`Flow´

Autore disco:

Perfect Cluster

Etichetta:

autoproduzione (I)

Link:

www.perfectcluster.com

Email:

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2017

Titoli:

1) Get It Loud 2) Fader 3) Speed 4) Slide Out 5) Mind Control 6) Slightly 7) Flow 8) Maggiolino 9) Subway 10) Magic Paper 11) After The Suicide

Durata:

53:31

Con:

Riccardo Chiarucci, Luca Cecchi, Ian Da Preda, Irene Pareti

musica per orfani

x andrea bertelli (no ©)

I toscani Perfet Cluster si sono formati nel 2009 e con “Flow” raggiungono la quota due, a seguire di ben 5 anni l’esordio “Noise Pleasure”. Organicamente si tratta di un trio piuttosto composito, addizionato nell’occasione da Irene Pareti ai cori, che vanta numerose influenze (dal jazz al grunge al rock progressive). La vera passione dei tre è comunque rappresentata dall’elettronica, a partire dai padri tedeschi per terminare con profeti cyberpunk quali i Nine Inch Nails, non senza avere attraversato in lungo e in largo tutto il techno pop. La loro è una cyber-techno-wave, con tendenze industrial, molto melodiosa e dai sapori piuttosto rètro, che va a collocarsi ai confini fra la sperimentazione rock e la musica da discoteca. Nulla di abbacinante, ma in giro c’è di molto peggio.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 6/8/2018
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2018 ...

`Alveare´ // `Cinza´  

`A Common Day Was Born´  

`Electroacoustic Works´  

`H´  

`Thalidomusic For Young Babies´  

`Rurale´ // `Fassbinder Wunderkammer´  

`Harpoon´  

`Il polmone d’acciaio´  

`Vento di maestrale´  

`SoFaKing´  

`Il grande freddo´  

`Sampler And Zither´  

`Native Aliens Ensemble´  

`Beautiful Mistakes´  

`Plays Borromean Rings´ // `And Who Sees The Mystery´ // `Nabelóse´  

`Emotional Cabaret´  

`Senza titolo´  

`Ninnenanne´  

`New York – St. Johann´ // `Aural Vertigo´  

`Lucca And Bologna Concerts´  

`Fòrte e Gendìle´  

`tl;dl´  

`Don’t Push The Piano Around´  

`Talea´  

`Rûwâhîne´  

`In The Apartment House´  

`Brdo´  

`Oxyoquet - El Volcán Silencioso (Piezas En Cadencia I-XII)´ // `Kio Ge´ // `Ore´  

`Live At Club Der Polnischen Versager, Berlin 2016´ // `Hyvinkää´  

`L’eccitante attesa´  

`Tra me e il mare´  

`First Metheoretical Bulletin´  

`Nuevo Mundo´  

`One (For [Your Name] Only)´ // `Double Sun´  

`Nafta´  

`Qualcosa mi sfugge´  

`Schwingende Luftsäulen´  

`One Single Sound´ // `Open To The Sea´ // `Grandpa´  

`Peakock Eyes´  

`Cordonbleux At Nof´  

`武士´  

`Piramidi´  

`Wet Cats´  

`Manifesto della chimica romantica´  

`Hawkward´  

`AMAS´  

`L’oreficeria´  

`La rete di Indra´  

`Classified´  

`Homo Ebetis´  

`Fear in the corner - prova aperta´  

`Flow´  

`Innlaandds´  

`Piccola Orchestra Artigianale degli Improvvisatori di Valdapozzo´  

`Francesco Serra´  

`Cascata´ // `Plancton´  

`Kintsugi´  

`Tell No Lies´  

`Lighthouse´  

`Cronache carsiche´  

`Magic Pandemonio´  

`Succi con ghiaccio´  

`Si rompe il silenzio nel giardino delle mandragole´  

`Hide & Squeak´  

`Neve´  

`Omaggio a Marino Zuccheri´  

`Gamelan – Coming & Going´  

`Le nuvole si spostano comunque´  

`Departure´ // `Air Current´