`Kora´

Autore disco:

Giacomo Zanus

Etichetta:

Aut Records (D)

Link:

www.autrecords.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2021

Titoli:

1) Every Little Gift Has A Little Secret2) Somethig Lost, Something Gained 3) Let Kindness Lift Your Soul 4) Charmolypi / Mystikòs 5) Prayer 6) And Then We Looked Up At The Stars 7) The Dream Not Yet Dreamed 8) E tu, che cosa cerchi 9) Postludium

Durata:

55:52

Con:

Giacomo Zanus, Marco D’Orlando, Mattia Magatelli, Giorgio Pacorig

un disco esemplare

x mario biserni (no ©)

Un quartetto jazz con chitarra, tastiere, basso e batteria non può non ricordarmi, per quella che è la mia formazione di ascoltatore, il quartetto di Paul Bley e Pat Metheny. All’ascolto poi, almeno per quel che riguarda alcuni brani, le suggestioni si allargano verso Morricone, Dire Straits, le musiche cinesi per liuto e vai a capire cos’altro.
Non è una musica univoca quella di Zanus & Co, quanto a riferimenti possibili e plausibili, eppure lo è in quanto una volta impastata può essere solo la musica di Zanus & Co e null’altro.
È una musica distesa, essenzialmente rilassata, paesaggistica, psichedelica, pennellata in punta di dita e in punta di piedi, prettamente cameristica, che scorre fluida, senza intoppi, liscia come l’olio, tanto da non sembrare roba umana ma nettare divino.
In realtà, seppur raramente, a volte si aggroviglia come nella sezione centrale di Let Kindness Lift Your Soul o in E tu, che cosa cerchi, un’improvvisazione collettiva dedicata a René Daumal (tutto il resto porta la firma del solo Zanus).
Il disco termina in un Postludium solenne. Quasi un corale natalizio scandito dall'incedere dell'harmonium.
Zanus è indubbiamente il maestro di cerimonie, il suo tocco sulle corde è davvero magistrale, ma anche tutti gli altri fanno la loro parte con indubbia diligenza e, soprattutto, con partecipata passione. Molto azzeccati appaiono i piccoli accorgimenti elettronici (di Pacorig e dello stesso Zanus).
Assolutamente da citare sono anche Stefano Amerio, Alessandro “Asso” Stefana e Daniele Salodini che, in luoghi e tempi diversi, hanno provveduto alle registrazioni, al missaggio e alla masterizzazione del disco.
L’artwork, com’è ormai tradizione consolidata in casa Aut, è stato curato in modo semplice ed efficace da Sandro Crisafi.
“Kora” è un potenziale bestseller. Solo un mondo che ha ormai perso la cura della propria spiritualità, e non sto parlando di religione, può impedirgli di esserlo.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 27/6/2023

`Mycelium´ // `The Asocial Telepathic Ensemble´  

`Chance And Change´  

`Driven (Live At Roadburn 2022)´  

`Innesto´ // `Pragma´  

`Trónco´  

`Kinesis´ // `Kinesis, Vol. 2´  

`Live At Pariser Platz´  

`Praznina / Emptiness´  

`Transient´ // `HerbstReise´  

`Sound In Time´  

`Due Mutabili´ // `Cadenza del Crepuscolo´  

`Ornettiana´ // `Monk On Viola´  

`The Quietest Of Whispers´  

`Ochotona Calls´  

`Zanshou Glance At The Tide´  

`OSSI – Album Su LP´  

`Quadrivium´  

`An Artist’s Life Manifesto´  

`Terrestrial Journeys´  

`Uragano´  

`Live at De Roze Tanker´ // `Left Side Right´  

`Tetrapylon´  

`Orchid Music´ // `Green Album´  

`333´  

`From Solstice To Equinox´ // `Starlight And Still Air Reworked´ // `Out Of Standard!! – Italia 11´  

`All The Way Down´  

`Twofold´ // `Made Out Of Sound´ // `Decameron´  

`Conjugate Regions´  

`Wells´  

`Spiralis Aurea´  

`Black Holes Are Hard To Find´  

`Níjar´  

`Songs in Time of Plague´  

`Austin Meeting´  

`Arkinetics´  

`Shirwku´  

`Le Jardin Sonore´ // `TMR´  

`Folk! Volume 1´ // `Folk! Volume 2´  

`Ilta´  

`Sings´  

`Tempoo´  

`After The Storm (complete recordings)´  

`Virus´  

`Blue Horizon´  

`Hide Nothing´ // `BeforeThen´