`Songs in Time of Plague´

Autore disco:

Alex Lubet

Etichetta:

Neuma Records (USA)

Link:

neumarecords.org

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2022

Titoli:

1) On The Seventh Hour 2-18) Seventeen Songs In Time Of Plague: Generation, Go, Moment, Tide, Occasion, Stage, Pace, Span, Present, Shift, Continuance, Extent, Space, Juncture, Lastingness, Infinity, Eternity

Durata:

63:36

Con:

Alex Lubet

pandemia e altri incidenti

x mario biserni (no ©)

«La giostra dei miei simboli fluisce uguale per trarre anche dal male qualche compenso». (F. Guccini).
Docente, compositore, strumentista e studioso, Alex Lubet (nato a Chicago ma residente in Minnesota) si è occupato, tra l’altro, della musica in situazioni di disabilità.
Nel primo brano di questo CD, della durata di oltre diciotto minuti, Lubet affronta il tema disabilità in modo tangibile, avendo avuto un arto superiore temporaneamente fuori uso a seguito di un intervento chirurgico. Utilizzando una chitarra steel sia come tale sia come strumento a percussione(*) il musicista sfrutta la tensione creata dal contrasto fra i singoli suoni, più relative risonanze, e il silenzio nel quale sono intercalati per disegnare paesaggi segnati da un’eccentrica desolazione.
Le “Seventeen Songs In Time Of Plague” sono invece una serie di brevi composizioni istantanee registrate durante il periodo d’isolamento dovuto al Covid, e vanno considerate come un'unica struttura divisa in diciassette frammenti, suonati su un dulcimer con altrettante accordature diverse. Così si spiega anche la strofa di Guccini usata come inciso iniziale. I lati oscuri dell’esistenza hanno almeno un aspetto positivo nel loro funzionare da stimolo alla creatività artistica. È così che sono nate grandi opere come “Il Decamerone”, “L’inferno” dantesco e “Guernica”.
Un disco singolare e affascinante.
(*) Riporto dalle note: «sticks, beaters, and mallets joined a metal slide, a bass bow, and complex fingerings, sounding the guitar body, yielding a forest of timbral effects and pitches».

Prossimamente: “Níjar” di Paolo Angeli; “All The Way Down” di Matteo Uggeri & Cricket On the Radio; “Conjugate Regions” degli Euphotic; “Wells” di Gianni Mimmo & Harri Sjöström; “333” di Arvo Zylo; “Tetrapylon” di Studer, Frey, Schlegel & Weber; “From Solstice To Equinox” // “Out Of Standard!! – Italia 11” di Nocturnal Emissions & Barnacles // Autori Vari; “Uragano” dei Perforto; “Terrestrial Journeys” di Gilbert Galindo; “Live at De Roze Tanker” di Oğuz Büyükberber & Tobias Klein; “An Artist’s Life Manifesto” di Fin, Caliumi, Fochesato, Battaglia, Masetto & Mampreso …


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 31/10/2023

`Ornettiana´ // `Monk On Viola´  

`Ochotona Calls´  

`Zanshou Glance At The Tide´  

`OSSI – Album Su LP´  

`Quadrivium´  

`An Artist’s Life Manifesto´  

`Terrestrial Journeys´  

`Uragano´  

`Live at De Roze Tanker´ // `Left Side Right´  

`Tetrapylon´  

`Orchid Music´ // `Green Album´  

`333´  

`From Solstice To Equinox´ // `Starlight And Still Air Reworked´ // `Out Of Standard!! – Italia 11´  

`All The Way Down´  

`Twofold´ // `Made Out Of Sound´ // `Decameron´  

`Conjugate Regions´  

`Wells´  

`Spiralis Aurea´  

`Black Holes Are Hard To Find´  

`Níjar´  

`Songs in Time of Plague´  

`Austin Meeting´  

`Arkinetics´  

`Shirwku´  

`Le Jardin Sonore´ // `TMR´  

`Folk! Volume 1´ // `Folk! Volume 2´  

`Ilta´  

`Sings´  

`Tempoo´  

`After The Storm (complete recordings)´  

`Virus´  

`Blue Horizon´  

`Hide Nothing´ // `BeforeThen´  

`Signals´  

`You’re Either Standing Facing Me Or Next To Me´ // `Yurako´ // `My Lord Music, I Most Humbly Beg Your Indulgence In The Hope That You Will Do Me The Honour Of Permitting This Seed Called Keiji Haino To Be Planted Within You´  

`The Soundtrack Of Your Secrets´  

`Transmutation Of Things´  

`Run, The Darkness Will Come!´ // `Fetzen Fliegen´ // `Two Sides Of The Moon´  

`Double Exposure´  

`People And Places´  

`Landscapes And Lamentations´  

`The Living, The Dead, The Sleepers And The Insomniacs´  

`White Eyes´  

`Rainforest IV´  

`In Otherness Oneself´ // `Soothe My Soul, Feed My Thought´  

`Pan Project´