`Primio´

Autore disco:

L`Océan

Etichetta:

autoproduzione (I)

Link:

loceanband.bandcamp.com

Formato:

CD, DL

Anno di Pubblicazione:

2016

Titoli:

1) Elastic Chords 2) The Space 3) Acqua 4) Fiery Drops 5) Melodia 75.2 6) Blackholes 7) Dance Of The Clouds

Durata:

39:03

Con:

E. Perri, C. Minasi, L. Fratoni, M. Palamà , A. Baduini, F. Campagna, M. Galbagini, M. Capriotti, C. Favini, A. Benigni, L. Amorosi, L. Valis, Ben Chasny, Julia Kent, Fabrizio Modonese Palumbo

qualcosa di più rispetto a un semplice CD

x mario biserni (no ©)

«L`Océan è un gruppo di sperimentazione ritmica e sonora nato nel 2006 all`interno della Cooperativa Sociale GP2 Servizi che opera da più di un decennio nella formazione di persone disabili del territorio del Rhodense.
L`Océan si configura come luogo e tempo di sperimentazione della creatività di un gruppo di persone con diverse abilità /disabilità che negli anni hanno manifestato e affinato i loro talenti.
Il lavoro del gruppo riguarda la ricerca delle potenzialità sonore di strumenti musicali ed oggetti di uso comune all`interno di un processo di liberazione delle sensibilità espressive individuali e di armonizzazione collettiva.
Il gruppo nasce esprimendosi sostanzialmente attraverso l`improvvisazione, scaturita da alcune immagini o suggestioni (visive, sonore, immaginarie) e si realizza all`interno di una struttura definita da alcuni segnali di conduzione e da precisi tempi di esecuzione.
Dal 2007 il gruppo inizia una collaborazione interdisciplinare con un altro gruppo creativo-artigianale, nato anch`esso all`interno della cooperativa, mirato all`ideazione, alla progettazione e alla costruzione di macchine sonore, realizzate esclusivamente con materiali industriali di scarto e funzionanti principalmente ad acqua. Dal gruppo delle “macchine meravigliose” arrivano all`Océan tre macchine, amplificate con microfoni a contatto, che funzionano per mezzo di flussi d`acqua, meravigliose appunto.
L`ingresso delle macchine sonore nell`Océan stimola il desiderio di incrementare il lavoro di tipo interdisciplinare per potenziare la contaminazione tra linguaggi espressivi e discipline differenti.
Nasce una ulteriore collaborazione, all`interno della cooperativa, con il gruppo cosiddetto “corporeo”, che lavora da anni utilizzando le metodologie della danzaterapia, dell`espressione teatrale e dell`educazione alla teatralità . Dal progetto interdisciplinare è nato così un nuovo spettacolo, più “teatrale”, “La luna sott`acqua”, dove una compagnia di attori, musicisti, pittori e danzatori, disabili e non, nel gioco di specchi tra storia vissuta e narrata, metteranno in scena frammenti simbolici e condizioni dell`esistenza umana.
Il lavoro dell`Océan di questi anni è il risultato del tentativo di realizzare una filosofia dell`arte come processo creativo collettivo e democratico che, in quanto tale, non è mai concluso e appartiene a tutti.
La terapeuticità in questa cornice, e soprattutto all`interno del contesto in cui la cooperativa si trova ad operare, è un possibile effetto dell`arte e non una sua premessa, nella convinzione che ciascuno sappia prendere dal processo creativo ciò di cui più ha bisogno.
Ed era tempo di lasciare traccia.
Così è partito un crowdfunding e con il contributo dei sostenitori “Primio” ha preso forma.
»
Ho ritenuto opportuno riportare per intero il comunicato stampa dal momento che un suo riassunto da parte mia sarebbe stato ben poco significativo, e ancor meno significativo, oltrechè stupido, sarebbe stato riportare quanto sta scritto qui sopra come farina del mio sacco.
La musica è un oceano psichedelico, redcrayolesco, evocativo e visionario, pullulante di cosmi e microcosmi, ricco di vita, dove il suono delle corde incontra quello dei rumori, dove le sensazioni incontrano le emozioni. Il sapore è però diverso da quello del solito disco, magari anche più ben suonato e più ben realizzato di questo, perchè è il sapore di un`arte non fittizia, bensì scaturita da un`attività concreta, espressione del reale, frutto di un ritorno all`antico, quando l`arte era reale espressione dello strato sociale che la generava, quando il lavoro incontrava la creazione.
Fa sicuramente piacere trovare musicisti arrivati come Fabrizio Modonese Palumbo (chitarra in Blackholes e produzione), Ben Chasny (chitarra in Dance Of The Clouds) e Julia Kent (violoncello in Elastic Chords) che danno un loro contributo, amplificando la visibilità del disco, e questo fa oltretutto lievitare la nostra considerazione nei loro confronti. E sicuramente ci sarà qualcuno che comprerà “Primio” per la loro preziosa presenza. Non vorrei che fosse così anche da parte dei nostri lettori che decideranno per l`acquisto, perchè i veri protagonisti non sono loro ma il gruppo di sperimentazione ritmica e sonora nato nel 2006 all`interno della Cooperativa Sociale GP2 Servizi.
Un ultimo consiglio è quello di comprarne due o tre copie: una da tenere stretta e le altre da regalare in occasione di compleanni ed eventi simili.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 15/11/2017
  Torna al Menù Principale
 Archivio dell'anno 2017 ...

