`OPS...!´

Autore disco:

Maresuke Okamoto, Guy-Frank Pellerin & Eugenio Sanna

Etichetta:

Setola di Maiale (I)

Link:

www.setoladimaiale.net
www.youtube.com/watch?v=hPheCy1sjd8
www.youtube.com/watch?v=yptupCuLbHo
www.youtube.com/watch?v=hNxkCtg4dHU
www.youtube.com/watch?v=wCMVmsB16Pw
www.youtube.com/watch?v=Jkwx-bWky-4
www.youtube.com/watch?v=1CcmOwSkaBw

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2018

Titoli:

1) Il concetto del misticismo nei cani 2) Possession 3) L`arte della benevolenza 4) Oscillations 5) Schelettrico 6) Briquer le peroquet 7) Liberty 8) Acustica 9) L`anima della carta rossa 10) Un sassolino dentro la scarpa

Durata:

74:27

Con:

Maresuke Okamoto, Guy-Frank Pellerin, Eugenio Sanna

quando le cose cascano a fagiolo

x mario biserni (no ©)

Ops...!, come espressione di sorpresa.
Come quando il prestigiatore fa uscire una serie infinita di cose dal cilindro.
E OPS (Okamoto, Pellerin, Sanna) ha finito con l`essere anche il nome con il quale il trio si presenta sul palco.
C`è da essere davvero sorpresi dalla verve che i tre mettono in gioco. Queste registrazioni di studio saggiano in dieci brani tutte le loro possibilità espressive, e a tratti può venirne fuori sia un linguaggio vocale disarticolato alla Butthole Surfers, sia un urlio straziante alla Patty Waters e sia una cacofonia anarchica e selvaggia alla Albert Ayler, beninteso soffermandosi solo su alcuni aspetti dei nomi citati. Di base però il linguaggio del trio è molto più poetico e sobrio, seppur quasi sempre tendente a flash di dissonanza, e tale sobrietà emerge non solo dalla maggior parte del disco ma anche e soprattutto dai concerti (a tal proposito vi ho riportato i link per andare direttamente su alcuni video di you tube, uno dei quali è significativamente intitolato il suono del silenzio).
Per la cronaca Okamoto suona quello che mi pare essere un ibrido fra contrabbasso e violoncello, Pellerin si muove con disinvoltura fra sax soprano, sax baritono, sax tenore e un gong suonato con l`archetto, e Sanna manipola la chitarra oltre ad altri oggetti (lamiere di metallo, palloncini e stracci di cellophane rosso). Ne scaturisce un sound eterogeneo figlio di varie suggestioni, all`interno del quale i tre si muovono con circospezione, come cercando di passare inosservati attraverso i suoni senza lasciare traccia del loro intervento. In tal senso trovo decisiva la presenza, e l`influenza che tale presenza esercita sugli altri, del musicista giapponese che, effetto ultimo di una millenaria cultura, riesce a plasmare il tutto di una teatralità fatta di gesti quasi immobili.
Un gran disco, concludendo, ma avendone l`occasione credo che sia ancor più interessante assistere a un`esibizione del trio in carne ed ossa.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 12/3/2020
  Torna al Menù Principale
 Archivio dell'anno 2020 ...

`Amphibian Ardour´ // `Gleadalec´ // `Emerge´  

`22:22 Free Radiohead´  

`Livebatts!´  

`Doublethink´  

`OPS...!´  

`Dance Mystique´  

`Diciotto´ // `Em Portugal!´ // `A Pearl In Dirty Hands´  

`Sum And Subtraction´ // `2. Akt´ // `Utopia´  

`W´  

`Live At Kühlspot´  

`Metaphysics Of Entropy´  

`Chambery´  

`Flares´  

`Milano´ // `Sinking Into A Miracle´  

`Light From Another Light´  

`Drift´  

`Repeat Please!´  

`IMAfiction: Portrait # 01 - # 10´  

`Placid´  

`Music For Cat Movies´  

`Air Skin Digger´ // `Sidereal Deconposition Activity´  

`Octo´  

`fourtyfour fiftythree´  

`Songs from The Eternal Dump´  

`Antinodal´  

`The Night Of The 13th` Moon´  

`10, A Brokken Records Special Edition´  

`OAK´  

`Cosa potrebbe accadere´  

`Avrei Dovuto Odiarti´  

`Depth Sounding´ // `quando ero un bambino farò l`astronauta´  

`Soufifex´  

`La bottega del suono (Mario Bertoncini. Maestri e allievi.)´  

`Live At Nikodemus Church´  

`Tracing South´ // `Stereo´  

`Unknown Shores´  

`Schwingende Luftsäulen 2´  

`That Is Not So´  

`Hyperbeatz vol. 1´ // `俳句´ // `Different Constellation´  

`Due´  

`The Wroclaw Sessions´  

`Phase Duo´  

`Daily Drone Dream´  

`Combat Joy´  

`Echoes From The Planet´  

`Hipparchus´  

`Autocannibalism´  

`Songs On The Line´  

`Live At L`Horloge´  

`O`er The Land Of The Freaks´  

`Do. So´  

`Saillances´ // `MétamOrphée´  

`Live At Torrione Jazz Club´  

`Rise´  

`The Treasures Are´ // `Up And Out´ // `The Balderin Sali Variations´  

`Astonishment´  

`La Louve´  

`Suites And Seeds´ // `Extended — For Strings And Piano´ // `Zeit´  

`Dropping Stuff And Other Folk Songs´  

`Amore per tutti´