fare altrettanto, ma compensa l`inferiorità numerica con l`utilizzo di numerose tecniche e approcci a un mezzo che, in tal senso, offre una miriade di possibilità . Avevo già incrociato il nome di Dick all`interno di un vecchio catalogo della O.O. Disc di Joseph Celli, dove veniva definito come un compositore/flautista rivoluzionario. Entrando nel suo sito personale noto una discografia piuttosto nutrita all`interno della quale spicca un “Third Stone From The Sun”, del 1993, dedicato alla musica di Jimi Hendrix (fra i musicisti presenti spiccano i nomi di Jim Black, Shelley Hirsch, Marty Ehrlich e del Soldier String Quartet).
Il nome di Ursel Schlicht mi suona invece nuovo, ma indagando nel suo sito scopro egualmente numerosi dischi a suo nome, in collaborazione con altri strumentisti e all`interno di importanti formazioni e/o orchestre (significativo un CD del 2003 con il gruppo di Sean Bergin, con in formazione Tristan Honsinger, Ab Baars, Han Bennink, Alan Purves e altri).
Insomma, pare chiaro che non sono pischelli di primo pelo, e la loro stessa collaborazione ha un precedente in “Photosphere” del 2005 (proprio su NEMU).
E` logico che due musicisti di così provata esperienza, anche sotto la formula qui proposta, non possono fallire, e i due non falliscono affatto dando vita a dieci brani singolari per concezione e spettacolari per esecuzione. In essi confluiscono chiaramente anni di apprendimento e di sperimentazioni (impossibile non individuare in Ganymede echi dell`hendrixiana Third Stone ...): il flautista raccoglie ciò che di nuovo è stato detto nel free jazz e nella musica contemporanea (con particolare riferimento a Eric Dolphy), mentre è impossibile non sentire nel tocco di Ursel Schlicht tutto l`ampio ventaglio che da Telonious Monk porta a Alexander von Schlippenbach (naturalmente passando per John Cage e per importanti figure del piano al femminile quali Irène Schweizer).
Il tutto è riletto con personalità e fantasia in una miscela dove tecniche arcaiche e futuriste, stralci di melodia e grumi di rumore, capovolgimenti di ruolo e d`impostazione, suoni e risonanze, in pratica tutto lo spettro sonoro ottenibile dagli strumenti utilizzati contribuisce alla costruzione di un reticolato tanto intricato quanto lucido e consapevole.
Il mio brano preferito, scelta alquanto difficile, è il fantasmagorico Dark Matter: sopra un pianoforte, rarefatto ma incalzante, Robert Dick miscela la recitazone di un testo nonsense con una sequenza altrettanto illogica di suoni sottratti a un flauto contrabbasso (e il tutto finisce con l`essere la cosa più logica di questo mondo).
Prosit.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 14/2/2017
  Torna al Menù Principale
 Archivio dell'anno 2017 ...

`Cartridge Music (musica per testina)´ // `Nassau 1713´  

`Sensorium´  

`Drowning In Wood´  

`Malo´ // `Sacrée Obsession´  

`Veiled´  

`Dimensioni´ // `Parallelo´  

`Live At La Resistenza´  

`Spannung´  

`Flawless Dust´ // `Scenes From A Trialogue´  

`Črne Vode / Black Waters / Schwarze Wasser´ // `Let Them Grow´  

`ﺭﺍﺩﻳﻮ ﺇﺯﺩﺍﻍ´ // `Es Prohibido Cantar´  

`Pow´  

`Place´  

`Carrion, My Wayward Son ...´  

`Maledetta Dopamina´  

`Uno Todo Tres´  

`The Galilean Moons´  

`Dancing Trees´  

`Il Ballo dell`Orso´  

`Reverse Camouflage´  

`For Arthur Doyle´ // `Osing Trance - Musik Patrol´  

`Tape Crash #12´  

`Offshore Zone´  

`Andante Plumbeo´  

`Volume 3´  

`Kali Yuga´ // `Le filtre à sons - Vol. 1´  

`Reliquies´  

`Unbehagen´  

`D`ora stella´  

`Zero Brane´  

`Witch´ // `The Golden Calf´ // `Il vespaio´  

`New York City´ // `Gaycre (2)´ // `Demain, c`est Paris-Roubaix´  

`Alegrìas y duelos de mi alma´  

`Silent People´  

`Circles Of Upper And Lower Hell´  

`A Tree, At Night´ // `Prima del terzo´ // `Heavy Nichel´ // `Taken From A True Story´  

`Honey Ant Dreaming´ // `Reverie´ // `Warm Glow´ // `Bliss´  

`Calce´ // `5 Haiku´  

`The Exodus Suite´  

`A Beat Of A Sad Heart´  

`Chamber Rites´  

`Numen - Life Of Elitra Lipozi´  

`Memoria Istruttiva´ // `Funeral Parties´  

`Zurich Concerts (15 Years Of Kontrabassduo Studer-Frey)´  

`Tape Crash 14´ // `Tape Crash 15´  

` ncora´  

`Tectonic Shifts´ // `Modus Of Raw´  

`Chi va piano va già troppo veoce (Sulla lentezza del bradipo)´  

`Hoverload´ // `{}´  

`Arpe Eolie´ // `Ragionamenti musicali in forma di dialogo: X e XII´  

`Ho perso la testa´ // `Musica per autoambulanze´  

`The Stabbing´ // `Acephale´ // `in Fin dei Corpi´  

`Autotrophy´  

`Farfalle e Falene´  

`Eagle Prayer´  

`Méthodologie Contextuelle´ // `Sequenze per raffigurazioni mentali #1´  

`Creatura´  

`City Of Vorticity´  

`Vostok´  

`Appartamento in centro´  

`KIKEΩN´  

`Primio´  

`Examination Of The Eye Of A Horse´  

`Bad Habits´  

`Hypno-pop´  

`Dieci´ // `La porta stretta´  

`Fabuloseries´  

`Awake´  

`Way´  

`Apnea´  

`Rumore austero´ // `Sitcom Koan´ // `Maps And Mazes´  

`Beyond Time´  

`Zentuary´ // `Pasar Klewer´  

`Silentium´  

`Prossime trascendenze´  

`Live Spomen Dom´  

`The White Side, The Black Side´  

`Variazioni Gracchus´  

`The Miracles Of Only One Thing´  

`Become Zero´  

`Right Error´  

`Traum´  

`Re-Birth´  

`Le nove ombre del caos´  

`Les Ravageurs´  

`Falling Apart´  

`Coriandoli´  

`Divus´  

`Learn To Live´  

`Il De` Blues´ // `Sì´  

`Menhir´  

`Un incubo stupendo´