`Orchid Music´ // `Green Album´

Autore disco:

Juraj Kojš // The Vegetable Orchestra

Etichetta:

Neuma Records (USA) // Transacoustic Research (A)

Link:

neumarecords.org
www.vegetableorchestra.org

Formato:

CD, DL // LP, CD, DL

Anno di Pubblicazione:

2022 // 2018

Titoli:

1) Florida Native Orchid DNA Sonified: Pogonia Ophioglossoides 2) Florida Native Orchid DNA Sonified: Cyrtopodium Punctatum 3) Florida Native Orchid DNA Sonified: Prosthechea Cochleata 4) Florida Native Orchid DNA Sonified: Sacoila Lanceolata 5) Florida Native Orchid DNA Sonified: Platanthera Cristata 6) Florida Native Orchid DNA Sonified: Epidendrum Anceps 7) Florida Native Orchid DNA Sonified: Dendrophylax Lindenili 8) Florida Native Orchid DNA Sonified: Ionopsis Utriculariodes 9) Florida Native Orchid DNA Sonified: Epidendrum Magnoliae 10) Florida Native Orchid DNA Sonified: Encyclia Tampensis 11) The Orchid Quartet 12) Florida Orchid DNA Synthesizer And Sequencer Improvisation // 1) Szemenye 2) Perfect Match 3) Fasern 4) Beet-L 5) Schwarzmooskogel 6) Fragilatore 7) Internal Crisis 8) Hyperroots 9) Bamako 10) La Valse Éphémère 11) Reset 12) In V 13) Carrot Pano Drama 14) Bumpkin

Durata:

62:15 // 48:19

Con:

Juraj Kojš // Jürgen Berlakovich, Susanna Gartmayer, Barbara Kaiser, Matthias Meinharter, Jörg Piringer, Richard Repey, Ingrid Schlögl, Ulrich Troyer, Tamara Wilhelm, Martina Winkler

musica astratta e musica concreta

x mario biserni (no ©)

Juraj Kojš è uno slovacco residente in Florida la cui attenzione è stata attratta dalla grande varietà di orchidee presenti in quella penisola. Lavorando intorno al DNA di alcune di esse e copiandone la struttura per programmare sintetizzatori e drum machine ha ottenuto delle linee base arricchite poi con scampoli di vario tipo (macchina da scrivere, blocchi di legno, noci e semi, vasi di argilla, gocciolamento d'acqua, campioni del flauto di Margaret Lancaster, gamelan giavanese e voci) per approdare alla composizione di dieci sagaci esempi di musica elettronica astratta. Gli ultimi due brani, come si deduce dal titolo, adottano metodi compositivi diversi. In The Orchid Quartet, in particolare, vengono utilizzate quattro specie di orchidee provenienti da varie parti del pianeta: Brassavola Nodosa (Centro-America), Cattleya Lueddemanniana (Venezuela), Dendrobium Aphyllum (Asia Sud-Orientale e Australia) e Vanda Sanderiana (Filippine). Ognuno di questi fiori è associato a un particolare strumento sintetico, nell’ordine piccole campane, tromba, pianola elettrica e grancassa. Quella di "Orchid Music" è chiaramente una musica basata su requisiti scientifici (matematici, fisici e chimici) di chiara derivazione meccanica e futurista. Molto ben fatto il libretto allegato che straborda di informazioni sull’autore, sul progetto e sui singoli brani del CD.
Ben diversi appaiono gli aspetti tecnici che stanno alla base del disco della Vegetable Orchestra, un ensemble attivo in Austria sin dalla fine del secolo scorso e già responsabile di ben tre altre realizzazioni. Alla base c’è lo stesso principio di “Orchid Music”, cioè quello di dare voce al mondo vegetale, ma in questo caso possiamo parlare di una musica concreta di derivazione dada-surrealista. Strumenti a fiato e a percussione ricavati da carote, broccoli, pomodori, melanzane, finocchi, peperoni, zucche, cipolle, patate e altri vegetali opportunamente microfonati ed elettrificati sono utilizzati per dare forma a piccoli gioielli che occhieggiano ai Kraftwerk come ai Pink Floyd. Sono passati otto anni dal precedente “Onionoise”, ma l’ensemble austriaco appare sempre in forma, frizzante e mai a corto di idee. Le versioni in compact e digitale contengono due brani in più (Beet-L e In V), ma l’acquisto del vinile dà comunque diritto immediato al download gratuito.

Prossimi top: “Ossi – Album Su Lp” di Ossi; “Monk On Viola” di George Dumitriu; “Ornettiana” di Monica Nica Agosti – Shapex; “Transient” // “Herbstreise” dei Clairvoyance // Nicola Guazzaloca & Gianni Mimmo; “Trónco” dei Trónco; “Mycelium” // “The Asocial Telepathic Ensemble” degli Spill // Autori Vari; “Tales From An Underground River” degli Open To The Sea; “Perlée De Sève” di Roxane Métayer; “Sonatas & Interludes” // “Concord” // “The Time Curve Preludes” di Agnese Toniutti // Phillip Bush // William Duckworth; “Chirurgia Sperimentale” di Luca Collivasone; “Incanto” del Roberto Dani Forme Sonore Ensemble; “Chamber Music” di Steve Peters; “For A Reason” di Roger Reynolds; “Qui” di Lalli e Stefano Risso; “Jalitah” di Iosonouncane & Paolo Angeli; “Drums & Octobass” // “Always I Gnaw” di Keiji Haino & Guro Moe // Sult ...


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 23/1/2024

`Mycelium´ // `The Asocial Telepathic Ensemble´  

`Chance And Change´  

`Driven (Live At Roadburn 2022)´  

`Trónco´  

`Kinesis´ // `Kinesis, Vol. 2´  

`Live At Pariser Platz´  

`Praznina / Emptiness´  

`Transient´ // `HerbstReise´  

`Sound In Time´  

`Due Mutabili´ // `Cadenza del Crepuscolo´  

`Ornettiana´ // `Monk On Viola´  

`The Quietest Of Whispers´  

`Ochotona Calls´  

`Zanshou Glance At The Tide´  

`OSSI – Album Su LP´  

`Quadrivium´  

`An Artist’s Life Manifesto´  

`Terrestrial Journeys´  

`Uragano´  

`Live at De Roze Tanker´ // `Left Side Right´  

`Tetrapylon´  

`Orchid Music´ // `Green Album´  

`333´  

`From Solstice To Equinox´ // `Starlight And Still Air Reworked´ // `Out Of Standard!! – Italia 11´  

`All The Way Down´  

`Twofold´ // `Made Out Of Sound´ // `Decameron´  

`Conjugate Regions´  

`Wells´  

`Spiralis Aurea´  

`Black Holes Are Hard To Find´  

`Níjar´  

`Songs in Time of Plague´  

`Austin Meeting´  

`Arkinetics´  

`Shirwku´  

`Le Jardin Sonore´ // `TMR´  

`Folk! Volume 1´ // `Folk! Volume 2´  

`Ilta´  

`Sings´  

`Tempoo´  

`After The Storm (complete recordings)´  

`Virus´  

`Blue Horizon´  

`Hide Nothing´ // `BeforeThen´  

`Signals´