`Short Walk with Olaf´

Autore disco:

Kaboom Karavan

Etichetta:

Umor Rex (MEX)

Link:

www.umor-rex.com
www.myspace.com/kaboomkaravan

Formato:

mp3

Anno di Pubblicazione:

2007

Titoli:

1) Romans 2) Karavanserai 3) Toambertree 4) Short walk with Olaf 5) No more Karavan 6) Roadmap 7) Laws, Fools & Anagrams 8) Resolut

Durata:

44:13

Con:

Bram Bosteels and the sometimes many others

Un ennesiomo capolavoro nascosto

x Matteo Uggeri

MySpace certo è una porcheria e sotto molti aspetti è oltremodo avvilente.
Conoscere persone decenti tramite esso non è certo facile e, inutile dirlo, molti degli artisti che ci caricano la propria musica non sono Miles Davis.
A volte, però, capita che si facciano buoni incontri umani e musicali, che altrimenti sfuggirebbero completamente all`attenzione ed alla conoscenza.
E` quanto accadutomi con questi Kaboon Karavan, che hanno bussato alla mia porta, spesso ignorata, di MySpace. Incantato dal sample di un brano, la deliziosa Karavanserai, mi sono incuriosito e domandato da quale etichetta fossero licenziati: sorpresa, la label ha un sito davvero ben fatto, è messicana e pubblica solo mp3.
A breve leggerete su queste pagine altre recensioni di dischi di tale Umor Rex (`Rex is for recordings`, recita il sottotitolo), mentre qui ci concentreremo su “Short Walk with Olaf”, a quanto ne so opera prima di questo ensemle belga che, capitanato da tal Bram Boostels, suona chitarre, percussioni e inidentificati altri oggetti. Con essi costruisce brani complessi e dalla durata variabile, a costruire un disco che attraversa momenti di rilassata progressione tra l`ordine ed il disordine (quasi a ricordare i gradiosi Tortoise) e - in verità rare - esplosioni ritmiche, come nella incredibile Toambertree, la cui coda pare un incrocio tra il violento d&b dei PCM ed una struggente melodia folk. In verità , di folk e di radici acustiche la musica ne presenta parecchie, ad esempio nella claudicante titletrack, dove ad una melodia costante e vagamente tesa (potrebbe essere degli Smog) si sovrappongono sovraincisioni d`altre chitarre trattate, elettriche, microsuoni, e qualcosa che non posso che definire come `altro`. Le dissonanze rendono la musica più particolare, ma non superano mai la soglia che renderebbe il tutto di difficile ascolto, dove invece il disco appunto scorre piuttosto leggero e godibile.
“Short Walk with Olaf” è davvero straordinario, impensabile vederlo pubblicato `solo` come mp3 e destinato forse solo ad un pubblico ristretto, quando lo si vedrebbe bene ad esempio su Constellation.
Come non bastasse, pure packaging e grafica sono fuori dall`ordinario, tanto che nello zip per scaricare il disco sono contenute le complesse istruzioni per stampare (su A3, ditemi voi chi ha la possibilità di farlo!) e assemblare una sorta di digifile per conservare l`eventuale CD.
Insomma, non è una cosa che faccio di frequente, ma vi dico: correte a scaricare questo disco.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 22/8/2007

`Beats´ // `Phylum´  

`Schwingende Luftsäulen 3´  

`Room For The Moon´ // `Гибкий график´  

`Electric Music´  

`Jin-Brebl-Concert´  

`Kavel´  

`Libertè Égalitè Fraternité´  

`La signora Marron´  

`Live´ // `An Evening In Houston´  

`Archytas Curve´  

`Oltre il cielo alberato´  

`Alimurgia´  

`La Chiamata´  

`Ritual For Expansion´  

`Sketches For Violin And Vinyl´  

`Isopleths´  

`Take The Long Way Home´  

`Strell´  

`Music For Organ´  

`Brittle Feebling´  

`Materia´ // `Triptych (Tautological)´  

`Uncle Faust´  

`Frankenstein´  

`Beyond The Tranceries´  

`Don`t Worry Be Happy´  

`Infected Burst´  

`Tracce XX´  

`Spime 2019´  

`The Hovering´  

`Canto Fermo´  

`Anasyrma´  

`Live´  

`Colmorto´  

`Vocabularies´  

`Blue Horizon´  

`Namatoulee´  

`Passato, presente, nessun futuro´  

`Liquid Identities´  

`Out For Stars´  

`Collera City´  

`Harraga´  

`Rumpus Room´  

`CEPI Meets HIC´  

`Prèludes´  

`The Last Five Minute´  

`Left Hand Theory (Live At Il Torrione)´  

`Collectable Items´  

`Duos & Trios´  

`Sleepless Nights / Lysergic Mornings´ // `Impressioni organizzate di ansie liquide´  

`L`inizio della neve´  

`Another Year Is Over, Let`s Wait For Springtime´  

`Memory Loss´  

`Other Colors´  

`Ebbs And Flow´ // `Staggered Twisted Angled´  

`Live In Pisa´