`Po(p)tential´

Autore disco:

Törst

Etichetta:

Autoproduzione (I)

Link:

www.torst.com
www.myspace.com/torstmusik

Formato:

Cd-r / Mp3

Anno di Pubblicazione:

2008

Titoli:

1) What Really Matters 2) In The Long Run 3) Bad Karma 4) Mmmhhhh, It`s Törst Again 5) Keen On Me

Durata:

14:30

Con:

Adriano Elia, Paolo Marcellini

Una Zolletta di zucchero ed un goccin di veleno

x Marco Carcasi

Urk!
Casa Törst si illumina di un raggio di sole primaverile, le finestre risplendono, i muri son bianchi e scrostati, l`inverno è stato duro, ma ne siamo quasi fuori.
Adriano Elia e Paolo Marcellini, osservano la natura circostante, mutare e stiracchiarsi pigramente, sorseggiando un dolce e caldo infuso di erbe; con un goccin di veleno dentro.
Il post, e l`attitudine maggiormente sperimentale precedentemente esposta; s`incrina e spacca.
Cinque brani semplicemente deliziosi, quasi traumatici nella loro apparente semplicità .
Quattordici minuti che gentilmente ti chiedono permesso ed entrano nelle tue stanze, insediandosi in pianta stabile dalle parti del divano rivolto alla luce.
Post rock/kraut filiforme, che si tinge di atmosfere pigre e scintillanti, sottili filamenti folk stesi come copertina calda sulle ginocchia, le gambette stecche in tremito/attesa delle corse a perdifiato in divenire.
E chi se l`aspettava?
Azzardo coordinate, l`accoppiata M.Gira/Dan Matz, le brume degli Apartments di “The Evening Visits...”, la vertigine Bark Psychosis, Brian Eno in riva al Mediterraneo commosso alla vista di alghe sparpagliate come nastro magnetico sulla sabbia calda; i Traffic di “John Barleycorn Must Die” con un filo di amplificazione precaria.
Cartoline di folk albionico ingiallite, attaccate con lo scotch sul frigo.
Ogni brano un possibile, microscopico, innamoramento.
Per pochi (probabile), per molti (spero).
“Po(p)tential”, è una finestra aperta che induce alla vita.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 29/6/2009

`Eight Pieces For The Buchla 100 Series´  

`Katacombe Vol. 3´  

`In Vivo´  

`2013 – 2021 dal diario di Luigi La Rocca, Cittadino´  

`A Secret Code´ // `Echolocation´  

`Avvolgistanti´  

`Elements´  

`Blues Pour Boris´  

`The Other Lies´  

`Kora´  

`Over The Ridge´  

`Nut´  

`Medusa Dreaming´  

`Melancholia´ // `Cure And Mound´  

`Justinian Intonations´  

`Transmitter´  

`Fernweh´  

`Totale!´  

`Post Jazz Chamber Music´  

`Pulsioni Oblique Vol. 2´ // `Hardboiled´  

`Cirrus´  

`Saca Los Cuernos al Sol´  

`Approximately Grids With A Plan´  

`Eris I Dysnomia´ // Ixtlahuaca´ // ‘Box Of Black´  

`Beats The Plague´  

`Parallelism´  

`Mother Afrika´  

`Non Dweller´ // `Erosion´  

`Music For A Different Room´  

`Thrīe Thrēo Drī ´  

`Reverse Drift / Reverse Charge´  

`An Established Color And Cunning´  

`Postcard From A Trauma´  

`Notturno´  

‘Nova esperanto (l’album perduto del 2006)´  

`Duo Sutera Novali´  

`Absum´  

`Convex Mirrors´  

`Township Nocturne´  

`Let It Fall´// `Does The Moon Not Dream´  

`Special Adaptations Volume 1´  

`Kranenburg Tree´  

`Nothing´  

`Subtle Matters´  

`WE3´  

`Solos And More At Studio 304´  

`Bureau´  

`Dawn Ceremony For Dreadful Days´  

`Der Verboten´  

`Two Sing Too Swing´ // `Two Creams Too Scream´  

`Monólogos a Dois´ // `Solo Acoustic Guitar Improvisations I´  

`Jar’a´  

`Altbüron´  

`Microstorie´  

`Sleeping Beauty´