`Live At Pariser Platz´

Autore disco:

AoA Impro Group

Etichetta:

Evil Rabbit Records (NL)

Link:

www.evilrabbitrecords.eu

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2023

Titoli:

1) Live At PP. Part I 2) Live At PP. Part II 3) Live At PP. Part III 4) Live At PP. Part IV

Durata:

37:30

Con:

Almut Kühne, Elena Kakaliagou, Antonio Borghini, Dag Magnus Narvesen, Floros Floridis

impro doc

x mario biserni (no ©)

Come avete sicuramente modo di osservare, anche senza il sollecito delle mie chiosature, il meglio della musica improvvisata proviene oggi da quelle formazioni di stampo internazionale, come questo AoA Impro Group che raccoglie i suoi cinque componenti attraversando l’Europa da sud a nord: Elena Kakaliagou (corno francese) e Floros Floridis (sax soprano e clarinetto basso) in Grecia, Antonio Borghini (contrabbasso) in Italia e Dag Magnus Narvesen (batteria) in Norvegia, passando attraverso l’immancabile Germania della cantante Almut Kühne. Quasi tutti musicisti dei quali è possibile trovare traccia nei nostri archivi. Proprio in Germania, nella berlinese Pariser Platz che si trova nei pressi della Porta di Bradenburgo, è stato registrato questo eccellente documento sonoro. Parlando di free jazz non ci sono grandi rischi di sbagliare, e ancor meno ce ne sono parlando di free music, con la prima parte, che occupa oltre la metà del disco, in cui si alternano gli slanci melodici delle ance e del corno, mentre la Kühne sta in bilico fra canto non verbale e sagomatura delle parole. Nella seconda parte subentra una maggior tensione, stemperata poi in una giungla di suoni onomatopeici e nel dialogare più discorsivo del rush finale.

Prossimamente: Kinesis” del Galan Trio; “Praznina / Emptiness” di Iztok Koren; “Driven – Live At Roadburn” del Martina Verhoeven Quintet; “Chance And Change” del Blue Lines Trio; “Innesto” & “Pragma” del Rumore Austero; “Kissós” di Nicolò Francesco Faraglia; “Project Encore – Vol. 1” di Timothy McAllister & Liz Ames; “Thirtynine Fiftyfive” di C/W/N; “Recoil” di Henkel Carlson Hall; “Remember” di Jeremy Beck; “The Hills Shout” di Jacques Demierre; “Woven Territories” di Bryan Day & Dereck Higgins; “Pandemia” di Collin J Rae / Red Gnein Sextet; “Active Observation” dei Genera; “Flashpoint” di Linda Dusman; “Materical” dei Materical; “Ordo” di Philip Blackburn …


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 5/6/2024

`Mycelium´ // `The Asocial Telepathic Ensemble´  

`Chance And Change´  

`Driven (Live At Roadburn 2022)´  

`Trónco´  

`Kinesis´ // `Kinesis, Vol. 2´  

`Live At Pariser Platz´  

`Praznina / Emptiness´  

`Transient´ // `HerbstReise´  

`Sound In Time´  

`Due Mutabili´ // `Cadenza del Crepuscolo´  

`Ornettiana´ // `Monk On Viola´  

`The Quietest Of Whispers´  

`Ochotona Calls´  

`Zanshou Glance At The Tide´  

`OSSI – Album Su LP´  

`Quadrivium´  

`An Artist’s Life Manifesto´  

`Terrestrial Journeys´  

`Uragano´  

`Live at De Roze Tanker´ // `Left Side Right´  

`Tetrapylon´  

`Orchid Music´ // `Green Album´  

`333´  

`From Solstice To Equinox´ // `Starlight And Still Air Reworked´ // `Out Of Standard!! – Italia 11´  

`All The Way Down´  

`Twofold´ // `Made Out Of Sound´ // `Decameron´  

`Conjugate Regions´  

`Wells´  

`Spiralis Aurea´  

`Black Holes Are Hard To Find´  

`Níjar´  

`Songs in Time of Plague´  

`Austin Meeting´  

`Arkinetics´  

`Shirwku´  

`Le Jardin Sonore´ // `TMR´  

`Folk! Volume 1´ // `Folk! Volume 2´  

`Ilta´  

`Sings´  

`Tempoo´  

`After The Storm (complete recordings)´  

`Virus´  

`Blue Horizon´  

`Hide Nothing´ // `BeforeThen´  

`Signals´