`Maledetta Dopamina´

Autore disco:

Maledetta Dopamina

Etichetta:

I Dischi Del Minollo, Moquette Records, Koe Records, Dischi Bervisti (I)

Link:

www.minollorecords.com
www.dischibervisti.com
koerecords.wordpress.com

Formato:

CD, DL

Anno di Pubblicazione:

2016

Titoli:

1) Brotos 2) Toro Sedato 3) Messa a Terra 4) Preludio 5) Fuga 6) Putamen 7) Acta Est Fabula 8) Titoli di Coda

Durata:

34:30

Con:

Luca Novati, Lorenzo Novati, Luca Scattaretica, Mauro Giletto, Nicola Manzan

post everything

x gienica carta (no ©)

Un basso e una batteria sono da sempre considerati, nel jazz come nel rock, una sezione ritmica, cioè una coppia di strumenti deputata all’accompagnamento dei vari strumenti solisti. Più o meno da sempre questa sezione s’è però ricavata degli spazi propri, soprattutto durante le esibizioni in pubblico, attraverso break più o meno dilatati. Chi ha però dato alla sezione ritmica la dignità di progetto indipendente attorno a cui far ruotare, eventualmente, altri protagonisti sono i giapponesi Ruins guidati da Tatsuya Yoshida.
La musica prodotta con questa formula strumentale, chiaramente, è essenzialmente ritmo. Potremmo furbescamente definirla come una drum and bass che, a differenza della sua omonima elettronica, viene suonata su strumenti tradizionali. Talvolta, come è successo agli stessi Ruins, la formula viene ampliata da un terzo o più strumenti, che possono essere un secondo basso o altro, destinati comunque a rafforzativo della struttura di base.
Cosa c’entra tutto questo, direte voi, con i Maledetta Dopamina?
C’entra eccome, perché i Maledetta Dopamina sono un trio nel quale la classica formula drum and bass viene ampliata dalla presenza di una seconda batteria. Originali e, per quanto ne so, unici. I riferimenti possono andare dal neo-progressive più geometrico al noise, dal free core alle musiche bandistiche e circensi, con qualcosa di grottesco che fa pensare al cinema di Fellini. Gli archi di Nicola Manzan in Toro Sedato e il synth di Mauro Giletto in Preludio giocano un ulteriore ruolo rafforzativo.
I Ruins, naturalmente, stanno sempre in cielo a far le veci della stella polare.
Davvero ottimi.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 12/11/2017

`Tajaliyat´  

`Selected Works For Piano And/Or Sound-Producing Media´  

`Triad´ // `Mokita´  

`Syria´  

`Humyth´  

`La spensieratezza´  

`Come tutti gli altri dei´  

`The Cold Plan´  

`Jukebox all’idroscalo´  

`Beautifully Astray´  

`Pulsioni oblique´ // `For Anita´ // `Musica per camaleonti´  

`Leaking Words´  

`NorN´  

`Giraffe´  

`Temps En Terre´  

`A Season´ // `(S)àcrata´ // `Nei resti del fuoco´  

`Live At Konfrontationen Nickelsdorf 2012´  

`The Spring Of My Life´  

`Noises From Melancholia´  

`Meccanismi e desideri semplici´  

`Edges´  

`Una piccola tregua (Live)´  

`Settembre´  

`Amphibian Ardour´ // `Gleadalec´ // `Emerge´  

`Plastic Fantastic´  

`Z/Rzw-Shiiiiiii´  

`Vegir´  

`Quadrature´  

`Lo stretto necessario´  

`Food Foragers´  

`AB+´  

`Disappearing´  

`Porteremo gli stessi panni´  

`Words Delicate Flight´  

`The Irresistible New Cult Of Selenium´  

`Floatin’ Pieces´  

`Girovago´  

`Un tempo, appena´  

`Inscapes´  

`Ortiche´  

`Maledette rockstar´  

`Exuvia´  

`Le nuvole si spostano comunque´  

`Magic Pandemonio´  

`Omaggio a Marino Zuccheri´  

`Gamelan – Coming & Going´  

`Succi con ghiaccio´  

`Si rompe il silenzio nel giardino delle mandragole´  

`Hide & Squeak´  

`Neve´  

`Kintsugi´  

`Tell No Lies´  

`Cronache carsiche´  

`Piccola Orchestra Artigianale degli Improvvisatori di Valdapozzo´