Czech tour    di Mattia Coletti





02.02.2007 Ústí n. Labem @ Experimentální prostor Mumie
03.02.2007 Jihlava @ Falešná Morálka
04.02.2007 Wien @ Einbaumobel
05.02.2007 Brno @ Stará pekárna
06.02.2007 Frýdek- Místek (Ostrava) @ Pod svícnem
08.02.2007 Praha @ radio cz
08.02.2007 Praha @ record shop
08.02.2007 Praha @ Popocafépetl
09.02.2007 Sušice (Plzeň) @ Tradiční kloub
10.02.2007 Tábor @ Café 007
11.02.2007 České Budějovice @ Velbloud


Come un piccolo diario di bordo... mi piace scrivere di questo che è stato un tour molto particolare, perchè fatto in terre a me quasi sconosciute.
Terre così aride e a l tempo stesso piene di passioni, di arti... di cultura...
Nella mia testa l'est europeo è sempre stato affiancato ad un'immaginario di grande talento, forza ed eleganza.....
Tutto il mio tour è stato affiancato da Selfbrush, cantautore ceco che promuoveva il suo ultimo disco "Three Names", ed è stato possibile grazie all'aiuto di Dan della Minority Records di Praga.
Selfbrush girava assieme a Bethany, violinista di origine koreana ma di residenza americana, che ha anche dei progetti solisti elettroacustici.
L’accoppiata si è rivelata vincente: il suo un live molto classico e intimista e il mio più ‘deviato’ e ‘informale’.
Le date erano quasi sempre in piccoli paesi, aridi e desolati, dove fai davvero difficoltà a pensare che ci possa vivere gente e sopratutto che possa arrivare una cultura musicale di ricerca.
E invece sono stato incredibilmente ben accolto, sorpreso e sedotto da un pubblico caldissimo, attento, colto e per nulla isolato come invece lo sono le loro case...
Praga fa chiaramente eccezione, essendo molto ‘giovane’... lì ho trovato una grande affinità con quelle che sono le nostre realtà, sia come club sia come movimenti attorno a produzioni musicali ed artistiche.
Invece che fare un elenco delle date, una per una, mi va di soffermarmi su alcuni momenti del tour, i più significativi.
L'arrivo e, dopo due ore, la prima data !! A Vienna, persi per ore per cercare il locale!... a Frydek Mystek, dove uno del pubblico grida alla fine di un mio pezzo: «bellisssimo!!», a Ceske Budejovice dove io, Selfbrush e Bethany improvvisiamo per venti minuti... a Praga, dove ritrovo il caro Xabier, già lì a montare le sue cose sul palco quando entro nel locale…
È stato un po' un tour mistico per me, sempre a contatto con una lingua tanto sconosciuta quanto impossibile da capire...
Nota dolente per il cibo, a tratti veramente difficile (in questo non può certo competere con il Giappone *-*), ma la birra è buonissima e non costa nulla!!!
Con Selbrush è stato un conoscersi giorno dopo giorno, e giorno dopo giorno si è instaurato un ottimo rapporto umano e un buon feeling, tanto che nelle ultime date io suonavo in alcuni suoi pezzi e lui nei miei.
Tra i ricordi migliori c’è sicuramente la data a Tabor, paese piccolino dove ho trovato un'accoglienza splendida e persone speciali e la giornata di Praga con le sue tre date in un giorno, dove l'ultima mi ha visto affiancato da Xabier Iriondo... (venuto fin lì per quell’unico concerto e di ritorno a Milano il giorno dopo!!!)
Un breve resoconto di questo tour e, per chi lo leggerà, una finestra aperta su quelli che sono secondo me sonio luoghi in piena evoluzione e crescita, tanto che in un futuro non troppo distante potrebbero diventare mete mirate per scambi culturali, ecc.
A fine Settembre farò un tour con Selfbrush in Italia... uno scambio per l'appunto...

link utili:
www.minorityrecords.com
www.selfbrush.com
www.beseppy.com


ANGOLI MUSICALI 2016  

Manuele Cecconello (intervista)  

le ricette creative della centenaria nonna rosa  

marco becker (intervista)  

i bassotti  

Czech tour  

Terminal (con intervista a Luca Pakarov)  

Angelo Petrella  

The Didgeridoo Discovery  

Polvere - Memorie del tour giapponese  

Elegia del Super 8  

Scatti in Movimento  

tepuy – el mundo perdido  

L'albero che Canta (recensione)  

Ecologia della musica - Saggi sul paesaggio sonoro ( recensione)