`Triadic Memories´

Autore disco:

Ur

Etichetta:

Afe Records (I)

Link:

www.aferecords.com

Formato:

CD-R

Anno di Pubblicazione:

2006

Titoli:

1) movement #1 2) movement #2 3) movement #3

Durata:

39:48

Con:

Andrea Ferraris, Federico Esposito, Mario Sciaccaluga

molto buono

x Alfredo Rastelli

“Triadic Memories” è la prima uscita ufficiale del trio Ur dopo l’autoproduzione del precedente “Baptism & Birthday”; il nuovo disco licenziato dalla Afe segue e riassume il percorso intrapreso dai tre riproponendo in questa nuova produzione due pezzi conosciuti e un inedito: in primis movement #1, contenuta nell’esordio degli Ur “Baptism & Birthaday” (track1), poi una nuova versione di un pezzo già pubblicato in una compilation Afe (movement #3) e, tra le due, una nuova composizione originale (movement #2). “Triadic Memories” assume quindi le fattezze di un nuovo punto di partenza, chiudendo il relativamente breve passato e aprendo al futuro. Il suono del trio è un conglomerato di improvvisazione, isolazionismo, elettronica analogica e soundprocessing istantaneo, ottenuto con una strumentazione particolarmente selezionata composta da pedali, microfoni, strumenti digitali, effetti, theremin e bass guitar. Filo conduttore sono l’industrial e certo isolazionismo sonoro, in particolar modo nelle due tracce che aprono e chiudono il disco, movement #1 e movement #3: entrambe si rivelano come suite che di fatto sono attraversate da ipnotici drones creati di volta in volta da un massiccio utilizzo di loop vocali e dal theremin nonché caratterizzate da crescendi di intensa psidechelia rumorista. L’inedito movement #2 sposa tutto questo sopra detto, in un atmosfera più calma, con certo circuito avant (i Repeat e gli Organum in primis), tra metallici sound objects e mistici inserti vocali. Un gruppo dalle altissime potenzialità.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 17/2/2007

`La bottega del suono (Mario Bertoncini. Maestri e allievi.´  

`Depth Sounding´ // `quando ero un bambino farò l’astronauta´  

`Soufifex´  

`Live At Nikodemus Church´  

`Songs from The Eternal Dump´  

`Cosa potrebbe accadere´  

`Avrei Dovuto Odiarti´  

`The Night Of The 13th’ Moon´  

`10, A Brokken Records Special Edition´  

`OAK´  

`Octo´  

`fourtyfour fiftythree´  

`Antinodal´  

`IMAfiction: Portrait # 01 - # 10´  

`Placid´  

`Music For Cat Movies´  

`Air Skin Digger´ // `Sidereal Deconposition Activity´  

`Milano´ // `Sinking Into A Miracle´  

`Light From Another Light´  

`Drift´  

`Repeat Please!´  

`Sum And Subtraction´ // `2. Akt´ // `Utopia´  

`Metaphysics Of Entropy´  

`Chambery´  

`Flares´  

`OPS…!´  

`W´  

`Live At Kühlspot´  

`22:22 Free Radiohead´  

`Dance Mystique´  

`Diciotto´ // `Em Portugal!´ // `A Pearl In Dirty Hands´  

`Livebatts!´  

`Doublethink´  

`Explicit´ // `Clairvoyance´  

`Gratitude´  

`Kalvingrad´  

`Damn! Freistil-Samplerinnen 4 + 5´  

`L’inottenibile´  

`Four Waves´  

`Beats´  

`Vostra Signora Del Rumore Rosa´  

`777+2 Per Aspera Ad Astra´  

`Emblema´  

`Tajaliyat´  

`Moondrive´  

`Collected Wreckages´ // `Shallow Nothingness In Molten Skies´ // `Blind Tarots´  

`Selected Works For Piano And/Or Sound-Producing Media´  

`Triad´ // `Mokita´  

`Syria´  

`Humyth´  

`La spensieratezza´  

`Come tutti gli altri dei´  

`The Cold Plan´  

`Jukebox all’idroscalo´  

`Beautifully Astray´