`Witch´ // `The Golden Calf´ // `Il vespaio´

Autore disco:

The Sunshine Underground Collective // Mesopotamiah // La Stanza Degli Specchi

Etichetta:

Tepoj Majinarte Records (I)

Link:

www.facebook.com/tepojmajinarterecords?fref=nf

Formato:

CD-R, D

Anno di Pubblicazione:

2015

Titoli:

1) a - Rise (Part 1: Chant (Beginning) Part 2: New Levels Part 3: White Magic Part 4: Witch) b - Fall(
Part 5: Moonshine Underground Part 6: Black Magic Part 7: Creator / Destroyer Part 8: Doubt (Ending)) // 1) Aldebaran (feat. Jimmy Sangiorgio) 2) USS Lusitania 3) Hold On (The Golden Calf Will Come) 4) The Only Way 5) Possessed By The Golden Calf 6) Odio I Boyscout (Bonus Track) // 1) Costruzione 2) Collasso

Durata:

29:45 // 24:16 // 20:58

Con:

? // Autopilot Fricassea, Convertible Preciso, Carpetbagger Frastagliato, Midwest Obsoleto, Swordsman Elegante // ?

replay

x Fatty Debora (no ©)

«Comprateli pure, ma non dovete sperare di trovarvi fra le mani il primo Velvet Underground e la banana sbucciabile di Andy Warhol».
Così scrivevo recensendo i precedenti lavori di questa triade ... e, zac, ecco che insieme alla nuova lozione di promozionali arriva anche una copia del summenzionato VU & Nico (peccato che abbia già quel disco in numerose salse). Puoi immaginarti la sorpresa, perchè ciò vuol dire che questi signori leggono stoicamente le nostre recensioni. E io che credevo di passare inosservato. D`ora in avanti dovremo essere più professionali.
“Witch” è un disco settantino dalle tinte gotiche, seppure non troppo oscure, nel quale la figura della strega viene affrontata in due temi, Rise e Fall, entrambi divisi in quattro parti, che scorrono però come un pezzo unico. L`ariosa apertura iniziale, sul tipo dei primi King Crimson ma priva della patina romantica insita al gruppo guidato da Fripp, Lake & Giles, sfocia in un rincorrersi di suoni spaziali. Un cinguettio di sottofondo e una chitarra arpeggiata preludono poi a esplosioni elettriche sostanzialmente blacksabbathiane, inframmezzate da bordoni di suoni striduli e da una sezione molto bluesy. Il finale apre di nuovo a sequenze di tipo crimsoniano. The Sunshine Underground sono un signor nessuno dietro al quale si nasconde l`arguzia di Ulisse.
I Mesopotamiah rompono la congiura del silenzio, tipica della Tepoj Majinarte, e nell`occasione riportano nella confezione i nomi dei musicisti (che però sono improbabili pseudonimi beefheartiani). Il loro lavoro fa riferimento alla mitologia biblica del vitello d`oro. Chitarre elettriche e tastiere singhiozzati, con una voce filtrata (al vocoder o altro) che fa molto Kraftwerk, e con sonorità che rimandano al progressive o alla kosmische musik, il tutto però molto velocizzato e/o punkizzato. Fanno eccezione Hold On (The Golden Calf Will Come) e The Only Way. Nel primo titolo su un motivo del pianoforte (mi ricorda qualcosa che conosco seppure non riesca a mettere a fuoco cosa) si sviluppa un bel tema da film. The Only Way è una specie di montaggio surreal-schizofrenico nel quale si susseguono grind, valzer, kosmische-grunge, reggae e metal.
La stanza degli specchi, dopo “Il formicaio”, si dedica al vespaio. Il brano è diviso in due parti, Costruzione e Collasso, e mentre la prima suona come i Pink Floyd in preda a una febbre industrial, Collasso è puro noise-elettronico (roba alla Merzbow, tanto per intendersi). Aspettiamo con ansia la prossima uscita per capire se intendono esplorare ancora la socialità degli insetti, magari con il termitaio, o se decideranno di passare a una specie superiore (il pollaio, il nido d`aquila). Per il momento quanto ci hanno trasmesso è più che sufficiente.
Comprate pure questi dischi, ma non dovete sperare di trovarvi fra le mani il “Black Album” di Prince (eh ... eh ... questo non ce l`ho).


