`Cut A Caper´


Autore disco:

Ig Henneman Sextet

Etichetta:

Stichting Wig (NL)

Link:

www.stichtingwig.org
www.toondist.nl
www.subdist.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2011

Titoli:

1) Moot 2) Light Verse 3) Brain And Body 4) Rivulet 5) Narration 6) Toe And Heel 7) Fervid 8) Cut A Caper 9) Precarious Gait 10) A Far Cry

Durata:

58:30

Con:

Ig Henneman, Ab Baars, Axel Dörner, Lori Freedman, Wilbert De Joode, Marilyn Lerner

dischi come questo fanno felice il recensore

x e. g. (no ©)

Improvvisazioni strutturate dalle vivide coloriture psycho per questo ensemble strutturalmente internazionale (Canada, Olanda e Germania) ma concettualmente olandese. L’Ig Henneman Sextet potrebbe essere infatti una costola staccatasi degli ensemble guidati da Maarten van Regteren Altena, sia per l’equilibrio esistente fra a solo, passaggi d’insieme e combinazioni di più piccola entità, e sia per il carattere cameristico, e a tratti minuettistico, delle tessiture elaborate. I momenti in solitudine sono comunque in grado di esaltare l’attitudine dei singoli protagonisti, riescono così ad emergere la veemenza free di Ab Baars come l’autismo sonoro di Axel Dörner, oppure lo stile giocattoloso di una Lerner più attenta alla musica di Satie che alla tradizione della new thing. Gli incastri, i contrappunti, il gioco dei ‘call and response’ brillano sempre per puntualità e fantasia, dando lustro ad una impostazione ormai vecchia di qualche decennio ma dura a morire.
“Cut A Caper” è uno di quei dischi che, seppure non particolarmente originali o innovativi, hanno una loro ragione di esistere e riescono a fare felice il recensore.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 21/1/2013

`Dimensioni´ // `Parallelo´  

`Live At La Resistenza´  

`Drowning In Wood´  

`Malo´ // `Sacrée Obsession´  

`Veiled´  

`Cartridge Music (musica per testina)´ // `Nassau 1713´  

`Sensorium´  

`Zwischenbrücken´  

`Al-khīmiyya - الخيمياء´  

`Nox Lux´  

`Alchemy To Our Days´  

`Meeting Points´  

`Soundcards 01´  

`eXcavations´ // `Red Blue´  

`OU´  

`Olanda in Due (Live At NovaraJazz Italy 2015)´  

`Tapes Amateurs´  

`Super 8´  

`The Third Season´  

`A Path Made By Walking´  

`Glance And Many Avenues (Live At Apex, Göttingen 2013)´  

`Doropea´  

`Hotend – Do Tell Plays The Music Of Julius Hemphill´  

`Missa Brevis´  

`Tecniche Arcaiche live at Angelica´  

`Why Not´  

`Cacao´  

`Wander´  

`Dream In A Landscape´  

`Song Cycle´  

`URI´  

`Silence Be Alive (生きてこい沈黙)´  

`Silent Carnival´  

`Passage´ // `AOUIE – Bass Clarinet Solo´  

`In The Other House´ // `Perversions Of The Aging Savant´  

`The Clash Of The Titans´  

`Beyond Repair´  

`Capolavoro´  

`Tracce D’Africa´  

`AV.UR.NAV.´  

`Re-Mit´  

`Contra Mundum´  

`Pour en finir´ // `New Vocabulary´  

`Upper Hell´  

`Outta Kali Phobia´  

`Visible Music For Unheard Visions´  

`A Heart That Responds From Schooling´  

`Ultrasonic Bathing Apparatus´ // `Tape Crash #10´  

`Radici´  

`Multiple´  

`Sotto assedio´ // `Il giorno delle altalene´ // `Endless Tapes EP´  

`Adesso´  

`Natura Morta´ // `Blind Sun New Century Christology´ // `Dust & Mirrors´  

`Pareti nude´  

`Germanotta Youth´  

`All Impossible Worlds´