`Níjar´

Autore disco:

Paolo Angeli

Etichetta:

Recommended Records (UK)

Link:

www.rermegacorp.com/
www.paoloangeli.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2022

Titoli:

Acto Primero: 1) Cardos, 2) La Nana, 3) Ramas de Sueños; Acto Segundo: 4) Aljibe, 5) Jinete; Acto Terzero: 6) Rama oscura, 7) Monólogo de la Luna, 8) Nijar (Sidra), 9) Sucia arena; 10) A Federico, 11) Télon

Durata:

39:50

Con:

Paolo Angeli

conquistato dai conquistadores

x mario biserni (no ©)

Era chiaro che, dopo aver vissuto tanti anni tra Barcellona e Valencia, Paolo Angeli sarebbe venuto a patti con la cultura spagnola, talmente forte e sanguigna è quest’ultima che sarebbe impossibile viverci a contatto senza lasciarsi permeare.
Se era facile scommettere su questo fatto, più complicato era sapere come e quando si sarebbe verificato.
Bene, il fatto è oggi documentato da questo disco e l’ingresso di Angeli nell’universo della musica spagnola (meglio sarebbe dire nell’universo della cultura spagnola) avviene dalla porta principale, seppure già da qualche disco si potevano udire dei segnali in tal senso.
Avviene dalla porta principale perché ha trovato il suo cavallo di troia in “Bodas de Sangre”, un dramma teatrale scritto nel 1933 da Federico García Lorca e considerato una delle sue opere massime, del quale “Níjar” viene presentato come colonna sonora immaginaria. Per inciso va detto che il dramma si ispirava a un episodio di cronaca avvenuto a Níjar in Andalusia.
È chiaro che non basta pubblicare un CD presentato come an imaginary soundtrack for Bodas de Sangre by Federico García Lorca, con tanto di grafica che utilizza alcuni suoi disegni, per poter parlare di una contaminazione con la cultura spagnola. Una colonna sonora immaginaria, in quanto tale, è un soggetto puramente teorico.
Angeli, però, realizza il suo progetto con il sostegno di una serie di elementi estremamente concreti, a iniziare dall’utilizzo di frammenti di testo tratti dal dramma teatrale e cantati in castigliano.
Ancor più concreti sono i richiami strutturali al flamenco o l’ispirazione, in La Nana, a Nana del Caballo Grande di El Camarón de la Isla. Così come l’utilizzo, accanto alla ormai classica chitarra preparata e agli accorgimenti elettronici, di una chitarra flamenco.
Credo inoltre che dietro alla composizione di “Níjar”, conoscendo il rigore che da sempre contraddistingue Angeli, ci sia un approfondimento conoscitivo sia dell’opera di García Lorca sia della musica spagnola.
Dedicando il disco al grande poeta spagnolo, fucilato nel 1936 dai falangisti di Franco (mai dimenticare), Angeli trascende il semplice tributo al paese in cui da anni vive e senza bisogno di tanti proclami, a differenza dello Charlie Haden di “Liberation Music Orchestra” o degli Ex di “1936, The Spanish Revolution”, lascia intendere a quale Spagna il suo tributo si rivolge.
Eppure “Níjar”, nonostante tutto, suona inconfondibilmente come un suo disco, e questo dimostra quanto il suo mood sia personale e fortemente identitàrio.

Prossimamente: “All The Way Down” di Matteo Uggeri & Cricket On the Radio; “Conjugate Regions” degli Euphotic; “Wells” di Gianni Mimmo & Harri Sjöström; “333” di Arvo Zylo; “Tetrapylon” di Studer, Frey, Schlegel & Weber; “From Solstice To Equinox” // “Out Of Standard!! – Italia 11” di Nocturnal Emissions & Barnacles // Autori Vari; “Uragano” dei Perforto; “Terrestrial Journeys” di Gilbert Galindo; “Live at De Roze Tanker” di Oğuz Büyükberber & Tobias Klein; “An Artist’s Life Manifesto” di Fin, Caliumi, Fochesato, Battaglia, Masetto & Mampreso …


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 8/11/2023

`Mycelium´ // `The Asocial Telepathic Ensemble´  

`Chance And Change´  

`Driven (Live At Roadburn 2022)´  

`Innesto´ // `Pragma´  

`Trónco´  

`Kinesis´ // `Kinesis, Vol. 2´  

`Live At Pariser Platz´  

`Praznina / Emptiness´  

`Transient´ // `HerbstReise´  

`Sound In Time´  

`Due Mutabili´ // `Cadenza del Crepuscolo´  

`Ornettiana´ // `Monk On Viola´  

`The Quietest Of Whispers´  

`Ochotona Calls´  

`Zanshou Glance At The Tide´  

`OSSI – Album Su LP´  

`Quadrivium´  

`An Artist’s Life Manifesto´  

`Terrestrial Journeys´  

`Uragano´  

`Live at De Roze Tanker´ // `Left Side Right´  

`Tetrapylon´  

`Orchid Music´ // `Green Album´  

`333´  

`From Solstice To Equinox´ // `Starlight And Still Air Reworked´ // `Out Of Standard!! – Italia 11´  

`All The Way Down´  

`Twofold´ // `Made Out Of Sound´ // `Decameron´  

`Conjugate Regions´  

`Wells´  

`Spiralis Aurea´  

`Black Holes Are Hard To Find´  

`Níjar´  

`Songs in Time of Plague´  

`Austin Meeting´  

`Arkinetics´  

`Shirwku´  

`Le Jardin Sonore´ // `TMR´  

`Folk! Volume 1´ // `Folk! Volume 2´  

`Ilta´  

`Sings´  

`Tempoo´  

`After The Storm (complete recordings)´  

`Virus´  

`Blue Horizon´  

`Hide Nothing´ // `BeforeThen´