`Geisteswissenschaften´

Autore disco:

A_Dontigny

Etichetta:

No Type (CDN)

Link:

www.notype.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2007

Titoli:

1) koons 2) pruitt-igoe 3) tatline 4) aufbau 5) die frohliche wissenschaft 6) quelque chose d’informel 7) color field 8) gutai9) recollection of similarity 10) begriffsshrift 11) crowding into the behavioural sink 12) holzwege13) turner 14) all-over 15) wirkungsgeschichtesbewusstsein 16) mathesis17) crowding into the behavioural sink (jon vaughn’s rondo mix)

Durata:

60:21

Con:

A-Dontigny, Paul Dolden, Diane Labrosse, Jon Vaughn

la società dello spettacolo (musicale)

x Alfredo Rastelli

Esce allo scoperto Aimé Dontigny, personaggio sempre troppo (volutamente) ai margini della scena canadese e internazionale, e lo fa con un disco solista (dovrebbe essere il secondo), sebbene sia coadiuvato da un manipolo di collaboratori storici come Paul Dolden, Diane Labrosse e Jon Vaughn. Diciamo la verità, nonostante i numeri li abbia tutti, il nostro non si pubblicizza nemmeno poi molto, preferendo rimanere ancorato a posizioni, forse un pò idealistiche, di indipendenza e libertà; eppure ci sarebbero di cose da dire sul suo contro, basterebbe ricordare che intorno a lui gira Actuellecd nonché l’etichetta No-Type, ed alcuni dei progetti musicali più belli in ordine a manipolazione elettronica selvaggia e libera (morceaux_de_machines, Napalm Jazz, etc.). L’esperienza decennale di A_Dontigny viene qui condensata, tramite un raccolta non differenziata di materiali vari, in un immenso lavoro di ‘taglia e cuci’ tra gli innumerevoli samples, i bit elettronici e le parti suonate (la chitarra elettrica, il basso e il violoncello) che fanno da contrappunto alle forme iconoclaste dell’elettronica a largo uso. Le origini dei samples sono varie e difformi, la loro natura è fatta salva, ma la forma si manifesta mutevole: è la disintegrazione dello spettacolo (musicale), a sua volta strumento di unificazione, ed unica, vera e necessaria rappresentazione del mondo. Non servono altre parole. Grande.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 30/4/2008

`La Louve´  

`Suites And Seeds´ // `Extended ● For Strings And Piano´ // `Zeit´  

`Dropping Stuff And Other Folk Songs´  

`Amore per tutti´  

`Live At Torrione Jazz Club´  

`The Treasures Are´ // `Up And Out´ // `The Balderin Sali Variations´  

`Astonishment´  

`Do. So´  

`Saillances´ // `MétamOrphée´  

`Rise´  

`Echoes From The Planet´  

`Live At L’Horloge´  

`O’er The Land Of The Freaks´  

`Hipparchus´  

`Autocannibalism´  

`Songs On The Line´  

`Hyperbeatz vol. 1´ // `俳句´ // `Different Constellation´  

`Daily Drone Dream´  

`Combat Joy´  

`Due´  

`The Wroclaw Sessions´  

`Phase Duo´  

`Tracing South´ // `Stereo´  

`Unknown Shores´  

`Schwingende Luftsäulen 2´  

`That Is Not So´  

`Depth Sounding´ // `quando ero un bambino farò l’astronauta´  

`Soufifex´  

`La bottega del suono (Mario Bertoncini. Maestri e allievi.)´  

`Live At Nikodemus Church´  

`Songs from The Eternal Dump´  

`Cosa potrebbe accadere´  

`Avrei Dovuto Odiarti´  

`The Night Of The 13th’ Moon´  

`10, A Brokken Records Special Edition´  

`OAK´  

`Octo´  

`fourtyfour fiftythree´  

`Antinodal´  

`IMAfiction: Portrait # 01 - # 10´  

`Placid´  

`Music For Cat Movies´  

`Air Skin Digger´ // `Sidereal Deconposition Activity´  

`Milano´ // `Sinking Into A Miracle´  

`Light From Another Light´  

`Drift´  

`Repeat Please!´  

`Sum And Subtraction´ // `2. Akt´ // `Utopia´  

`Metaphysics Of Entropy´  

`Chambery´  

`Flares´  

`OPS…!´  

`W´  

`Live At Kühlspot´  

`22:22 Free Radiohead´