`Wet Cats´

Autore disco:

Gianni Lenoci & Francesco Cusa

Etichetta:

Amirani Records (I)

Link:

www.amiranirecords.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2017

Titoli:

1) Wet Cats

Durata:

51:36

Con:

Gianni Lenoci, Francesco Cusa

improvvisatori volontari

x romano pirodi (no ©)

Dall’incontro di due maestri dell’improvvisazione è lecito attendersi grandi cose. Se poi a documentare tale incontro è un marchio attento come Amirani Records le aspettative salgono ulteriormente di qualche punto e, mi preme dirlo subito, non vanno neppure deluse. Eppure il terreno è scivoloso, dal momento che la formula a due pianoforte-batteria è già stata esplorata da un considerevole numero di grandi talenti (Cecil Taylor, Ulrich Gumpert, Max Roach, Günter Sommer, Irene Schweizer, Han Bennink, Louis Moholo, Keith Tippet, Tony Oxley, Paul Lovens, Misha Mengelberg, Alexander von Schlippeenbach, Sunny Murray, Don Pullen ...). Nonostante ciò Lenoci e Cusa riescono ad essere, se non innovativi, sempre freschi e interessanti. In quasi una ora di concerto i due operano una rilettura di quello che è stato il jazz free e post free, passando da momenti di energico foehn ritmico ad altri di cupido lirismo e da momenti di grande intensità ad altri di delicata rarefazione, per terminare con Lenoci che soffiando in un piffero ci ricorda il Don Cherry delle escursioni quartomondiste. “Wet Cats” è un disco brioso e frizzante che porterà senz’altro nuova acqua al mulino della Amirani Records.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 19/6/2018
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2018 ...

`Alveare´ // `Cinza´  

`A Common Day Was Born´  

`Electroacoustic Works´  

`H´  

`Thalidomusic For Young Babies´  

`Rurale´ // `Fassbinder Wunderkammer´  

`Harpoon´  

`Il polmone d’acciaio´  

`Vento di maestrale´  

`SoFaKing´  

`Il grande freddo´  

`Sampler And Zither´  

`Native Aliens Ensemble´  

`Beautiful Mistakes´  

`Plays Borromean Rings´ // `And Who Sees The Mystery´ // `Nabelóse´  

`Emotional Cabaret´  

`Senza titolo´  

`Ninnenanne´  

`New York – St. Johann´ // `Aural Vertigo´  

`Lucca And Bologna Concerts´  

`Fòrte e Gendìle´  

`tl;dl´  

`Don’t Push The Piano Around´  

`Talea´  

`Rûwâhîne´  

`In The Apartment House´  

`Brdo´  

`Oxyoquet - El Volcán Silencioso (Piezas En Cadencia I-XII)´ // `Kio Ge´ // `Ore´  

`Live At Club Der Polnischen Versager, Berlin 2016´ // `Hyvinkää´  

`L’eccitante attesa´  

`Tra me e il mare´  

`First Metheoretical Bulletin´  

`Nuevo Mundo´  

`One (For [Your Name] Only)´ // `Double Sun´  

`Nafta´  

`Qualcosa mi sfugge´  

`Schwingende Luftsäulen´  

`One Single Sound´ // `Open To The Sea´ // `Grandpa´  

`Peakock Eyes´  

`Cordonbleux At Nof´  

`武士´  

`Piramidi´  

`Wet Cats´  

`Manifesto della chimica romantica´  

`Hawkward´  

`AMAS´  

`L’oreficeria´  

`La rete di Indra´  

`Classified´  

`Homo Ebetis´  

`Fear in the corner - prova aperta´  

`Flow´  

`Innlaandds´  

`Piccola Orchestra Artigianale degli Improvvisatori di Valdapozzo´  

`Francesco Serra´  

`Cascata´ // `Plancton´  

`Kintsugi´  

`Tell No Lies´  

`Lighthouse´  

`Cronache carsiche´  

`Magic Pandemonio´  

`Succi con ghiaccio´  

`Si rompe il silenzio nel giardino delle mandragole´  

`Hide & Squeak´  

`Neve´  

`Omaggio a Marino Zuccheri´  

`Gamelan – Coming & Going´  

`Le nuvole si spostano comunque´  

`Departure´ // `Air Current´