`Si rompe il silenzio nel giardino delle mandragole´

Autore disco:

Lilith Le Morte

Etichetta:

Toten Schwan Records (I), Swiss Dark Nights Label (CH)

Link:

totenschwan.bandcamp.com
swissdarknights.bandcamp.com
lenevralgiecostanti.weebly.com

Formato:

CD, LP

Anno di Pubblicazione:

2017

Titoli:

1) Onironauti 2) Sangue 3) Subsuttore 4) Grunge Ballad 5) A Galla 6) Aut Aut 7) Alberi Arsi 8) Preludio

Durata:

36:52

Con:

Annalisa Liuzzi, Alice Cusi, Matteo Rosestolato, Gianna Greco

cosa avviene dopo il post-punk?

x mario biserni (no ©)

Il titolo del disco e quello dei brani, i testi, il nome del gruppo e il dato di fatto che si tratta di un duo femminile, le immagini della confezione (curate da Nevre), tutto indirizza verso qualcosa di streghesco e luciferino. Quello percorso da Annalisa e Alice sembra un percorso a ritroso dal sogno di Onironauti, noise chitarristico pur nell’assenza di sei corde, all'ipotetica ouverture di Preludio, puro dark-ambient-industrial. Un percorso segnato da voci urlanti, a ricordarci il dialetto sexpistolesco, o salmodianti, nella revisione poi praticata dalla pubblica immagine (o dei CCCP, dal momento che siamo o comunque crediamo di essere in Italia). Il tutto con l’accompagnamento di chitarra basso, tastiere/synth e batteria elettronica, tranne quando Gianna Greco e Matteo Rosestolato si aggiungono con un secondo basso o con una batteria reale. Ma c’è molto altro fra le righe, perfino una Grunge Ballad e atmosfere di derivazione cyber-industrial, e il duo dimostra una forte maturità, peraltro confermata dai report concertistici. In conclusione consiglierei il disco senza riserve agli appassionati dei generi citati, ma pure agli interessati delle nuove arti al femminile e al popolo di quei curiosi che sono perennemente in fuga dalle panie della consuetudine.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 13/12/2018
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2018 ...

`Alveare´ // `Cinza´  

`A Common Day Was Born´  

`Electroacoustic Works´  

`H´  

`Thalidomusic For Young Babies´  

`Rurale´ // `Fassbinder Wunderkammer´  

`Harpoon´  

`Il polmone d’acciaio´  

`Vento di maestrale´  

`SoFaKing´  

`Il grande freddo´  

`Sampler And Zither´  

`Native Aliens Ensemble´  

`Beautiful Mistakes´  

`Plays Borromean Rings´ // `And Who Sees The Mystery´ // `Nabelóse´  

`Emotional Cabaret´  

`Senza titolo´  

`Ninnenanne´  

`New York – St. Johann´ // `Aural Vertigo´  

`Lucca And Bologna Concerts´  

`Fòrte e Gendìle´  

`tl;dl´  

`Don’t Push The Piano Around´  

`Talea´  

`Rûwâhîne´  

`In The Apartment House´  

`Brdo´  

`Oxyoquet - El Volcán Silencioso (Piezas En Cadencia I-XII)´ // `Kio Ge´ // `Ore´  

`Live At Club Der Polnischen Versager, Berlin 2016´ // `Hyvinkää´  

`L’eccitante attesa´  

`Tra me e il mare´  

`First Metheoretical Bulletin´  

`Nuevo Mundo´  

`One (For [Your Name] Only)´ // `Double Sun´  

`Nafta´  

`Qualcosa mi sfugge´  

`Schwingende Luftsäulen´  

`One Single Sound´ // `Open To The Sea´ // `Grandpa´  

`Peakock Eyes´  

`Cordonbleux At Nof´  

`武士´  

`Piramidi´  

`Wet Cats´  

`Manifesto della chimica romantica´  

`Hawkward´  

`AMAS´  

`L’oreficeria´  

`La rete di Indra´  

`Classified´  

`Homo Ebetis´  

`Fear in the corner - prova aperta´  

`Flow´  

`Innlaandds´  

`Piccola Orchestra Artigianale degli Improvvisatori di Valdapozzo´  

`Francesco Serra´  

`Cascata´ // `Plancton´  

`Kintsugi´  

`Tell No Lies´  

`Lighthouse´  

`Cronache carsiche´  

`Magic Pandemonio´  

`Succi con ghiaccio´  

`Si rompe il silenzio nel giardino delle mandragole´  

`Hide & Squeak´  

`Neve´  

`Omaggio a Marino Zuccheri´  

`Gamelan – Coming & Going´  

`Le nuvole si spostano comunque´  

`Departure´ // `Air Current´