`Songs from The Eternal Dump´

Autore disco:

zero23

Etichetta:

Kaczynski Editions (I)

Link:

kaczynskieditions.weebly.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2018

Titoli:

1) Empty Little Space 2) False Step 3) Broken Souls 4) Dead Rats Blues 5) Far From Home 6) Crepusculo 7) Macchinari avariati 8) Rome

Durata:

27:34

Con:

Giuseppe Fantini, Niet F-n, Macarena Montesinos

fiducia pienamente rinnovata

x mario biserni (no ©)

In casa Kaczynski sembrano voler fare le cose sul serio, e dopo il primo blocco di pubblicazioni, alle quali abbiamo dato sufficiente risonanza attraverso una recensione e un`intervista, tornano in ballo con queste canzoni per un mare di spazzatura. Il gruppo di musicisti che fa capo all`etichetta continua ad agire come una company, com`era nelle idee di Derek Bailey, seppure l`agire in seduta permante faccia pensare più a una comune ... o meglio, visto il nome scelto, a una family. L`intrecciarsi fra i vari musicisti porta a un numero svariato di soluzioni, che si riflettono nei nomi scelti a rappresentarle. Così zero23 appare come un incrocio fra zeroGroove e 23RedAnts. Molte di tali soluzioni, compresa quella proposta con zero23, le avevamo assaporate nella compilation “Pulsioni oblique”, con la differenza che i pochi minuti riservati in quell`occasione vengono oggi corroborati dalla ben più sostanziosa pietanza costituita da questo CD che, seppur di breve durata, rasenta comunque la mezz`ora. Violoncello, chitarra e suoni bruts vanno a definire insiemi di limpida bellezza nei quali, per dirla con Neil Young, the sun hits the water and the mountains meet the sand. Opposti che si incontrano, si incrociano e interagiscono senza mai impigliarsi nella disarmonia. La cura e la bella presenza delle confezioni è un valore aggiunto e dimostra ulteriormente l`indole, visionaria e allo stesso tempo concreta, del collettivo tosco-iberico. Le macchie di colore su sfondo b/n, che mi hanno ricordato “The Tenement Year” dei Pere Ubu, sollecitano ancora la fantasia verso quel sistema di opposti che mi sembra essere una buona chiave di lettura per tutto l`insieme. In definitiva, fiducia pienamente rinnovata.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 13/8/2020
  Torna al Menù Principale
 Archivio dell'anno 2020 ...

`Amphibian Ardour´ // `Gleadalec´ // `Emerge´  

`22:22 Free Radiohead´  

`Livebatts!´  

`Doublethink´  

`OPS...!´  

`Dance Mystique´  

`Diciotto´ // `Em Portugal!´ // `A Pearl In Dirty Hands´  

`Sum And Subtraction´ // `2. Akt´ // `Utopia´  

`W´  

`Live At Kühlspot´  

`Metaphysics Of Entropy´  

`Chambery´  

`Flares´  

`Milano´ // `Sinking Into A Miracle´  

`Light From Another Light´  

`Drift´  

`Repeat Please!´  

`IMAfiction: Portrait # 01 - # 10´  

`Placid´  

`Music For Cat Movies´  

`Air Skin Digger´ // `Sidereal Deconposition Activity´  

`Octo´  

`fourtyfour fiftythree´  

`Songs from The Eternal Dump´  

`Antinodal´  

`The Night Of The 13th` Moon´  

`10, A Brokken Records Special Edition´  

`OAK´  

`Cosa potrebbe accadere´  

`Avrei Dovuto Odiarti´  

`Depth Sounding´ // `quando ero un bambino farò l`astronauta´  

`Soufifex´  

`La bottega del suono (Mario Bertoncini. Maestri e allievi.)´  

`Live At Nikodemus Church´  

`Tracing South´ // `Stereo´  

`Unknown Shores´  

`Schwingende Luftsäulen 2´  

`That Is Not So´  

`Hyperbeatz vol. 1´ // `俳句´ // `Different Constellation´  

`Due´  

`The Wroclaw Sessions´  

`Phase Duo´  

`Daily Drone Dream´  

`Combat Joy´  

`Echoes From The Planet´  

`Hipparchus´  

`Autocannibalism´  

`Songs On The Line´  

`Live At L`Horloge´  

`O`er The Land Of The Freaks´  

`Do. So´  

`Saillances´ // `MétamOrphée´  

`Live At Torrione Jazz Club´  

`Rise´  

`The Treasures Are´ // `Up And Out´ // `The Balderin Sali Variations´  

`Astonishment´  

`La Louve´  

`Suites And Seeds´ // `Extended — For Strings And Piano´ // `Zeit´  

`Dropping Stuff And Other Folk Songs´  

`Amore per tutti´