`武士´

Autore disco:

Bushi

Etichetta:

Dischi Bervisti (I)

Link:

dischibervisti.com/

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2017

Titoli:

1) Rolling Heads 2) The Cherry Tree 3) A Well-Aimed Blow Of Naginata 4) Runaway Horses 5) The Book Of Five Rings 6) Typhoons 7) Hidden In Leaves 8) Death Poems

Durata:

23:18

Con:

Alessandro ‘Urmuz’ Vagnoni, Davide Scode, Matteo ‘Tegu’ Sideri

una soundtrack per spiriti indomiti

x fiona spence (no ©)

I Bushi sono un’autentica super-band se, come ci dicono le cronache (mi riservo di controllare), i tre hanno avuto parte in Bologna Violenta, Infernal Poetry, Dark Lunacy, Kingfisher, Maria Antonietta, Ronin, Above The Tree & E-side, e la sicurezza con la quale prendono di petto questo disco d’esordio conferma tale prerogativa.
Pattern di suoni che si ripetono, veloci e taglienti, marziali e a getto continuo, come prodotti da un’officina di armi da guerra, e bushi è per l’appunto un termine giapponese che significa guerriero. I testi hanno la stessa dimensione, frasi concise e reiterate che fanno pendant con l’incalzare dei riff strumentali.
Il disco è permeato dalla cultura giapponese, in particolare dall’epos dei Samurai, e i testi sono degli haiku (brevi componimenti poetici) ispirati dai «precetti delle scuole militari e filosofiche di tali nobili guerrieri».
“武士”, ben concepito e meglio suonato, può piacere a molti, a partire dagli amanti dell’hard rock per finire con gli aficionados alle nuove forme di progressive.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 8/7/2018

`Livebatts!´  

`Doublethink´  

`Gratitude´  

`Kalvingrad´  

`Damn! Freistil-Samplerinnen 4 + 5´  

`L’inottenibile´  

`22:22 Free Radiohead´  

`Four Waves´  

`Beats´  

`Vostra Signora Del Rumore Rosa´  

`777+2 Per Aspera Ad Astra´  

`Emblema´  

`Tajaliyat´  

`Moondrive´  

`Collected Wreckages´ // `Shallow Nothingness In Molten Skies´ // `Blind Tarots´  

`Selected Works For Piano And/Or Sound-Producing Media´  

`Triad´ // `Mokita´  

`Syria´  

`Humyth´  

`La spensieratezza´  

`Come tutti gli altri dei´  

`The Cold Plan´  

`Jukebox all’idroscalo´  

`Beautifully Astray´  

`Pulsioni oblique´ // `For Anita´ // `Musica per camaleonti´  

`Leaking Words´  

`NorN´  

`Giraffe´  

`Temps En Terre´  

`A Season´ // `(S)àcrata´ // `Nei resti del fuoco´  

`Live At Konfrontationen Nickelsdorf 2012´  

`The Spring Of My Life´  

`Noises From Melancholia´  

`Meccanismi e desideri semplici´  

`Edges´  

`Una piccola tregua (Live)´  

`Settembre´  

`Amphibian Ardour´ // `Gleadalec´ // `Emerge´  

`Plastic Fantastic´  

`Z/Rzw-Shiiiiiii´  

`Vegir´  

`Quadrature´  

`Lo stretto necessario´  

`Food Foragers´  

`AB+´  

`Disappearing´  

`Porteremo gli stessi panni´  

`Words Delicate Flight´  

`The Irresistible New Cult Of Selenium´  

`Floatin’ Pieces´  

`Girovago´  

`Un tempo, appena´  

`Inscapes´  

`Ortiche´