`Cascata´ // `Plancton´

Autore disco:

Alessandro Fiori

Etichetta:

ViceVersa Records (I) // Woodworm (I)

Link:

www.viceversarecords.com
www.woodworm-music.com/

Formato:

LP // LP, CD

Anno di Pubblicazione:

2013 // 2016

Titoli:

1) Volevo solo fare il caffè 2) Dei nei la mappa precisa 3) Un misterioso caso 4) Big Fish 5) Senza sporcare 6) Figurazione speciale 7) Un occhio chiuso 8) Il suono del cratere centrale 9) Cascata // 1) Aaron 2) Plancton 3) Piazzale Michelangelo 4) Margine 5) Ho paura 6) Ivo e Maria 7) Mangia! 8) Galluzzo 9) Madonna con bambino rubato 10) Sereno

Durata:

32:37 // 44:50

Con:

Alessandro Fiori, Cesare Basile, Anna Balestrieri, Marcello Caudullo, Ciccio Cantone, Sonia Brex, Stefania Licciardello // Alessandro Fiori, Frank Brait, Giulio Escalona, Aaron Swartz, Lorenzo Corti, Pinuccio Sciola, Andrea Belfi, Silvia Facchetti

un musicista in perpetuo movimento

x mario biserni (no ©)

Alessandro Fiori può sembrare un disattento, un distratto sul quale gli affari del mondo scivolano come pioggia nella vasellina.
In realtà è un fotografo del particolare, si concentra talmente sul fiammifero che sembra ignorare l’incendio. A chi ascolta il compito di ricostruire quanto gravita intorno, sopra e sotto a questo plancton così ricco di sfumature.
“Cascata” è un disco minimale, sia per quanto concerne una certa ripetitività delle strutture sia per la povertà delle stesse (quattro canzoni sono suonate dal solo autore, che comunque si diletta con chitarra, violino, synth, string machine, harmonium, batteria, basso e percussioni varie). Fa un po’ eccezione il lungo brano che chiude il primo lato, Big Fish, dove a un testo dai caratteri surreali corrisponde una struttura essenzialmente psichedelica.
“Plancton” è un lavoro dall’impostazione più collettiva, tanto che vi compaiono anche nomi che hanno condiviso con Fiori situazioni di gruppo (Andrea Belfi nei Craxi e Silvia Facchetti negli Stres). C’è qui innanzi tutto un brano come Aaron, con la voce registrata di Aaron Swartz in prima battuta, che pone immediatamente una toppa nitida rispetto alla presunta disattenzione di Fiori. Rispetto a “Cascata” le musiche vertono poi in direzione di una psichedelia oscura, malata e visionaria, complici anche le lunghe parti strumentali (due dei dieci brani non sono cantati).
“Cascata” e “Plancton” mostrano come l’ex Mariposa sia un musicista in continuo movimento ed evoluzione, interessato sia a sperimentare sui suoni sia a presentare le sue canzoni sotto forme continuamente nuove, personali e inedite.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 10/10/2018
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2018 ...

`Alveare´ // `Cinza´  

`A Common Day Was Born´  

`Electroacoustic Works´  

`H´  

`Thalidomusic For Young Babies´  

`Rurale´ // `Fassbinder Wunderkammer´  

`Harpoon´  

`Il polmone d’acciaio´  

`Vento di maestrale´  

`SoFaKing´  

`Il grande freddo´  

`Sampler And Zither´  

`Native Aliens Ensemble´  

`Beautiful Mistakes´  

`Plays Borromean Rings´ // `And Who Sees The Mystery´ // `Nabelóse´  

`Emotional Cabaret´  

`Senza titolo´  

`Ninnenanne´  

`New York – St. Johann´ // `Aural Vertigo´  

`Lucca And Bologna Concerts´  

`Fòrte e Gendìle´  

`tl;dl´  

`Don’t Push The Piano Around´  

`Talea´  

`Rûwâhîne´  

`In The Apartment House´  

`Brdo´  

`Oxyoquet - El Volcán Silencioso (Piezas En Cadencia I-XII)´ // `Kio Ge´ // `Ore´  

`Live At Club Der Polnischen Versager, Berlin 2016´ // `Hyvinkää´  

`L’eccitante attesa´  

`Tra me e il mare´  

`First Metheoretical Bulletin´  

`Nuevo Mundo´  

`One (For [Your Name] Only)´ // `Double Sun´  

`Nafta´  

`Qualcosa mi sfugge´  

`Schwingende Luftsäulen´  

`One Single Sound´ // `Open To The Sea´ // `Grandpa´  

`Peakock Eyes´  

`Cordonbleux At Nof´  

`武士´  

`Piramidi´  

`Wet Cats´  

`Manifesto della chimica romantica´  

`Hawkward´  

`AMAS´  

`L’oreficeria´  

`La rete di Indra´  

`Classified´  

`Homo Ebetis´  

`Fear in the corner - prova aperta´  

`Flow´  

`Innlaandds´  

`Piccola Orchestra Artigianale degli Improvvisatori di Valdapozzo´  

`Francesco Serra´  

`Cascata´ // `Plancton´  

`Kintsugi´  

`Tell No Lies´  

`Lighthouse´  

`Cronache carsiche´  

`Magic Pandemonio´  

`Succi con ghiaccio´  

`Si rompe il silenzio nel giardino delle mandragole´  

`Hide & Squeak´  

`Neve´  

`Omaggio a Marino Zuccheri´  

`Gamelan – Coming & Going´  

`Le nuvole si spostano comunque´  

`Departure´ // `Air Current´