`Cut A Caper´


Autore disco:

Ig Henneman Sextet

Etichetta:

Stichting Wig (NL)

Link:

www.stichtingwig.org
www.toondist.nl
www.subdist.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2011

Titoli:

1) Moot 2) Light Verse 3) Brain And Body 4) Rivulet 5) Narration 6) Toe And Heel 7) Fervid 8) Cut A Caper 9) Precarious Gait 10) A Far Cry

Durata:

58:30

Con:

Ig Henneman, Ab Baars, Axel Dörner, Lori Freedman, Wilbert De Joode, Marilyn Lerner

dischi come questo fanno felice il recensore

x e. g. (no ©)

Improvvisazioni strutturate dalle vivide coloriture psycho per questo ensemble strutturalmente internazionale (Canada, Olanda e Germania) ma concettualmente olandese. L’Ig Henneman Sextet potrebbe essere infatti una costola staccatasi degli ensemble guidati da Maarten van Regteren Altena, sia per l’equilibrio esistente fra a solo, passaggi d’insieme e combinazioni di più piccola entità, e sia per il carattere cameristico, e a tratti minuettistico, delle tessiture elaborate. I momenti in solitudine sono comunque in grado di esaltare l’attitudine dei singoli protagonisti, riescono così ad emergere la veemenza free di Ab Baars come l’autismo sonoro di Axel Dörner, oppure lo stile giocattoloso di una Lerner più attenta alla musica di Satie che alla tradizione della new thing. Gli incastri, i contrappunti, il gioco dei ‘call and response’ brillano sempre per puntualità e fantasia, dando lustro ad una impostazione ormai vecchia di qualche decennio ma dura a morire.
“Cut A Caper” è uno di quei dischi che, seppure non particolarmente originali o innovativi, hanno una loro ragione di esistere e riescono a fare felice il recensore.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 21/1/2013

`AV.UR.NAV.´  

`Re-Mit´  

`Contra Mundum´  

`Outta Kali Phobia´  

`Visible Music For Unheard Visions´  

`A Heart That Responds From Schooling´  

`Ultrasonic Bathing Apparatus´ // `Tape Crash #10´  

`Radici´  

`Multiple´  

`Sotto assedio´ // `Il giorno delle altalene´ // `Endless Tapes EP´  

`Adesso´  

`Natura Morta´ // `Blind Sun New Century Christology´ // `Dust & Mirrors´  

`Pareti nude´  

`Germanotta Youth´  

`All Impossible Worlds´  

`Cloudriding´  

`More Nasty´ // `Svimmelhed´ // `Residual Ugly´  

`Il formicaio´ // `Nagual´ // `Hyppopotàmus´  

`DIE´ // `S’Û´  

`La Solitudine del Sole´ // `Fino alla fine della notte´  

`Greetings´  

`La prima volta´  

`Difference Engines´  

`Crudité´  

`Naked Wolf´ // `Buiten Dienst´  

`Matrice´  

`Madrigali´  

`Governo Laser´  

`Burnout (August Sessions)´  

`Digital Kind Of Guy´  

`Sono andato a letto presto´  

`Virus´  

`Virale´  

`Fiori dal limbo´  

`Erm´ // `Vignettes´ // `After Dinner´  

`Embeddead´  

`Diplocomp – A Diplodisc Sampler´  

`Reforged´  

`Waschmaschine´  

`Jarboe / Helen Money´  

`La via della salute´  

`Tape Crash #11: The Examination´  

`Blu´  

`Perfect Laughter´  

`Ranch´  

`Apocalypse Town´  

`Exagéré!´  

`Tsuru No Sugomori´  

`Dasein´  

`The Cost Of Service´ // `CaseMatte / коробочка для пилюль´ // `Threatening Fragments From Four Boulders´  

`Peripheral´  

`Coro Corridore con Megafoni´  

`Elementer´ // `Primitive Future´  

`La Chambre Des Jeux Sonores´  

`In God We Trust´  

`Lasting Ephemerals´ // `Don Kixote´ // `Moon´  

`nu.it´  

`Scimmie´