`Distances´

Autore disco:

Obsil

Etichetta:

Disaster by Choice (I)

Link:

www.disastersbychoice.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2009

Titoli:

1) Brucia; Reciso Luccicante 2) V.Santo 3) Ritorno (Il Cielo In Mezzo) 4) Gomitoli 5) Just Some Important Places 6) Sub Ficinulae 7) Sui Tornanti; Prima Del Mare 8) Terra Rossa [rendering] Bruma Dalle Zolle 9) B.V. 1-6-08 Notte (Ombre Di Una Scordata Armonia) 10) Ancora Vento Fra Le Campane Di Davide 11) A Veglia 12) Details 13) 1+1=1

Durata:

45:01

Con:

Giulio Aldinucci

la serenità in suoni, tra contemporanea e glitch

x Matteo Uggeri

Ho fatto fatica ad entrare in sintonia con questo disco: ad un primo approccio ho storto il naso per la messe di suoni sintetici che alle mie orecchie appaiono forse poco moderni, o perfino scontati. Non ho capito il modo in cui le strutture scomposte delle tracce erano state organizzate, e le melodie rarefatte non mi hanno sedotto.
Ma ci ho riprovato, e provato di nuovo. E` stato durante un viaggio in auto in un giorno sereno che finalmente le complesse volute di “Distances” sono riuscite a conquistarmi, in modo da farmi comprendere come nè i suoni dei synth, nè la frammentazione, e neppure le melodie erano poco interessanti come mi erano parsi all`inizio. Ho spostato il fuoco della mia attenzione, ritrovando molteplici strati orizzontali e verticali all`interno dei quali si intrecciano strumenti acustici, ritmi giocosi e impreviste dissonanze.
A quel punto l`impressione è stata quella di trovarsi di fronte ad un`opera a cavallo tra la musica contemporanea ed una sorta di pop elettronico quasi new age, che con i suoi accenni glitch è in grado di elevarsi sopra i suddetti generi per venire a costituire un piccolo regno a sé, dignitoso e valido. Merito principale di tale disco, che pare abbia raccolto anche il favore del Piano Magic Glen Johnson, è quello di risultare estremamente sereno, ed al tempo stesso di facile ascolto, pur restando di fatto un`opera di musica sperimentale. Un equilibrio difficile e virtuoso, che Giulio Aldinucci ha saputo mettere in atto con grande maestria.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 28/5/2010

`INCIDENTI – Lo schianto´ // `O´  

`In Her Words´  

`Paint Your Lips While Singing Your Favourite Pop Song´  

`Alpine Variations´ // `Watering A Paper Flower´  

`Promontory´  

`« … »´  

`Katacombe Vol. 3´  

`In Vivo´  

`Eight Pieces For The Buchla 100 Series´  

`Aterraterr´  

`Cabrioles cérébrale et accidents psychotiques´  

`2013 – 2021 dal diario di Luigi La Rocca, Cittadino´  

`A Secret Code´ // `Echolocation´  

`Avvolgistanti´  

`Elements´  

`Blues Pour Boris´  

`The Other Lies´  

`Kora´  

`Over The Ridge´  

`Nut´  

`Medusa Dreaming´  

`Melancholia´ // `Cure And Mound´  

`Justinian Intonations´  

`Transmitter´  

`Fernweh´  

`Totale!´  

`Post Jazz Chamber Music´  

`Pulsioni Oblique Vol. 2´ // `Hardboiled´  

`Cirrus´  

`Saca Los Cuernos al Sol´  

`Approximately Grids With A Plan´  

`Eris I Dysnomia´ // Ixtlahuaca´ // ‘Box Of Black´  

`Beats The Plague´  

`Parallelism´  

`Mother Afrika´  

`Non Dweller´ // `Erosion´  

`Music For A Different Room´  

`Thrīe Thrēo Drī ´  

`Reverse Drift / Reverse Charge´  

`An Established Color And Cunning´  

`Postcard From A Trauma´  

`Notturno´  

`Nova esperanto (l’album perduto del 2006)´  

`Duo Sutera Novali´  

`Absum´  

`Convex Mirrors´  

`Township Nocturne´  

`Let It Fall´// `Does The Moon Not Dream´  

`Special Adaptations Volume 1´  

`Kranenburg Tree´  

`Nothing´  

`Subtle Matters´  

`WE3´  

`Solos And More At Studio 304´  

`Bureau´