`Shirwku´

Autore disco:

Zebra Street Band

Etichetta:

TryTone (NL)

Link:

www.trytone.org
salvoandrea.eu/projects/the-zebra-street-band/

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2022

Titoli:

1) Levanzo 2) Nisran 3) Searching for D 4) The Wedding Call 5) Cacta 6) White Stones 7) Argo 8) Sexy Turtles 9) Moving Tree 10) And Then We Played Those Clouds Away

Durata:

48:50

Con:

Alistair Payne, Salvoandrea Lucifora, Andrius Dereviancenko, John Dikeman, Fabio Galeazzi, Onno Govaert

ritorno al passato

x mario biserni (no ©)

La Zebra Street Band si presenta come ensemble di musica da strada. Una simil brass band, quindi, simil dacché è comprensiva di due sassofoni e due batterie, e non è affatto limitata a trombe e tromboni.
È un ensemble dai connotati internazionali, seppure faccia base ad Amsterdam è infatti composta da uno scozzese, un lituano, uno statunitense, un olandese e due italiani, e proprio il trombonista siculo Salvoandrea Lucifora sembra essere il leader del gruppo, dal momento che firma tutti i brani.
Nell’occhiello ho scritto «ritorno al passato» perché la formula brass band fa pensare a qualcosa di primitivo, nello specifico del jazz ai primordi di New Orleans, anche se in realtà il suono di “Shirwku” è tutt’altro che primitivo. Nelle note di copertina sta scritto di influenze che vengono «from Africa, South America, the Balkans, New Orleans, hip-hop, free jazz ..», e aggiungerei anche da ensemble di fiati come il World Saxophone Quartet; il tutto è riletto e miscelato con la creatività che tipicizza la capitale della new wave of jazz (proprio due esponenti di spicco della nwoj brillano nella Zebra Street Band: il sassofonista John Dikeman e il batterista Onno Govaert).
Seppure non particolarmente innovativo, “Shirwku” è in grado di fare la sua porca figura anche all’interno di un ambito fertile e ribollente qual è quello del jazz olandese.

Prossimamente: “Black Holes Are Hard To Find” di Frank Paul Schubert, Kazuhisa Uchihashi & Klaus Kugel; “Songs In Time Of Plague” di Alex Lubet; “Níjar” di Paolo Angeli; “All The Way Down” di Matteo Uggeri & Cricket On the Radio; “Conjugate Regions” degli Euphotic; “Wells” di Gianni Mimmo & Harri Sjöström; “333” di Arvo Zylo; “Tetrapylon” di Studer, Frey, Schlegel & Weber; “From Solstice To Equinox” // “Out Of Standard!! – Italia 11” di Nocturnal Emissions & Barnacles // Autori Vari; “Uragano” dei Perforto; “Terrestrial Journeys” di Gilbert Galindo; “Live at De Roze Tanker” di Oğuz Büyükberber & Tobias Klein; “An Artist’s Life Manifesto” di Fin, Caliumi, Fochesato, Battaglia, Masetto & Mampreso …


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 27/10/2023

`Mycelium´ // `The Asocial Telepathic Ensemble´  

`Chance And Change´  

`Driven (Live At Roadburn 2022)´  

`Trónco´  

`Kinesis´ // `Kinesis, Vol. 2´  

`Live At Pariser Platz´  

`Praznina / Emptiness´  

`Transient´ // `HerbstReise´  

`Sound In Time´  

`Due Mutabili´ // `Cadenza del Crepuscolo´  

`Ornettiana´ // `Monk On Viola´  

`The Quietest Of Whispers´  

`Ochotona Calls´  

`Zanshou Glance At The Tide´  

`OSSI – Album Su LP´  

`Quadrivium´  

`An Artist’s Life Manifesto´  

`Terrestrial Journeys´  

`Uragano´  

`Live at De Roze Tanker´ // `Left Side Right´  

`Tetrapylon´  

`Orchid Music´ // `Green Album´  

`333´  

`From Solstice To Equinox´ // `Starlight And Still Air Reworked´ // `Out Of Standard!! – Italia 11´  

`All The Way Down´  

`Twofold´ // `Made Out Of Sound´ // `Decameron´  

`Conjugate Regions´  

`Wells´  

`Spiralis Aurea´  

`Black Holes Are Hard To Find´  

`Níjar´  

`Songs in Time of Plague´  

`Austin Meeting´  

`Arkinetics´  

`Shirwku´  

`Le Jardin Sonore´ // `TMR´  

`Folk! Volume 1´ // `Folk! Volume 2´  

`Ilta´  

`Sings´  

`Tempoo´  

`After The Storm (complete recordings)´  

`Virus´  

`Blue Horizon´  

`Hide Nothing´ // `BeforeThen´  

`Signals´