`Alegrìas y duelos de mi alma´

Autore disco:

Futeisha

Etichetta:

Artetetra (I), Old Bicycle Records (CH)

Link:

oldbicyclerecords.blogspot.it

Email:

Formato:

MC

Anno di Pubblicazione:

2016

Titoli:

1) Enfer Amusical 2) Notturna 3) Nel Roseto 4) El Caminos de los Sueños 5) No Me Dejes Mi Amor 6) Malegrìa de Fantasìa 7) Uccidere l`Imperatore 8) A la Puerta del Rio 9) Me Aveleno 10) Viaje en la Neblina 11) Una Fin

Durata:

31:35

Con:

Juan Francisco Scassa, Paula Horror, Ottavio, Luigi von Turin, Vinz, Alicia Bessayag

una cassetta di torbida bellezza

x eddy campagiorni (no ©)

Se si spargesse la voce che Juan Francisco Scassa è un satanista convinto non faticherei a crederci (influenzato anche dal nome evocativo del suo alter ego Dedalo 666).
O, perlomeno, penserei che lo è in maniera molto più convinta di alcuni ostentatori del passato quali Black Sabbath e/o Black Widow.
Dal momento, poi, che chi si accompagna al demonio gli assomiglia, penserei che i suoi pard non devono essere da meno.
Il suo modello inferis non è comunque, ancorchè tenebroso, solo un luogo di sofferenza ma pure un luogo di piacere: di «gioie e dolori della mia anima».
L`idea definitiva che mi sono fatto è quella di un inferno, il suo, che assomiglia molto al nostro piccolo mondo, un mondo dove in realtà non c`è un dio, nè un demonio che tenta di ostacolarlo, ma tanti piccoli demoni chiamati uomini in grado di fare il buono come il cattivo tempo.
Quella di “Alegrìas y duelos de mi alma” è, logicamente viste le premesse, una bellezza torbida. Ad iniziare dal noise efferato dei titoli posti in apertura e in chiusura.
La fisarmonica che fa capolino sopra le percussioni scomposte di Notturna fa molto Buenos Aires, a ricordarci subito che Scassa è argentino. Così anche in buona parte degli altri brani, dove le linee guida sono tenute dall`arpeggio sulla chitarra, il sapore è decisamente hispanico-latino con tutta la tensione drammaturgica che questo comporta.
Solo in Uccidere l`Imperatore e A la Puerta del Rio vengono prese, in parte, le distanza dal resto. Uccidere l`Imperatore è un quadretto ambient estrapolato da qualche galassia di in(de)finito minimalismo ripetitivo e A la Puerta del Rio è una cantata popolaresca altrettanto ripetitiva (la voce è di Alicia Bessayag).
L`idea minimalista coinvolge comunque, strutturalmente, un po` tutti i brani.
L`uso della voce, sussurrato e stregonesco, quando c`è crea invece una patina psichedelica e surreale.
L`unico difetto che riesco a individuare è quello di una stampa limitata a 150 copie, laddove il valore dell`opera ne avrebbe meritate molte di più.
Date il vostro contributo a mitigare questa carenza comprando la cassetta e, fottendovene di amenità quali diritto d`autore e/o di copia, sdoppiatela innumerevoli volte passandola a quanti più amici potete. Ho l`impressione che lui, Juan Francisco Scassa, ne sarebbe orgoglioso e riconoscente.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 6/4/2017
  Torna al Menù Principale
 Archivio dell'anno 2017 ...

`Cartridge Music (musica per testina)´ // `Nassau 1713´  

`Sensorium´  

`Drowning In Wood´  

`Malo´ // `Sacrée Obsession´  

`Veiled´  

`Dimensioni´ // `Parallelo´  

`Live At La Resistenza´  

`Spannung´  

`Flawless Dust´ // `Scenes From A Trialogue´  

`Črne Vode / Black Waters / Schwarze Wasser´ // `Let Them Grow´  

`ﺭﺍﺩﻳﻮ ﺇﺯﺩﺍﻍ´ // `Es Prohibido Cantar´  

`Pow´  

`Place´  

`Carrion, My Wayward Son ...´  

`Maledetta Dopamina´  

`Uno Todo Tres´  

`The Galilean Moons´  

`Dancing Trees´  

`Il Ballo dell`Orso´  

`Reverse Camouflage´  

`For Arthur Doyle´ // `Osing Trance - Musik Patrol´  

`Tape Crash #12´  

`Offshore Zone´  

`Andante Plumbeo´  

`Volume 3´  

`Kali Yuga´ // `Le filtre à sons - Vol. 1´  

`Reliquies´  

`Unbehagen´  

`D`ora stella´  

`Zero Brane´  

`Witch´ // `The Golden Calf´ // `Il vespaio´  

`New York City´ // `Gaycre (2)´ // `Demain, c`est Paris-Roubaix´  

`Alegrìas y duelos de mi alma´  

`Silent People´  

`Circles Of Upper And Lower Hell´  

`A Tree, At Night´ // `Prima del terzo´ // `Heavy Nichel´ // `Taken From A True Story´  

`Honey Ant Dreaming´ // `Reverie´ // `Warm Glow´ // `Bliss´  

`Calce´ // `5 Haiku´  

`The Exodus Suite´  

`A Beat Of A Sad Heart´  

`Chamber Rites´  

`Numen - Life Of Elitra Lipozi´  

`Memoria Istruttiva´ // `Funeral Parties´  

`Zurich Concerts (15 Years Of Kontrabassduo Studer-Frey)´  

`Tape Crash 14´ // `Tape Crash 15´  

` ncora´  

`Tectonic Shifts´ // `Modus Of Raw´  

`Chi va piano va già troppo veoce (Sulla lentezza del bradipo)´  

`Hoverload´ // `{}´  

`Arpe Eolie´ // `Ragionamenti musicali in forma di dialogo: X e XII´  

`Ho perso la testa´ // `Musica per autoambulanze´  

`The Stabbing´ // `Acephale´ // `in Fin dei Corpi´  

`Autotrophy´  

`Farfalle e Falene´  

`Eagle Prayer´  

`Méthodologie Contextuelle´ // `Sequenze per raffigurazioni mentali #1´  

`Creatura´  

`City Of Vorticity´  

`Vostok´  

`Appartamento in centro´  

`KIKEΩN´  

`Primio´  

`Examination Of The Eye Of A Horse´  

`Bad Habits´  

`Hypno-pop´  

`Dieci´ // `La porta stretta´  

`Fabuloseries´  

`Awake´  

`Way´  

`Apnea´  

`Rumore austero´ // `Sitcom Koan´ // `Maps And Mazes´  

`Beyond Time´  

`Zentuary´ // `Pasar Klewer´  

`Silentium´  

`Prossime trascendenze´  

`Live Spomen Dom´  

`The White Side, The Black Side´  

`Variazioni Gracchus´  

`The Miracles Of Only One Thing´  

`Become Zero´  

`Right Error´  

`Traum´  

`Re-Birth´  

`Le nove ombre del caos´  

`Les Ravageurs´  

`Falling Apart´  

`Coriandoli´  

`Divus´  

`Learn To Live´  

`Il De` Blues´ // `Sì´  

`Menhir´  

`Un incubo stupendo´