`Arkinetics´

Autore disco:

Dan Kurfirst

Etichetta:

Neuma Records (USA)

Link:

neumarecords.org
dankurfirstmusic.com/

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2022

Titoli:

1) Peace In 2) Birth Beats 2 3) Meditation Groove 4) Birth Beats 1 5) Ghost Killers 6) Dreamscape 7) Two Chants 8) Not Yet 9) Peace Out

Durata:

47:32

Con:

Dan Kurfirst, Daniel Carter, Alexis Marcelo, Damon Banks, Roshni Samlal, Fima Chupakhin

Non sopportate la new wave of jazz? Eccovi allora un disco old wave!

x mario biserni (no ©)

“Arkinetics” vuol dire architettura cinetica, si riferisce cioè a edifici con parti mobili, e può voler rappresentare una musica dalle architetture ben definite e pure molto fluide.
Kurfirst è un batterista-percussionista di New York studioso ed esperto di ritmi afroasiatici. Questi due elementi riescono a definire un quadro abbastanza definito ma non definitivo di questo disco. Serve un terzo punto per gettare delle coordinate ancor più precise, e tale punto può essere rappresentato dal jazz elettrico degli anni Settanta, e in particolare dalla musica dei Return To Forever (con qualche ombreggiatura dai quartetti coltraniani).
Con la differenza che “Arkinetics” è concepito come un tour de force del batterista, laddove nei RtF lo era del pianista, intorno al quale germogliamo le fioriture degli altri strumenti /essenzialmente tomba e altri fiati, chitarra basso e Fender Rhodes, ché la tabla serve da rafforzamento della batteria.
L’aspetto ciclico, si inizia con Peace In e si termina con Peace Out, e la voce campionata di Alan Watts, che compare in alcuni tratti, fanno il resto nel tratteggiare un disco segnato da un profondo misticismo di maniera.
Se può interessarvi?

Prossimamente: “Austin Meeting” di A Spirale / Makoto Oshiro / Takahiro Kawaguchi; “Shirwku” della Zebra Street Band; “Black Holes Are Hard To Find” di Frank Paul Schubert, Kazuhisa Uchihashi & Klaus Kugel; “Songs In Time Of Plague” di Alex Lubet; “Níjar” di Paolo Angeli; “All The Way Down” di Matteo Uggeri & Cricket On the Radio; “Conjugate Regions” degli Euphotic; “Wells” di Gianni Mimmo & Harri Sjöström; “333” di Arvo Zylo; “Tetrapylon” di Studer, Frey, Schlegel & Weber; “From Solstice To Equinox” // “Out Of Standard!! – Italia 11” di Nocturnal Emissions & Barnacles // Autori Vari; “Uragano” dei Perforto; “Terrestrial Journeys” di Gilbert Galindo; “Live at De Roze Tanker” di Oğuz Büyükberber & Tobias Klein; “An Artist’s Life Manifesto” di Fin, Caliumi, Fochesato, Battaglia, Masetto & Mampreso …


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 14/10/2023

`Mycelium´ // `The Asocial Telepathic Ensemble´  

`Chance And Change´  

`Driven (Live At Roadburn 2022)´  

`Innesto´ // `Pragma´  

`Trónco´  

`Kinesis´ // `Kinesis, Vol. 2´  

`Live At Pariser Platz´  

`Praznina / Emptiness´  

`Transient´ // `HerbstReise´  

`Sound In Time´  

`Due Mutabili´ // `Cadenza del Crepuscolo´  

`Ornettiana´ // `Monk On Viola´  

`The Quietest Of Whispers´  

`Ochotona Calls´  

`Zanshou Glance At The Tide´  

`OSSI – Album Su LP´  

`Quadrivium´  

`An Artist’s Life Manifesto´  

`Terrestrial Journeys´  

`Uragano´  

`Live at De Roze Tanker´ // `Left Side Right´  

`Tetrapylon´  

`Orchid Music´ // `Green Album´  

`333´  

`From Solstice To Equinox´ // `Starlight And Still Air Reworked´ // `Out Of Standard!! – Italia 11´  

`All The Way Down´  

`Twofold´ // `Made Out Of Sound´ // `Decameron´  

`Conjugate Regions´  

`Wells´  

`Spiralis Aurea´  

`Black Holes Are Hard To Find´  

`Níjar´  

`Songs in Time of Plague´  

`Austin Meeting´  

`Arkinetics´  

`Shirwku´  

`Le Jardin Sonore´ // `TMR´  

`Folk! Volume 1´ // `Folk! Volume 2´  

`Ilta´  

`Sings´  

`Tempoo´  

`After The Storm (complete recordings)´  

`Virus´  

`Blue Horizon´  

`Hide Nothing´ // `BeforeThen´