`Cartridge Music (musica per testina)´ // `Nassau 1713´  

`Sensorium´  

`Drowning In Wood´  

`Malo´ // `Sacrée Obsession´  

`Veiled´  

`Dimensioni´ // `Parallelo´  

`Live At La Resistenza´  

`Spannung´  

`Flawless Dust´ // `Scenes From A Trialogue´  

`Črne Vode / Black Waters / Schwarze Wasser´ // `Let Them Grow´  

`ﺭﺍﺩﻳﻮ ﺇﺯﺩﺍﻍ´ // `Es Prohibido Cantar´  

`Pow´  

`Place´  

`Carrion, My Wayward Son ...´  

`Maledetta Dopamina´  

`Uno Todo Tres´  

`The Galilean Moons´  

`Dancing Trees´  

`Il Ballo dell`Orso´  

`Reverse Camouflage´  

`For Arthur Doyle´ // `Osing Trance - Musik Patrol´  

`Tape Crash #12´  

`Offshore Zone´  

`Andante Plumbeo´  

`Volume 3´  

`Kali Yuga´ // `Le filtre à sons - Vol. 1´  

`Reliquies´  

`Unbehagen´  

`D`ora stella´  

`Zero Brane´  

`Witch´ // `The Golden Calf´ // `Il vespaio´  

`New York City´ // `Gaycre (2)´ // `Demain, c`est Paris-Roubaix´  

`Alegrìas y duelos de mi alma´  

`Silent People´  

`Circles Of Upper And Lower Hell´  

`A Tree, At Night´ // `Prima del terzo´ // `Heavy Nichel´ // `Taken From A True Story´  

`Honey Ant Dreaming´ // `Reverie´ // `Warm Glow´ // `Bliss´  

`Calce´ // `5 Haiku´  

`The Exodus Suite´  

`A Beat Of A Sad Heart´  

`Chamber Rites´  

`Numen - Life Of Elitra Lipozi´  

`Memoria Istruttiva´ // `Funeral Parties´  

`Zurich Concerts (15 Years Of Kontrabassduo Studer-Frey)´  

`Tape Crash 14´ // `Tape Crash 15´  

` ncora´  

`Tectonic Shifts´ // `Modus Of Raw´  

`Chi va piano va già troppo veoce (Sulla lentezza del bradipo)´  

`Hoverload´ // `{}´  

`Arpe Eolie´ // `Ragionamenti musicali in forma di dialogo: X e XII´  

`Ho perso la testa´ // `Musica per autoambulanze´  

`The Stabbing´ // `Acephale´ // `in Fin dei Corpi´  

`Autotrophy´  

`Farfalle e Falene´  

`Eagle Prayer´  

`Méthodologie Contextuelle´ // `Sequenze per raffigurazioni mentali #1´  

`Creatura´  

`City Of Vorticity´  

`Vostok´  

`Appartamento in centro´  

`KIKEΩN´  

`Primio´  

`Examination Of The Eye Of A Horse´  

`Bad Habits´  

`Hypno-pop´  

`Dieci´ // `La porta stretta´  

`Fabuloseries´  

`Awake´  

`Way´  

`Apnea´  

`Rumore austero´ // `Sitcom Koan´ // `Maps And Mazes´  

`Beyond Time´  

`Zentuary´ // `Pasar Klewer´  

`Silentium´  

`Prossime trascendenze´  

`Live Spomen Dom´  

`The White Side, The Black Side´  

`Variazioni Gracchus´  

`The Miracles Of Only One Thing´  

`Become Zero´  

`Right Error´  

`Traum´  

`Re-Birth´  

`Le nove ombre del caos´  

`Les Ravageurs´  

`Falling Apart´  

`Coriandoli´  

`Divus´  

`Learn To Live´  

`Il De` Blues´ // `Sì´  

`Menhir´  

`Un incubo stupendo´