`Flow´

Autore disco:

Perfect Cluster

Etichetta:

autoproduzione (I)

Link:

www.perfectcluster.com

Email:

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2017

Titoli:

1) Get It Loud 2) Fader 3) Speed 4) Slide Out 5) Mind Control 6) Slightly 7) Flow 8) Maggiolino 9) Subway 10) Magic Paper 11) After The Suicide

Durata:

53:31

Con:

Riccardo Chiarucci, Luca Cecchi, Ian Da Preda, Irene Pareti

musica per orfani

x andrea bertelli (no ©)

I toscani Perfet Cluster si sono formati nel 2009 e con “Flow” raggiungono la quota due, a seguire di ben 5 anni l’esordio “Noise Pleasure”. Organicamente si tratta di un trio piuttosto composito, addizionato nell’occasione da Irene Pareti ai cori, che vanta numerose influenze (dal jazz al grunge al rock progressive). La vera passione dei tre è comunque rappresentata dall’elettronica, a partire dai padri tedeschi per terminare con profeti cyberpunk quali i Nine Inch Nails, non senza avere attraversato in lungo e in largo tutto il techno pop. La loro è una cyber-techno-wave, con tendenze industrial, molto melodiosa e dai sapori piuttosto rètro, che va a collocarsi ai confini fra la sperimentazione rock e la musica da discoteca. Nulla di abbacinante, ma in giro c’è di molto peggio.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 6/8/2018

`Humyth´  

`The Cold Plan´  

`Jukebox all’idroscalo´  

`Beautifully Astray´  

`Pulsioni oblique´ // `For Anita´ // `Musica per camaleonti´  

`Leaking Words´  

`NorN´  

`Giraffe´  

`Temps En Terre´  

`A Season´ // `(S)àcrata´ // `Nei resti del fuoco´  

`Live At Konfrontationen Nickelsdorf 2012´  

`The Spring Of My Life´  

`Noises From Melancholia´  

`Meccanismi e desideri semplici´  

`Edges´  

`Una piccola tregua (Live)´  

`Settembre´  

`Amphibian Ardour´ // `Gleadalec´ // `Emerge´  

`Plastic Fantastic´  

`Z/Rzw-Shiiiiiii´  

`Vegir´  

`Quadrature´  

`Lo stretto necessario´  

`Food Foragers´  

`AB+´  

`Disappearing´  

`Porteremo gli stessi panni´  

`Words Delicate Flight´  

`The Irresistible New Cult Of Selenium´  

`Floatin’ Pieces´  

`Girovago´  

`Un tempo, appena´  

`Inscapes´  

`Ortiche´  

`Maledette rockstar´  

`Exuvia´  

`Le nuvole si spostano comunque´  

`Magic Pandemonio´  

`Omaggio a Marino Zuccheri´  

`Gamelan – Coming & Going´  

`Succi con ghiaccio´  

`Si rompe il silenzio nel giardino delle mandragole´  

`Hide & Squeak´  

`Neve´  

`Kintsugi´  

`Tell No Lies´  

`Cronache carsiche´  

`Piccola Orchestra Artigianale degli Improvvisatori di Valdapozzo´  

`Cascata´ // `Plancton´  

`Lighthouse´  

`Hawkward´  

`Innlaandds´  

`Francesco Serra´  

`Homo Ebetis´