`Indivenire´

Autore disco:

Violaspinto

Etichetta:

Madman Records Italia (I)

Link:

www.violaspinto.it
www.myspace.com/violaspinto

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2011

Titoli:

1) Apatica 2) Cravatte e Cucchiai 3) Solite Illusioni 4) Il Tuo Segreto 5) Canali e Spirali 6) Orano 7) Madre Universale 8) Plexiglass 9) Il Dono (ninna nanna) 10) Schiava

Durata:

42:49

Con:

Dylan Imberti, Luca Laboccetta, Manuel Bertocchi, Gianluca Alfonsetti

Ibrido rock d’autore made in italy

x s.e.

I Violaspinto da Bergamo tagliano il traguardo del secondo full lenght, rinsaldando con “Indivenire” un’apprezzabile capacità nel costruire buone canzoni. Canzoni che, musicalmente parlando, aspirano ad un mix apertamente ‘incoerente’: un caleidoscopio dove si uniscono cicatrici post-punk intrise di un sex appeal melodico e spaziale (Apatica), con altre decisamente più arcigne e sature di riverberi (Plexiglass). Al contempo non mancano fitti addensamenti d’intima carica rock-cantautorale, testimoniati a pieno regime in Cravatte e Cucchiai, come dalla lucente pasta estatica che avvolge Solite Illusioni e Canali e Spirali, dove in sottofondo l’asciuttezza del basso può persino far riemergere lontani fotogrammi slintiani. Si percepiscono ovviamente anche cartoline di sconfinata tenerezza, codificate sottoforma di ballate notturne, celebrate al pallido chiarore delle stelle (Il Tuo Segreto), trasformate nel finale in oscillanti litanie elettriche (Il Dono).
Il rock d’autore nostrano gode di buona salute, ma con ciò non v’illudete mai di vederli in un prossimo futuro ospiti del palco di Sanremo.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 15/7/2011

`Songs from The Eternal Dump´  

`The Night Of The 13th’ Moon´  

`10, A Brokken Records Special Edition´  

`Octo´  

`fourtyfour fiftythree´  

`Antinodal´  

`IMAfiction: Portrait # 01 - # 10´  

`Placid´  

`Music For Cat Movies´  

`Air Skin Digger´ // `Sidereal Deconposition Activity´  

`Milano´ // `Sinking Into A Miracle´  

`Light From Another Light´  

`Drift´  

`Repeat Please!´  

`Sum And Subtraction´ // `2. Akt´ // `Utopia´  

`Metaphysics Of Entropy´  

`Chambery´  

`Flares´  

`OPS…!´  

`W´  

`Live At Kühlspot´  

`22:22 Free Radiohead´  

`Dance Mystique´  

`Diciotto´ // `Em Portugal!´ // `A Pearl In Dirty Hands´  

`Livebatts!´  

`Doublethink´  

`Explicit´ // `Clairvoyance´  

`Gratitude´  

`Kalvingrad´  

`Damn! Freistil-Samplerinnen 4 + 5´  

`L’inottenibile´  

`Four Waves´  

`Beats´  

`Vostra Signora Del Rumore Rosa´  

`777+2 Per Aspera Ad Astra´  

`Emblema´  

`Tajaliyat´  

`Moondrive´  

`Collected Wreckages´ // `Shallow Nothingness In Molten Skies´ // `Blind Tarots´  

`Selected Works For Piano And/Or Sound-Producing Media´  

`Triad´ // `Mokita´  

`Syria´  

`Humyth´  

`La spensieratezza´  

`Come tutti gli altri dei´  

`The Cold Plan´  

`Jukebox all’idroscalo´  

`Beautifully Astray´  

`Pulsioni oblique´ // `For Anita´ // `Musica per camaleonti´  

`Leaking Words´  

`NorN´  

`Giraffe´  

`Temps En Terre´  

`A Season´ // `(S)àcrata´ // `Nei resti del fuoco´