`The Organ Of Corti´

Autore disco:

taus

Etichetta:

L’Innomable (SLO)

Link:

www.linnomable.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2007

Titoli:

1) the organ of corti

Durata:

51:59

Con:

Tim Blechmann, Klaus Filip

rette parallele che si incontrano

x Alfredo Rastelli

Ottima l’etichetta slovena L’Innomable che pian pianino si è ritagliata un suo posto nell’ambiente avant europeo grazie ad una serie di uscite interessanti in cui sono stati coinvolti artisti di primo pelo (su tutte la collaborazione Dorner/Capece e la simil orchestra di Mark Wastell). In ultimo, abbiamo tra le mani il duo Tim Blechmann & Klaus Filip, nel loro progetto denominato taus (scritto in piccolo): “The organ of corti” è una lunga traccia, tocca i cinquanta minuti, che vive però di diversi momenti, senza continuità, divisi da lunghe fasi di silenzio. Gli elettronics di Blechmann e Filip viaggiano insieme tracciando linee parallele che percorrono però territori opposti, rumoroso l’uno, melodico l’altro (certo minimalismo storico), soprattutto nella parte iniziale, in cui le sonorità dei due si sovrappongono ma rimanendo di fatto autonome; via via che ci si addentra nel disco le personalità di Blechmann e Filip vengono però ad incontrasi sul comune terreno dell’elettronica minimale, fino a confondersi in un silenzio non-definitivo da cui, come un elettrocardiogramma sonoro, lentamente ed inesorabilmente si torna a mandare segnali vitali.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 1/7/2008

`Tajaliyat´  

`Selected Works For Piano And/Or Sound-Producing Media´  

`Triad´ // `Mokita´  

`Syria´  

`Humyth´  

`La spensieratezza´  

`Come tutti gli altri dei´  

`The Cold Plan´  

`Jukebox all’idroscalo´  

`Beautifully Astray´  

`Pulsioni oblique´ // `For Anita´ // `Musica per camaleonti´  

`Leaking Words´  

`NorN´  

`Giraffe´  

`Temps En Terre´  

`A Season´ // `(S)àcrata´ // `Nei resti del fuoco´  

`Live At Konfrontationen Nickelsdorf 2012´  

`The Spring Of My Life´  

`Noises From Melancholia´  

`Meccanismi e desideri semplici´  

`Edges´  

`Una piccola tregua (Live)´  

`Settembre´  

`Amphibian Ardour´ // `Gleadalec´ // `Emerge´  

`Plastic Fantastic´  

`Z/Rzw-Shiiiiiii´  

`Vegir´  

`Quadrature´  

`Lo stretto necessario´  

`Food Foragers´  

`AB+´  

`Disappearing´  

`Porteremo gli stessi panni´  

`Words Delicate Flight´  

`The Irresistible New Cult Of Selenium´  

`Floatin’ Pieces´  

`Girovago´  

`Un tempo, appena´  

`Inscapes´  

`Ortiche´  

`Maledette rockstar´  

`Exuvia´  

`Le nuvole si spostano comunque´  

`Magic Pandemonio´  

`Omaggio a Marino Zuccheri´  

`Gamelan – Coming & Going´  

`Succi con ghiaccio´  

`Si rompe il silenzio nel giardino delle mandragole´  

`Hide & Squeak´  

`Neve´  

`Kintsugi´  

`Tell No Lies´  

`Cronache carsiche´  

`Piccola Orchestra Artigianale degli Improvvisatori di Valdapozzo´