`Electroacoustic Works´

Autore disco:

Dan Joseph

Etichetta:

XI (USA)

Link:

www.xirecords.org

Formato:

2CD

Anno di Pubblicazione:

2017

Titoli:

1) Openig 2) Trio I 3) Trio II 4) Closing 5) Dulcimer Flight (EI) 6) Dulcimer Flight (Corvallis) / 1) Periodicity Piece # 6

Durata:

65:23 / 65:40

Con:

Dan Joseph (+ frammenti di Matt Ingalls, Patty Liu, Loren Dempster, Christopher McIntyre, Tom Heasley)

xi … basta la parola!

x rino della luna (no ©)

Dan Joseph ha alle spalle una interessante storia, dapprima come batterista all’interno della scena punk di Washington e poi nel circuito della produzione sperimentale in cassetta, con vari lavori di tipo ambient-industrial, questo prima di approdare presso quelle cerchie post-minimaliste newyorkesi che fanno capo alla eXperimental Intermedia di Phill Niblock.
Questo succoso doppio CD raccoglie tre gruppi di lavori datati ai primi anni del nuovo millennio. I primi quattro titoli, complessivamente detti “Set Of Four”, fanno parte di un gruppo di sette distribuito inizialmente in download nel 2008 con il titolo “Dreams of Seven”. I due Dulcimer Flight traggono invece origine da performance elettroacustiche in solo, iniziate nel 1998, nelle quali viene utilizzato un dulcimer da suonare con martelletti. Periodicity Piece # 6, oltre un’ora di durata e ben spiegato nel titolo, è infine tratto da un progetto molto più ampio.
I suoni dell’hammered dulcimer, comunque elaborati, rappresentano l’elemento centrale nei primi sei brani, e simboleggiano anche un certo rapporto di continuità con la tradizione popolare. Il minimalismo di Joseph si caratterizza per il recupero di quel concetto di tempo, che il minimalismo classico mirava ad annullare nella ricerca di una inesauribile continuità cosmica, e per gli influssi dei suoi trascorsi ambient.
I concetti del musicista sono rappresentati al meglio in Periodicity Piece # 6, un brano complesso caratterizzato dalla presenza di frammenti strumentali e nel quale gli eventi si sovrappongono assumendo comunque una loro forma ciclica.
Il marchio XI, per chi ne segue la parca produzione, è già di per sé un più che sufficiente certificato di garanzia.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 7/1/2018

`Tajaliyat´  

`Selected Works For Piano And/Or Sound-Producing Media´  

`Triad´ // `Mokita´  

`Syria´  

`Humyth´  

`La spensieratezza´  

`Come tutti gli altri dei´  

`The Cold Plan´  

`Jukebox all’idroscalo´  

`Beautifully Astray´  

`Pulsioni oblique´ // `For Anita´ // `Musica per camaleonti´  

`Leaking Words´  

`NorN´  

`Giraffe´  

`Temps En Terre´  

`A Season´ // `(S)àcrata´ // `Nei resti del fuoco´  

`Live At Konfrontationen Nickelsdorf 2012´  

`The Spring Of My Life´  

`Noises From Melancholia´  

`Meccanismi e desideri semplici´  

`Edges´  

`Una piccola tregua (Live)´  

`Settembre´  

`Amphibian Ardour´ // `Gleadalec´ // `Emerge´  

`Plastic Fantastic´  

`Z/Rzw-Shiiiiiii´  

`Vegir´  

`Quadrature´  

`Lo stretto necessario´  

`Food Foragers´  

`AB+´  

`Disappearing´  

`Porteremo gli stessi panni´  

`Words Delicate Flight´  

`The Irresistible New Cult Of Selenium´  

`Floatin’ Pieces´  

`Girovago´  

`Un tempo, appena´  

`Inscapes´  

`Ortiche´  

`Maledette rockstar´  

`Exuvia´  

`Le nuvole si spostano comunque´  

`Magic Pandemonio´  

`Omaggio a Marino Zuccheri´  

`Gamelan – Coming & Going´  

`Succi con ghiaccio´  

`Si rompe il silenzio nel giardino delle mandragole´  

`Hide & Squeak´  

`Neve´  

`Kintsugi´  

`Tell No Lies´  

`Cronache carsiche´  

`Piccola Orchestra Artigianale degli Improvvisatori di Valdapozzo´