`Branded On My Skin´

Autore disco:

Navarro

Etichetta:

Lost Sound Records (I)

Link:

www.navarroband.com
www.myspace.com/navarroband

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2008

Titoli:

1 ) Everything Of You 2) Cold Night Love Affair 3) Faraway Dancers 4) Angel 5) All I Want Is Everything 6) Don't Walk Away 7) Blame It On Love 8) On The Elephant Back 9) Branded On My Skin

Durata:

36:40

Con:

Max Philip Navarro, John Paul Bellucci, Nick Mayer, Jack Novell, Simon Moore

Rock Melodico - Il Rock Marchiato Sulla Pelle

x Rudy Krupp

I Navarro ce l`hanno fatta, sono riusciti finalmente a dare un seguito all`ep d`esordio “Parallel Lines”, datato 2005.
Sicuramente si può iniziare affermando che non hanno cambiato di una virgola la loro impostazione musicale, quel classic rock genuino di Wish e Get Away.
Eppure la band impazza in Asia mentre stenta ad affermarsi in America e nel vecchio continente: cose che capitano nel music business, e comunque si potrebbe dire 'nemo propheta in patria'. Qualcosa del genere era già successa, se ricorderete, a Bryan Adams, mentore dei cinque italo-canadesi, che con i Navarro ha più di un punto in comune, come le radici heartland rock convertite presto in power pop melodico dal forte sferragliare elettrico delle chitarre.
E` così che suona "Branded On My Skin", brani melodici, a tratti dall`impostazione vagamente anni settanta, (Faraway Dancers) a tratti più energici (l`iniziale Everything Of You).
Non c`è spazio per auto compiacimenti, ma la chitarra solista di un John Paul Bellucci in ottima forma prendono spesso il volo, facendo filare il tutto via liscio e in modo sufficientemente piacevole per chi dal rock`n`roll non chiede poi molto. Ma in fondo il rock`n`roll non era poi questo, tre accordi e una canzone da cantare in coro?
C`è anche il romanticismo di Angel, ma ad essa preferiamo l`altra ballata Branded On My Skin, se non altro per il sound più fresco ed attuale, oppure brani dall`energia hard rock come On The Elephant Back e il singolo portante Cold Night Love Affair.
I Navarro, ribadisco, sono solo questo, quattro minuti circa di rock`n`roll, prendere o lasciare.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 4/1/2009

`Aterraterr´  

`Katacombe Vol. 3´  

`In Vivo´  

`Eight Pieces For The Buchla 100 Series´  

`Cabrioles cérébrale et accidents psychotiques´  

`2013 – 2021 dal diario di Luigi La Rocca, Cittadino´  

`A Secret Code´ // `Echolocation´  

`Avvolgistanti´  

`Elements´  

`Blues Pour Boris´  

`The Other Lies´  

`Kora´  

`Over The Ridge´  

`Nut´  

`Medusa Dreaming´  

`Melancholia´ // `Cure And Mound´  

`Justinian Intonations´  

`Transmitter´  

`Fernweh´  

`Totale!´  

`Post Jazz Chamber Music´  

`Pulsioni Oblique Vol. 2´ // `Hardboiled´  

`Cirrus´  

`Saca Los Cuernos al Sol´  

`Approximately Grids With A Plan´  

`Eris I Dysnomia´ // Ixtlahuaca´ // ‘Box Of Black´  

`Beats The Plague´  

`Parallelism´  

`Mother Afrika´  

`Non Dweller´ // `Erosion´  

`Music For A Different Room´  

`Thrīe Thrēo Drī ´  

`Reverse Drift / Reverse Charge´  

`An Established Color And Cunning´  

`Postcard From A Trauma´  

`Notturno´  

‘Nova esperanto (l’album perduto del 2006)´  

`Duo Sutera Novali´  

`Absum´  

`Convex Mirrors´  

`Township Nocturne´  

`Let It Fall´// `Does The Moon Not Dream´  

`Special Adaptations Volume 1´  

`Kranenburg Tree´  

`Nothing´  

`Subtle Matters´  

`WE3´  

`Solos And More At Studio 304´  

`Bureau´  

`Dawn Ceremony For Dreadful Days´  

`Der Verboten´  

`Two Sing Too Swing´ // `Two Creams Too Scream´  

`Monólogos a Dois´ // `Solo Acoustic Guitar Improvisations I´  

`Jar’a´  

`Altbüron´