`Lieu´ / `Detrimental dialogue´

Autore disco:

Faravelliratti / Andrea Marutti & Fausto Balbo

Etichetta:

Boring machines, Coriolis sounds / Boring machines, Afe, Fratto9 under the sky (I)

Link:

www.myspace.com/attilafaravelli
www.nicolaratti.com
www.aferecords.com/andreamarutti/index_864.htm
www.myspace.com/faustobalbo

Formato:

LP / CD

Anno di Pubblicazione:

2010

Titoli:

1) At noon 2) Bows and arrows 3) And lacrosse sticks 4) I`ve witnessed 5) This spectacle 6) Every september // 1) Winter 2) Indulge me 3) Set track 4) Troubled elephant

Durata:

37:51 // 48:11

Con:

Attila Faravelli, Nicola Ratti // Andrea Marutti, Fausto Balbo

Splendidi duetti non convenzionali

x Daniele Guasco

Non ascoltavo materiale solista di Nicola Ratti dal bellissimo “Prontuario per giovani foglie”, riscoprirlo in questa nuova collaborazione con Attila Faravelli è stato un vero e proprio piacere. Nel progetto Faravelliratti infatti la chitarra di questo artista viene manipolata dal secondo attraverso un elaborato sistema di amplificazione dando forma a un disco di luci ed ombre, suoni rarefatti e ipnotici, paesaggi melodici caldi e intensi.
Le sei tracce che compongono l`lp si ammalgamano in un tripudio di sensazioni per l`ascoltatore che si perde nei solchi lasciandosi trasportare dalla musica. Quello tra Ratti e Faravelli è un duetto che riesce a dare forma a un`eperienza sonora unica ed estasiante, un connubio i cui frutti lasciano affascinati, senza parole, totalmente rapiti dalla grazia e dall`eleganza di questo disco. “Lieu” è un album gentile, quasi timido nel suo ondeggiare con cautela per tutta la sua durata, ma capace di entrare nel cuore dell`ascoltatore con estema facilità .
Ugualmente ben riuscito ma dai metodi e risultati diversi è il duetto tra Andrea Marutti e Fausto Balbo contenuto in “Detrimental dialogue”. Il titolo indica più che giustamente un dialogo, su quanto questo sia dannoso però c`è da discutere. Marutti e Balbo infatti compongono (in due anni di sessioni) un album ostico e opprimente, un susseguirsi di intuizioni sintetiche e di suoni alienanti. I due artisti costruiscono un panorama spaziale impervio, ben rappresentato nella sua scomoda psichedelia dai disegni di Stefano “Sicksoul” Rossetti che arriscocono l`ottimo artwork del cd.
Nonostante questo però “Detrimental dialogue” si rivela un ascolto da cui non ci si riesce ad allontanare, si viene totalmente rapiti da suoni e suggestioni, da costruzioni e geometrie insolite e affascinanti.
Due duetti dagli ottimi frutti, due proposte più che interessanti, due esperienze di ascolto che fanno sperare che entrambi questi progetti non si limitino a una sola testimonianza allargando sempre di più le diverse percezioni che si possono provocare con la musica.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 25/3/2011

`Mycelium´ // `The Asocial Telepathic Ensemble´  

`Trónco´  

`Kinesis´ // `Kinesis, Vol. 2´  

`Live At Pariser Platz´  

`Praznina / Emptiness´  

`Transient´ // `HerbstReise´  

`Sound In Time´  

`Due Mutabili´ // `Cadenza del Crepuscolo´  

`Ornettiana´ // `Monk On Viola´  

`The Quietest Of Whispers´  

`Ochotona Calls´  

`Zanshou Glance At The Tide´  

`OSSI – Album Su LP´  

`Quadrivium´  

`An Artist’s Life Manifesto´  

`Terrestrial Journeys´  

`Uragano´  

`Live at De Roze Tanker´ // `Left Side Right´  

`Tetrapylon´  

`Orchid Music´ // `Green Album´  

`333´  

`From Solstice To Equinox´ // `Starlight And Still Air Reworked´ // `Out Of Standard!! – Italia 11´  

`All The Way Down´  

`Twofold´ // `Made Out Of Sound´ // `Decameron´  

`Conjugate Regions´  

`Wells´  

`Spiralis Aurea´  

`Black Holes Are Hard To Find´  

`Níjar´  

`Songs in Time of Plague´  

`Austin Meeting´  

`Arkinetics´  

`Shirwku´  

`Le Jardin Sonore´ // `TMR´  

`Folk! Volume 1´ // `Folk! Volume 2´  

`Ilta´  

`Sings´  

`Tempoo´  

`After The Storm (complete recordings)´  

`Virus´  

`Blue Horizon´  

`Hide Nothing´ // `BeforeThen´  

`Signals´  

`You’re Either Standing Facing Me Or Next To Me´ // `Yurako´ // `My Lord Music, I Most Humbly Beg Your Indulgence In The Hope That You Will Do Me The Honour Of Permitting This Seed Called Keiji Haino To Be Planted Within You´  

`The Soundtrack Of Your Secrets´