`Live at De Roze Tanker´ // `Left Side Right´

Autore disco:

Oğuz Büyükberber & Tobias Klein // Lothar Ohlmeier & Tobias Klein

Etichetta:

TryTone (NL)

Link:

www.trytone.org
www.sands-zine.com/archiviorec.php?IDrec=2013

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2022 // 2024

Titoli:

1) June, July Or January? 2) Crown Shyness 3) What Happens If You Look Up When Walking Backwards? // 1) Effortless Sweetening 2) Burning Money 3) Peptide 4) Sweet Sorrow 5) Right Side Left

Durata:

34:04 // 54:59

Con:

Oğuz Büyükberber, Tobias Klein // Lothar Ohlmeier, Tobias Klein

claroni in libertà

x mario biserni (no ©)

Oltre ad aver collaborato in vari progetti, alcuni dei quali trovate recensiti nei nostri archivi, Büyükberber e Klein hanno anche pubblicato un precedente disco in duo nel 2015. In quell’occasione si confrontavano con varie tipologie di clarinetto. Dopo sette anni ci riprovano ma, a differenza di quel precedente, utilizzano il solo clarinetto basso, strumento che, seppure utilizzato in varie circostanze anche nell’ambito della tradizione classica, è noto soprattutto per essere stato, accanto al sax alto e al flauto, uno degli strumenti principe utilizzati da Eric Dolphy. Gli amanti delle sonorità vellutate di questo aerofono avranno modo di sbizzarrirsi fra le sinuosità di questi fraseggi intrecciati che inevitabilmente finiscono per ricordare il già citato Dolphy ma anche, in alcune soluzioni timbrico-melodiche, un musicista non-jazz e pur importante nella evoluzione di questa musica qual è Igor’ Stravinskij.
Anche la collaborazione fra Klein e Ohlmeier ha radici lontane, il primo disco dei Dalgoo risale infatti all’anno Duemila, ma solo quest’anno è in arrivo il loro primo lavoro a due, pure esso imperniato essenzialmente sul dialogo fra clarinetti basso. “Left Side Right” si distingue da “Live at De Roze Tanker” per una serie di particolari che allontanano a sufficienza il rischio di sovrapponibilità dei due dischi. Innanzitutto in questo CD all’utilizzo dei due claroni viene affiancato quello del sax tenore (Ohlmeier) e del sax alto (Klein). In secondo luogo, e soprattutto, l’interazione fra i due strumentisti è sostanzialmente diversa. In “Left Side Right” non c’è il fraseggiare intrecciato dell’altro disco, più che altro vi sono armonizzazioni e brandelli di melodia che i due sviluppano in modo inter-indipendente l’uno dall’altro, interpretando ruoli diversi, e il tutto si configura come una versione dimezzata del World Saxophone Quartet.
Due dischi complementari che sono in grado di appassionare sia coloro che reputano Eric Dolphy il non plus ultra della musica jazz sia coloro che si sentono orfani di quella musica democratica vaneggiata da Ornette Coleman.

Prossimamente: “An Artist’s Life Manifesto” di Fin, Caliumi, Fochesato, Battaglia, Masetto & Mampreso; “Quadrivium” di Edmun Campion; “Zanshou Glance At The Tide” di Yoko Miura & Gianni Mimmo; “Ochotona Calls” di Eva-Maria Karbacher; “The Quietest Of Whispers” di Evan Ware; “Due Mutabili” // “Cadenza del Crepuscolo” del Sestetto Internazionale // di Hughes, Mimmo, Schlechta & Volqartz; “Sound In Time” di Blaž Švagan; “Live At Pariser Platz” di AoA Impro Group; “Kinesis” del Galan Trio; “Praznina / Emptiness” di Iztok Koren; “Driven – Live At Roadburn” del Martina Verhoeven Quintet; “Chance And Change” del Blue Lines Trio; “Innesto” & “Pragma” del Rumore Austero; “Kissós” di Nicolò Francesco Faraglia; “Project Encore – Vol. 1” di Timothy McAllister & Liz Ames; “Thirtynine Fiftyfive” di C/W/N; “Recoil” di Henkel Carlson Hall; “Remember” di Jeremy Beck; “The Hills Shout” di Jacques Demierre; “Woven Territories” di Bryan Day & Dereck Higgins; “Pandemia” di Collin J Rae / Red Gnein Sextet; “Active Observation” dei Genera …


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 30/1/2024

`Mycelium´ // `The Asocial Telepathic Ensemble´  

`Chance And Change´  

`Driven (Live At Roadburn 2022)´  

`Innesto´ // `Pragma´  

`Trónco´  

`Kinesis´ // `Kinesis, Vol. 2´  

`Live At Pariser Platz´  

`Praznina / Emptiness´  

`Transient´ // `HerbstReise´  

`Sound In Time´  

`Due Mutabili´ // `Cadenza del Crepuscolo´  

`Ornettiana´ // `Monk On Viola´  

`The Quietest Of Whispers´  

`Ochotona Calls´  

`Zanshou Glance At The Tide´  

`OSSI – Album Su LP´  

`Quadrivium´  

`An Artist’s Life Manifesto´  

`Terrestrial Journeys´  

`Uragano´  

`Live at De Roze Tanker´ // `Left Side Right´  

`Tetrapylon´  

`Orchid Music´ // `Green Album´  

`333´  

`From Solstice To Equinox´ // `Starlight And Still Air Reworked´ // `Out Of Standard!! – Italia 11´  

`All The Way Down´  

`Twofold´ // `Made Out Of Sound´ // `Decameron´  

`Conjugate Regions´  

`Wells´  

`Spiralis Aurea´  

`Black Holes Are Hard To Find´  

`Níjar´  

`Songs in Time of Plague´  

`Austin Meeting´  

`Arkinetics´  

`Shirwku´  

`Le Jardin Sonore´ // `TMR´  

`Folk! Volume 1´ // `Folk! Volume 2´  

`Ilta´  

`Sings´  

`Tempoo´  

`After The Storm (complete recordings)´  

`Virus´  

`Blue Horizon´  

`Hide Nothing´ // `BeforeThen´