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 9/4/2017
  Torna al Menù Principale
 Archivio dell'anno 2017 ...

`Cartridge Music (musica per testina)´ // `Nassau 1713´  

`Sensorium´  

`Drowning In Wood´  

`Malo´ // `Sacrée Obsession´  

`Veiled´  

`Dimensioni´ // `Parallelo´  

`Live At La Resistenza´  

`Spannung´  

`Flawless Dust´ // `Scenes From A Trialogue´  

`Črne Vode / Black Waters / Schwarze Wasser´ // `Let Them Grow´  

`ﺭﺍﺩﻳﻮ ﺇﺯﺩﺍﻍ´ // `Es Prohibido Cantar´  

`Pow´  

`Place´  

`Carrion, My Wayward Son ...´  

`Maledetta Dopamina´  

`Uno Todo Tres´  

`The Galilean Moons´  

`Dancing Trees´  

`Il Ballo dell`Orso´  

`Reverse Camouflage´  

`For Arthur Doyle´ // `Osing Trance - Musik Patrol´  

`Tape Crash #12´  

`Offshore Zone´  

`Andante Plumbeo´  

`Volume 3´  

`Kali Yuga´ // `Le filtre à sons - Vol. 1´  

`Reliquies´  

`Unbehagen´  

`D`ora stella´  

`Zero Brane´  

`Witch´ // `The Golden Calf´ // `Il vespaio´  

`New York City´ // `Gaycre (2)´ // `Demain, c`est Paris-Roubaix´  

`Alegrìas y duelos de mi alma´  

`Silent People´  

`Circles Of Upper And Lower Hell´  

`A Tree, At Night´ // `Prima del terzo´ // `Heavy Nichel´ // `Taken From A True Story´  

`Honey Ant Dreaming´ // `Reverie´ // `Warm Glow´ // `Bliss´  

`Calce´ // `5 Haiku´  

`The Exodus Suite´  

`A Beat Of A Sad Heart´  

`Chamber Rites´  

`Numen - Life Of Elitra Lipozi´  

`Memoria Istruttiva´ // `Funeral Parties´  

`Zurich Concerts (15 Years Of Kontrabassduo Studer-Frey)´  

`Tape Crash 14´ // `Tape Crash 15´  

` ncora´  

`Tectonic Shifts´ // `Modus Of Raw´  

`Chi va piano va già troppo veoce (Sulla lentezza del bradipo)´  

`Hoverload´ // `{}´  

`Arpe Eolie´ // `Ragionamenti musicali in forma di dialogo: X e XII´  

`Ho perso la testa´ // `Musica per autoambulanze´  

`The Stabbing´ // `Acephale´ // `in Fin dei Corpi´  

`Autotrophy´  

`Farfalle e Falene´  

`Eagle Prayer´  

`Méthodologie Contextuelle´ // `Sequenze per raffigurazioni mentali #1´  

`Creatura´  

`City Of Vorticity´  

`Vostok´  

`Appartamento in centro´  

`KIKEΩN´  

`Primio´  

`Examination Of The Eye Of A Horse´  

`Bad Habits´  

`Hypno-pop´  

`Dieci´ // `La porta stretta´  

`Fabuloseries´  

`Awake´  

`Way´  

`Apnea´  

`Rumore austero´ // `Sitcom Koan´ // `Maps And Mazes´  

`Beyond Time´  

`Zentuary´ // `Pasar Klewer´  

`Silentium´  

`Prossime trascendenze´  

`Live Spomen Dom´  

`The White Side, The Black Side´  

`Variazioni Gracchus´  

`The Miracles Of Only One Thing´  

`Become Zero´  

`Right Error´  

`Traum´  

`Re-Birth´  

`Le nove ombre del caos´  

`Les Ravageurs´  

`Falling Apart´  

`Coriandoli´  

`Divus´  

`Learn To Live´  

`Il De` Blues´ // `Sì´  

`Menhir´  

`Un incubo stupendo´