`Caves´

Autore disco:

Riccardo Dillon Wanke

Etichetta:

Sedimental (USA)

Link:

www.myspace.com/rdwmusic

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2008

Titoli:

1) e 2) Join 3) Caves 4) Jest 5) Old Man

Durata:

45:35

Con:

Riccardo Dillon Wanke, Giuseppe Ielasi

Un ottimo esordio

x Salvatore Borrelli

Riccardo Dillon Wanke lo ritroviamo al suo disco d'esordio su Sedimental, dopo averlo conosciuto nel collettivo Medves del 2004, insieme a Belfi, Rinaldi, Pilia e Ielasi. Le fonti matrici di questo lavoro impeccabilmente deciso sono chitarra (elettrica e acustica) e sassofono (che compare nell'ultima parte di Jest nelle sembianze di un manufatto inclinato tra disarticolazioni e rimbrottii free-noise). "Caves", sulla carta, potrebbe essere un'estensione della musica neo-psichedelica a carattere riduzionista (David Maranha e Manuel Mota o Rafael Toral) o appartenere ad un revival post-kranky come molta musica esistente negli ultimi anni (Kaijo, Seht) ma per quanto mi riguarda, "Caves" è apparentato più a musicisti come Harold Budd o James Tenney o Phill Niblock che ai neo-minimalisti o neo-riduzionisti dell'ultima ora. Le parentele col etichette quali Cold Blue appartengono allo spirito complessivo del disco, che talvolta naviga dalle parti di "Happy days" di O'Rourke, come nel caso dell'introduzione e qualche altra dalle parti dei dischi in coppia di Richard Youngs. Qualche volta, come in Jest, si sentono delle ventate basinskiane, dei loop assai vicini a quelli della disintegrazione, ed a cui evidentemente rimandano per omaggiare. La traccia che preferisco è l'ultima perché è forse l'unica posta sull'esterno, e quindi sbocciata, a differenza degli altri quattro movimenti che è come se implodessero senza mai prendere una forma precisa. L'attitudine di "Caves" è solitaria e metapsichica, si basa su semplici contrapposizioni tonali ripetute e scandite da piccoli grappoli di corde pizzicate con oggetti, archetti e dita e nella sostanza italica ricorda molto spesso il lavoro di Stefano Pilia, che a differenza di questo appare più transitivo e meno calcolato. L'atmosfera che potrebbe sembrare quieta, liberatoria e per certi versi zen, non è affatto così rassicurante come sembra (e con quei rintocchi di corde, sembra una campana cimiteriale) né il disco è così semplice e libero, come si potrebbe credere ad un primo inattento ascolto. Più che improvvisazione tra queste note c'è parecchia composizione, e non si tratta solo di quella composizione scritta su carta, ma di quel tipo di lavoro che implica molta spazialità e parecchia libertà di risonanza e di movimento, così come una certa regolarità nel far uscire dai suoni solo l'aspetto asciutto e necessario, andando in una direzione precisa. C'è memoria e solitudine: più si va avanti e più il disco è attraversato da foschie, nebbie e rumori quasi sussurrati che in brevi pennellate si fanno materia immaginaria e vista trasognata. La copertina del disco ne indica lo spirito: una soggettiva dietro un reticolato: molto spazio, corpi vicini e distanti e mobili o immobili che non si toccano ma che potrebbero benissimo figurare come immagini di un “Music for airports” e dietro, dietro questa barriera, forse ancora più isolato, bloccato, o immobile, il suo autore, che vede e traduce e sapientemente miscela questa desolazione. Tutto sembra intoccabile, e frutto di un effetto greve quanto definitivo. Si tratta di un esordio importante e di un disco importante (e crudele)... il suo autore è da tenere d'occhio e se ne aspettano le prossime mosse.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 4/1/2009

`Temps En Terre´  

`A Season´ // `(S)àcrata´ // `Nei resti del fuoco´  

`The Spring Of My Life´  

`Noises From Melancholia´  

`Meccanismi e desideri semplici´  

`Edges´  

`Una piccola tregua (Live)´  

`Settembre´  

`Amphibian Ardour´ // `Gleadalec´ // `Emerge´  

`Plastic Fantastic´  

`Z/Rzw-Shiiiiiii´  

`Vegir´  

`Quadrature´  

`Lo stretto necessario´  

`Food Foragers´  

`AB+´  

`Disappearing´  

`Porteremo gli stessi panni´  

`Words Delicate Flight´  

`The Irresistible New Cult Of Selenium´  

`Floatin’ Pieces´  

`Girovago´  

`Un tempo, appena´  

`Inscapes´  

`Ortiche´  

`Maledette rockstar´  

`Exuvia´  

`Le nuvole si spostano comunque´  

`Magic Pandemonio´  

`Omaggio a Marino Zuccheri´  

`Gamelan – Coming & Going´  

`Succi con ghiaccio´  

`Si rompe il silenzio nel giardino delle mandragole´  

`Hide & Squeak´  

`Neve´  

`Kintsugi´  

`Tell No Lies´  

`Cronache carsiche´  

`Piccola Orchestra Artigianale degli Improvvisatori di Valdapozzo´  

`Cascata´ // `Plancton´  

`Lighthouse´  

`Hawkward´  

`Innlaandds´  

`Francesco Serra´  

`Homo Ebetis´  

`Fear in the corner - prova aperta´  

`Flow´  

`L’oreficeria´  

`La rete di Indra´  

`Classified´  

`Schwingende Luftsäulen´  

`Manifesto della chimica romantica´  

`AMAS´  

`武士´