`武士´

Autore disco:

Bushi

Etichetta:

Dischi Bervisti (I)

Link:

dischibervisti.com/

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2017

Titoli:

1) Rolling Heads 2) The Cherry Tree 3) A Well-Aimed Blow Of Naginata 4) Runaway Horses 5) The Book Of Five Rings 6) Typhoons 7) Hidden In Leaves 8) Death Poems

Durata:

23:18

Con:

Alessandro ‘Urmuz’ Vagnoni, Davide Scode, Matteo ‘Tegu’ Sideri

una soundtrack per spiriti indomiti

x fiona spence (no ©)

I Bushi sono un’autentica super-band se, come ci dicono le cronache (mi riservo di controllare), i tre hanno avuto parte in Bologna Violenta, Infernal Poetry, Dark Lunacy, Kingfisher, Maria Antonietta, Ronin, Above The Tree & E-side, e la sicurezza con la quale prendono di petto questo disco d’esordio conferma tale prerogativa.
Pattern di suoni che si ripetono, veloci e taglienti, marziali e a getto continuo, come prodotti da un’officina di armi da guerra, e bushi è per l’appunto un termine giapponese che significa guerriero. I testi hanno la stessa dimensione, frasi concise e reiterate che fanno pendant con l’incalzare dei riff strumentali.
Il disco è permeato dalla cultura giapponese, in particolare dall’epos dei Samurai, e i testi sono degli haiku (brevi componimenti poetici) ispirati dai «precetti delle scuole militari e filosofiche di tali nobili guerrieri».
“武士”, ben concepito e meglio suonato, può piacere a molti, a partire dagli amanti dell’hard rock per finire con gli aficionados alle nuove forme di progressive.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 29/11/2017

 

`Cascata´ // `Plancton´  

`Hawkward´  

`Innlaandds´  

`Francesco Serra´  

`Homo Ebetis´  

`Fear in the corner - prova aperta´  

`Flow´  

`L’oreficeria´  

`La rete di Indra´  

`Classified´  

`Schwingende Luftsäulen´  

`Manifesto della chimica romantica´  

`AMAS´  

`武士´  

`Piramidi´  

`Wet Cats´  

`One Single Sound´ // `Open To The Sea´ // `Grandpa´  

`Peakock Eyes´  

`Cordonbleux At Nof´  

`Oxyoquet - El Volcán Silencioso (Piezas En Cadencia I-XII)´ // `Kio Ge´ // `Ore´  

`Nafta´  

`Qualcosa mi sfugge´  

`First Metheoretical Bulletin´  

`Nuevo Mundo´  

`One (For [Your Name] Only)´ // `Double Sun´  

`Live At Club Der Polnischen Versager, Berlin 2016´ // `Hyvinkää´  

`L’eccitante attesa´  

`Tra me e il mare´  

`Rûwâhîne´  

`In The Apartment House´  

`Brdo´  

`tl;dl´  

`Don’t Push The Piano Around´  

`Talea´  

`New York – St. Johann´ // `Aural Vertigo´  

`Departure´ // `Air Current´  

`Lucca And Bologna Concerts´  

`Fòrte e Gendìle´  

`Plays Borromean Rings´ // `And Who Sees The Mystery´ // `Nabelóse´  

`Emotional Cabaret´  

`Senza titolo´  

`Ninnenanne´  

`Sampler And Zither´  

`Native Aliens Ensemble´  

`Beautiful Mistakes´  

`Il polmone d’acciaio´  

`Vento di maestrale´  

`SoFaKing´  

`Il grande freddo´  

`A Common Day Was Born´  

`Thalidomusic For Young Babies´  

`Rurale´ // `Fassbinder Wunderkammer´  

`Harpoon´