`Distances´

Autore disco:

Obsil

Etichetta:

Disaster by Choice (I)

Link:

www.disastersbychoice.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2009

Titoli:

1) Brucia; Reciso Luccicante 2) V.Santo 3) Ritorno (Il Cielo In Mezzo) 4) Gomitoli 5) Just Some Important Places 6) Sub Ficinulae 7) Sui Tornanti; Prima Del Mare 8) Terra Rossa [rendering] Bruma Dalle Zolle 9) B.V. 1-6-08 Notte (Ombre Di Una Scordata Armonia) 10) Ancora Vento Fra Le Campane Di Davide 11) A Veglia 12) Details 13) 1+1=1

Durata:

45:01

Con:

Giulio Aldinucci

la serenità in suoni, tra contemporanea e glitch

x Matteo Uggeri

Ho fatto fatica ad entrare in sintonia con questo disco: ad un primo approccio ho storto il naso per la messe di suoni sintetici che alle mie orecchie appaiono forse poco moderni, o perfino scontati. Non ho capito il modo in cui le strutture scomposte delle tracce erano state organizzate, e le melodie rarefatte non mi hanno sedotto.
Ma ci ho riprovato, e provato di nuovo. E` stato durante un viaggio in auto in un giorno sereno che finalmente le complesse volute di “Distances” sono riuscite a conquistarmi, in modo da farmi comprendere come nè i suoni dei synth, nè la frammentazione, e neppure le melodie erano poco interessanti come mi erano parsi all`inizio. Ho spostato il fuoco della mia attenzione, ritrovando molteplici strati orizzontali e verticali all`interno dei quali si intrecciano strumenti acustici, ritmi giocosi e impreviste dissonanze.
A quel punto l`impressione è stata quella di trovarsi di fronte ad un`opera a cavallo tra la musica contemporanea ed una sorta di pop elettronico quasi new age, che con i suoi accenni glitch è in grado di elevarsi sopra i suddetti generi per venire a costituire un piccolo regno a sé, dignitoso e valido. Merito principale di tale disco, che pare abbia raccolto anche il favore del Piano Magic Glen Johnson, è quello di risultare estremamente sereno, ed al tempo stesso di facile ascolto, pur restando di fatto un`opera di musica sperimentale. Un equilibrio difficile e virtuoso, che Giulio Aldinucci ha saputo mettere in atto con grande maestria.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 28/5/2010

`Monólogos a Dois´ // `Solo Acoustic Guitar Improvisations I´  

`Jar’a´  

`Altbüron´  

`Microstorie´  

`Sleeping Beauty´  

`A Few Steps Beyond´  

`Thing Music´  

`Zacharya´  

`I.´ // `Lonely Hymns And Pillars Of Emptibess´  

`Spoken´  

`The Complete Yale Concert, 1966´  

`Aforismen Aforisme Aforismes´  

`Blonk, Mallozzi & Vandermark´  

`Different Roots´  

`Schwingende Luftsäulen 3´  

`Beats´ // `Phylum´  

`Derivatives’ // `Haerae´  

`Room For The Moon´ // `Гибкий график´  

`Electric Music´  

`Jin-Brebl-Concert´  

`Kavel´  

`Libertè Égalitè Fraternité´  

`La signora Marron´  

`Live´ // `An Evening In Houston´  

`Archytas Curve´  

`Oltre il cielo alberato´  

`Alimurgia´  

`La Chiamata´  

`Ritual For Expansion´  

`Sketches For Violin And Vinyl´  

`Isopleths´  

`Take The Long Way Home´  

`Strell´  

`Music For Organ´  

`Brittle Feebling´  

`Materia´ // `Triptych (Tautological)´  

`Uncle Faust´  

`Frankenstein´  

`Beyond The Tranceries´  

`Don`t Worry Be Happy´  

`Infected Burst´  

`Tracce XX´  

`Spime 2019´  

`The Hovering´  

`Canto Fermo´  

`Anasyrma´  

`Live´  

`Colmorto´  

`Vocabularies´  

`Blue Horizon´  

`Namatoulee´  

`Passato, presente, nessun futuro´  

`Liquid Identities´  

`Out For Stars´  

`Collera City´